Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli italiani in Istria e nel Quarnero dal dopoguerra ad oggi

Questa tesi tratta della storia cinquantennale e della attuale situazione socio-politica della minoranza italiana di circa 40.000 unità, che vive in Istria e nel Quarnero, cioè di quelle persone che al termine della II Guerra Mondiale decisero di non optare per la cittadinanza Italiana rimanendo nella regione annessa alla Jugoslavia di Tito.

Mostra/Nascondi contenuto.
PREFAZIONE In questa tesi di laurea verrà raccontata la storia della Comunità Nazionale Italiana in Istria e a Fiume negli anni che vanno dalla fine della seconda guerra mondiale ad oggi. Queste vicende saranno presentate con la massima obiettività possibile, cercando di privilegiare, ove il contesto lo consenta, la storia alle opinioni personali. L’elaborato si snoda lungo cinque capitoli. Il primo è una doverosa premessa storica; esso serve a fare capire perché nella regione esiste una minoranza italiana, e per fare ciò racconta, anche se per sommi capi, le vicende che hanno portato all'esodo di oltre 300.000 italiani. I capitoli centrali sono focalizzati sulla storia degli organismi associativi "italiani" in queste terre, storia difficile ed in salita, storia che è iniziata sotto la "terza via al comunismo" di Tito, è passata per l’ultranazionalismo di Tudjman per arrivare infine, ed è cronaca recente, alla via, speriamo, riformista e democratica di Stipe Mesic. Questi organismi hanno rappresentato, e rappresentano tuttora, nel bene e nel male, l’unico appiglio che gli italiani rimasti in questa regione hanno avuto per mantenere viva la fiammella dell’italianità. Italianità che non vuole assumere contorni nazionalisti o irredentisti, i quali non hanno più nessuna ragione di esistere, bensì vuole significare la sopravvivenza di una cultura, di una lingua e di una etnia che in queste terre hanno una storia millenaria. Poi abbiamo dato spazio ad un capitolo dedicato alla tutela giuridica, eterno "tallone d’Achille" di queste genti, spesso discriminate e trattate come cittadini di serie B nonostante promesse e pompose dichiarazioni di principio. A nostro parere è proprio da un effettiva tutela giuridica che si potranno compiere infatti i primi passi in direzione di una vera rinascita dell’etnia italiana. Infine abbiamo trattato l’argomento dei rapporti tra i "rimasti" e l’Italia, la Nazione Madre; rapporti che sono iniziati e proseguiti nell’indifferenza totale dei mezzi di comunicazione verso l’unica minoranza etnica autoctona italiana, ma che oggi sono molto bene avviati e costituiscono una vera e propria linfa per la comunità. Parlando di rapporti non abbiamo voluto ignorare quelli difficili e tumultuosi che sono intercorsi fra le due facce della medaglia istriana: i rimasti e gli esuli; gemelli siamesi divisi con la forza oltre cinquant’anni fa e allevati nell’odio, solo oggi sembrano aver ritrovato la voglia di dialogare.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Mauro Mereghetti Contatta »

 

Questa tesi ha raggiunto 3343 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.