Skip to content

Istituzioni e rappresentanza. I sistemi elettorali per il Parlamento Europeo.

Informazioni tesi

  Autore: Massimo Belsito
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi della Calabria
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Roberto De Luca
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 181

La fine del XX e l’inizio del XXI secolo sembrano essere caratterizzati da minacce molto concrete alla convivenza pacifica fra le nazioni. Dopo la fine della “guerra fredda” altri pericoli incombono nei rapporti fra le grandi potenze. La chiave di lettura della convivenza pacifica fra i popoli deve servirci ad accompagnare il processo di unità ed integrazione europea. E’, perciò, sempre più necessario che ciascun cittadino lavori insieme ai popoli di altri Paesi per promuovere sicurezza, apertura e solidarietà. L’Europa è un continente con molte tradizioni e lingue diverse, ma anche con valori comuni da salvaguardare quali la democrazia, la libertà e la giustizia sociale. Il Parlamento europeo è l’Istituzione più rappresentativa dell’Unione europea, cioè l’Istituzione i cui rappresentanti, nel promuovere questi valori, dovrebbero essere il riflesso della scelta degli elettori europei. Infatti, non è sufficiente che il Parlamento europeo sia eletto direttamente da cittadini, ma occorre che ogni elettore abbia le stesse opportunità di scelta dei rappresentanti se si vuole eliminare il cosiddetto deficit democratico e aumentare così la sua legittimità democratica. L’intento di questo lavoro è quello di analizzare le questioni giuridiche e politiche che hanno impedito, fino ad oggi, l’adozione di una Procedura elettorale uniforme (PEU) per l’elezioni del Parlamento europeo al fine di individuare un valido sistema elettorale comune, che possa contribuire ad aumentare la legittimità democratica di tale Istituzione. La Procedura elettorale uniforme non è un semplice problema di ingegneria costituzionale, cioè di una tecnica giuridica che possa consentire ad un sistema elettorale di essere applicato nei Paesi dell’Unione; esso è un problema politico, perché dal sistema elettorale si possono desumere una serie di conseguenze implicite ed esplicite che incidono direttamente sul sistema sociale ed economico di ciascun Stato membro. Definire questa procedura è piuttosto difficile e complicato. Ma possiamo dire che ad essa associamo un principio elettorale univoco che sia adottato, cioè, in tutti i Paesi membri, anche per evitare che si verifichino distorsioni nella rappresentanza dei diversi Stati che compongono l’Unione. Dopo alcune considerazioni introduttive sulla nascita dell’Unione europea e sull’evoluzione storica della sua istituzione più rappresentativa è stato esaminato anche il suo ruolo nell’iter legislativo, lo status degli eurodeputati e dei gruppi politici per individuare il supplemento di importanza, di poteri e di legittimazione che gli deriverebbero dall’adozione di un sistema elettorale unificato. Inoltre, sono state esaminate le procedure elettorali adottate dai singoli Stati membri per l’elezione dei membri del Parlamento europeo sulle cui basi si è proceduto anche per la legislatura tuttora in corso. Infatti, se non risulta indifferente la differenza tra la scelta di una procedura elettorale uniforme ed il ricorso a procedure elettorali diverse da Stato a Stato, non sembra privo di significato e di utilità considerare i caratteri, le finalità sostanziali, i termini concreti delle diverse legislazioni nazionali vigenti per l’elezioni dei Parlamenti nazionali e di quelli posti in essere al fine di determinare l’elezione del Parlamento europeo. In realtà, in un caso rispetto all’altro, se emergono i caratteri distintivi dei diversi sistemi, possono evidenziarsi altresì elementi comuni di omogeneità o gradi persistenti di disomogeneità, e ciò proprio in rapporto al significato stesso della rappresentanza politica ed in vista dell’obiettivo da perseguire di una possibile ed auspicabile Procedura elettorale uniforme, da applicarsi nei diversi Stati comunitari, nella prospettiva delle ulteriori scadenze elettorali per il rinnovo del Parlamento europeo del 2009.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE 1 Introduzione La fine del XX e l’inizio del XXI secolo sembrano essere caratterizzati da minacce molto concrete alla convivenza pacifica fra le nazioni. Dopo la fine della “guerra fredda” altri pericoli incombono nei rapporti fra le grandi potenze. La chiave di lettura della convivenza pacifica fra i popoli deve servirci ad accompagnare il processo di unità ed integrazione europea. E’, perciò, sempre più necessario che ciascun cittadino lavori insieme ai popoli di altri Paesi animato da sicurezza, apertura e solidarietà. L’Europa è un continente con molte tradizioni e lingue diverse, ma anche con valori comuni da salvaguardare quali la democrazia, la libertà e la giustizia sociale. L’idea di unire in una famiglia i Paesi democratici europei, che avevano rinnegato i nazionalismi, creando un organismo impegnato a lavorare insieme per la pace e la prosperità, risale al Trattato della Comunità europea del Carbone e dell’Acciaio (CECA) firmato a Parigi (1951) dai sei Paesi fondatori – Italia, Francia, Germania Federale, Belgio, Paesi Bassi e Lussemburgo - seguito poi dai Trattati di Roma del 25 marzo 1957, istitutivi della Comunità Economica europea (CEE) e della Comunità dell’Energia Atomica (EURATOM) dei quali quest’anno ricorre il cinquantesimo anniver- sario. Cinquant’anni senza guerra, cinquant’anni di pace e stabilità, di destino condiviso, di valori comuni come libertà, pari opportunità, sicurezza e uguale accesso alla giustizia. Tutto questo si è potuto verificare solo grazie al lungo cammino svolto dalle tre originarie Comunità europee. Infatti, è solo grazie al loro lavoro che gli Stati aderenti sono giunti, con il Trattato di Maastricht del 7 febbraio 1992 (entrato in vigore il 1° novembre 1993), all’attuale istituzione Created by eDocPrinter PDF Pro!! Buy Now to Create PDF without Trial Watermark!!

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

allargamento dell'unione europea
comparazione elettorale dei paesi membri
comunità economica europea
deficit democratico
democrazia e costituzione europea
elezioni dei paesi europei
elezioni europee e gruppi politici
innovazione elettorale
integrazione europea
istituzioni europee
legge elettorale europea
leggi elettorali dei paesi membri
paesi membri dell'unione europea
parlamento europeo
procedura di codecisione
procedura di concilizione
procedura di parere conforme
proceura elettorale uniforme
rappresentanza parlamentare europea
sistema elettorale del voto singolo trasferibile
sistema elettorale maggioritario
sistema elettorale proporzionale
sistemi elettorali nei paesi europei
unione europea

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi