Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Studio del ciclo di vita di un sistema complesso manutentivo nell’ottica del Total Quality Management

“Fin dalle origini, quando l’uomo giudicò conveniente riparare l’utensile di pietra usato per cacciare anziché gettarlo e provvedere ad una nuova costruzione, la manutenzione si afferma come concetto economico che si contrappone ad uno spreco …” [5].
In tal senso l’insieme di uomini, mezzi e materiali allocati all’esecuzione delle attività di manutenzione dei materiali e dei sistemi non può non giocare un ruolo di primaria importanza e rivelarsi fonte di “guadagno” (riduzione a zero degli sprechi) o di “spreco” per qualsiasi organizzazione e specificatamente per l’A.D.
In questo ambito, quindi, con specifico riferimento ad un particolare insieme di uomini, mezzi e materiali organizzati per l’esecuzione delle attvità manutentive, la Compagnia Mantenimento dell’8° Reggimento Trasporti “Casilina”, Unità Centrale Trasporti dell’Esercito Italiano, si intende applicare i concetti di LCA (Life Cycle Assessment/Analysis) e di TQM (Total Qualità Management) per leggere ed interpretare dati raccolti nel corso di un anno di attività e conseguentemente proporre dei criteri di ottimizzazione al fine di ridurre le possibilità di “spreco”.
In buona sostanza si è ritenuto di poter considerare la Compagnia Mantenimento suddetta un sistema complesso a cui applicare criteri di management logisticamente adeguati all’ottimizzazione del ciclo di vita del sistema medesimo ma anche dei sistemi complessi verso i quali esso esplica attività di manutenzione.
L’obiettivo è quello di indicare un modello possibile di gestione del sistema che prenda le mosse dall’analisi e dall’interpretazione dei dati raccolti, finalizzato al miglioramento del funzionamento del sistema medesimo, realizzando un “benchmarking” interno che possa promuovere un approccio metodologico e mentale innovativo all’insgena del “miglioramento continuo” in un’ottica di Total Quality Management.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 2 Introduzione “Fin dalle origini, quando l’uomo giudicò conveniente riparare l’utensile di pietra usato per cacciare anziché gettarlo e provvedere ad una nuova costruzione, la manutenzione si afferma come concetto economico che si contrappone ad uno spreco …” [5]. In tal senso l’insieme di uomini, mezzi e materiali allocati all’esecuzione delle attività di manutenzione dei materiali e dei sistemi non può non giocare un ruolo di primaria importanza e rivelarsi fonte di “guadagno” (riduzione a zero degli sprechi) o di “spreco” per qualsiasi organizzazione e specificatamente per l’A.D. In questo ambito, quindi, con specifico riferimento ad un particolare insieme di uomini, mezzi e materiali organizzati per l’esecuzione delle attvità manutentive, la Compagnia Mantenimento dell’8° Reggimento Trasporti “Casilina”, Unità Centrale Trasporti dell’Esercito Italiano, si intende applicare i concetti di LCA (Life Cycle Assessment/Analysis) e di TQM (Total Qualità Management) per leggere ed interpretare dati raccolti nel corso di un anno di attività e conseguentemente proporre dei criteri di ottimizzazione al fine di ridurre le possibilità di “spreco”. In buona sostanza si è ritenuto di poter considerare la Compagnia Mantenimento suddetta un sistema complesso a cui applicare criteri di management logisticamente adeguati all’ottimizzazione del ciclo di vita del sistema medesimo ma anche dei sistemi complessi verso i quali esso esplica attività di manutenzione. L’obiettivo è quello di indicare un modello possibile di gestione del sistema che prenda le mosse dall’analisi e dall’interpretazione dei dati raccolti, finalizzato al miglioramento del funzionamento del sistema medesimo,

Tesi di Master

Autore: Fulvio Tarantini Contatta »

Composta da 110 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 503 click dal 23/09/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.