Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La segretezza della corrispondenza e le indagini giudiziarie

La segretezza della corrispondenza e le indagini giudiziarie.
Gli argomenti trattati vertono sui principi costituzionali della segretezza della corrispondenza in genere con particolare riguardo alle indagini giudiziarie (fascicoli del PM, del dibattimento ecc....). Breve cenno alla riservatezza della corrispondenza e sviluppo delle indagini giudiziarie ed in particolar modo alle indagini preliminari. Espresso riferimento alle intercettazioni telefoniche ed ambientali oltre a tutte le altre tecniche connesse, con riferimento alle forme di utilizzabilità delle stesse e delle guarentigie connesse alle intercettazioni nei confronti dei parlamentari e delle delle Alte Cariche dello Stato.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1 LA SEGRETEZZA DELLA CORRISPONDENZA: SVILUPPO STORICO E PROFILI GENERALI 1.1 L’origine della problematica: dal Diritto Romano all’art.15 della Costituzione Italiana. Anticamente il rapporto di corrispondenza era riconosciuto nel rapporto intercorrente tra i singoli privati e solo successivamente è stata rilevata l’affermazione del diritto alla corrispondenza come diritto soggettivo pubblico. La difesa dell’inviolabilità della corrispondenza attraverserà varie e successive fasi di sviluppo legate, nonostante la scarsità e la frammentarietà delle fonti, ad evoluzioni graduali. Prendendo le mosse dal diritto romano, dove la tutela per ciò che riguarda la soppressione, l’apertura e la diffusione di notizie contenute in un plico sigillato, è articolata nell’actio furti e nell’actio iniuriarum, nel diritto intermedio queste distinzioni furono abbandonate e le violazioni della corrispondenza ricondotte all’unica fattispecie del crimen falsi 1 .                                                             1 uno statuto dei mercanti di Piacenza del secolo XII ed alcune opinioni dottrinali ci documentano che lacerare, comburere, celare, aperire lettere o ogni altro plico sugellato, è considerato crimen falsi. 

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Fabio Velardi Contatta »

Composta da 263 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4051 click dal 21/05/2008.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.