Skip to content

Il museo al servizio della comunità. Il caso degli ecomusei piemontesi

Informazioni tesi

  Autore: Elisa Paravidino
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della Comunicazione pubblica sociale e politica
  Relatore: Pietro Maria Bellasi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 166

Negli ultimi trent’anni una forma di museo innovativa si è fatta strada in molti paesi, tra i quali anche l’Italia. Si tratta dell’ecomuseo, che dalla sua nascita in Francia intorno agli anni ’70 è diventato oggi un’istituzione presente in tutti i continenti. Questo lo si deve principalmente a due museologi francesi Hugues de Varine e Georges-Henri Rivière considerati i padri fondatori degli ecomusei e ideatori dello stesso termine che avrà poi un discreto successo in tutto il mondo.

I due studiosi francesi si sono impegnati per trasformare in realtà la loro idea di un nuovo museo: un museo che, oltre a fornire un servizio di conservazione della cultura, rappresentasse anche una risorsa in più per la comunità all’interno della quale nasceva. Da queste idee nasce una filosofia che, grazie alla sua malleabilità e adattabilità, verrà ripresa e reinterpretata in molti diversi contesti fino ad oggi.

Questa relazione non è uno studio approfondito sulla materia, ma piuttosto una ricerca sul campo, l’aspetto più interessante degli ecomusei è infatti la loro originalità e la capacità di adattarsi a diversi contesti. Lo studio è stato fatto in quella che è la regione capofila per il riconoscimento degli ecomusei: il Piemonte, dove dal 1995 esiste una legge in materia. Poiché si tratta di un’analisi sul campo di tre realtà molto diverse fra loro, sarà difficile trarre delle conclusioni generali sul movimento ecomuseale, ma sarà invece più interessante vedere come nella pratica questi musei si muovono.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Negli ultimi trent’anni una forma di museo innovativa si è fatta strada in molti paesi, tra i quali anche l’Italia. Si tratta dell’ecomuseo, che dalla sua nascita in Francia intorno agli anni ’70 è diventato oggi un’istituzione presente in tutti i continenti. Quasi contemporaneamente alle grandi conquiste sociali portate dalla rivoluzione del ’68, anche in campo culturale e museologico si cominciava ad assaporare lo stesso gusto per la novità e il cambiamento. Tuttavia, la Nuova Museologia, ossia quella corrente innovatrice che si fa spazio all’interno della museologia classica, vedrà la luce ufficialmente solo nei primi anni ’80. Ma se gli organismi internazionali deputati alla conservazione dei beni artistici impiegarono tanto tempo per riconoscere l’importanza di questo processo, nulla impedì ad alcuni studiosi ed esperti della materia di impegnarsi in prima persona per portare avanti esperimenti di nuovi musei all’avanguardia. Tra questi i museologi francesi Hugues de Varine e Georges-Henri Rivière considerati i padri fondatori degli ecomusei e ideatori dello stesso termine che avrà poi un discreto successo in tutto il mondo. I due studiosi francesi si sono impegnati per trasformare in realtà la loro idea di un nuovo museo: un museo che, oltre a fornire un servizio di conservazione della cultura, rappresentasse anche una risorsa in più per la comunità all’interno della quale nasceva. Da queste idee nasce una filosofia che, grazie alla sua malleabilità e adattabilità, verrà ripresa e reinterpretata in molti diversi contesti fino ad oggi. In particolare l’ecomuseo basa la sua forza sull’innovazione di tre concetti chiave: territorio, comunità e patrimonio. Il territorio non è più considerato solo come mero spazio sopra il quale si vive ma come un denso intreccio di relazioni umane. La comunità raggiunge un’importanza che non ha mai avuto prima e diventa il fulcro dell’azione ecomuseale. Il patrimonio diventa globale, raccogliendo ogni reperto, materiale e immateriale, che una determinata cultura ha disseminato sul territorio. In più di trent’anni di storia molte cose sono cambiate per gli ecomusei, ma la loro forza è dimostrata dal fatto che se ne parli ancora oggi e anzi, lo si faccia sempre più spesso. Questo lavoro nasce dall’interesse per un fenomeno relativamente nuovo in Italia, ma che si sta rapidamente espandendo in tutte le regioni. Quello che qui si è voluto fare non è uno studio approfondito sulla

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunità
de varine
ecomusée
ecomusei
ecomuseo
ecomuseo del freidano
ecomuseo della pietra da cantoni
ecomuseo di cascina moglioni
ecomuseum
identità culturale
laboratorio ecomusei
milieu locale
museo del territorio
partecipazione comunitaria
patrimonio
patrimonio globale
regione piemonte
rivière
sense of place
sviluppo locale
territorio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi