Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il disturbo anoressico e l'orientamento sessuale: un linguaggio al femminile

Tesi di laurea di primo livello riguardante il disturbo anoressico nella sua relazione con il disturbo dell'identità di genere. Dopo una breve introduzione all'argomento, il lavoro è diviso in 3 capitoli. Il primo capitolo tratta dell'anoressia e di come sia collegata con la percezione del corpo e la negazione della sessualità; nel secondo capitolo è trattata la sessualità in relazione all'età adolescenziale, critica sia per i disturbi alimentari che per la definizione dell'orientamento sessuale; nel terzo ed ultimo capitolo, infine, vengono presi in considerazione due studi sull'identità di genere e i disturbi dell'alimentazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
 2 Introduzione. I Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA), comprendono una serie di quadri clinici che si esprimono genericamente attraverso un’alterazione del comportamento alimentare, che può andare dalla smodata assunzione di enormi quantità di cibo della Bulimia Nervosa fino alla più rigida restrizione alimentare dell’Anoressia Nervosa. In particolare per quanto riguarda l’anoressia, le prime descrizioni mediche risalgono ad un’opera di Richard Morton (1689). Da allora sono andate crescendo sempre più in letteratura pubblicazioni su questo tema che, riflettendo il crescente aumento delle patologie alimentari, hanno attribuito all’anoressia nervosa il primato di malattia mentale con il più alto tasso di mortalità; ai livelli più gravi, infatti, circa il 10% dei soggetti affetti giunge fino alla morte causata da complicazioni che derivano dal regime di malnutrizione o da suicidio. L’Anoressia Nervosa è una patologia a spiccata prevalenza femminile ma, sebbene in numero inferiore rispetto alle donne, esistono anche degli uomini che sviluppano questa patologia. Più specificatamente, si stima che circa il 5% - 10% dei pazienti che ne soffrono sia di genere maschile, ulteriori studi ci indicano poi che circa il 20% dei maschi con disturbi alimentari ha un disturbo dell’identità di genere con prevalente orientamento omosessuale (Herzog, Bradburn e Newman, 1990).

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Anna Teresa Laudanno Contatta »

Composta da 29 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3079 click dal 30/05/2008.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.