Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La pornografia virtuale

Una delle problematiche che sicuramente ha destato e continua a sollevare maggior allarme sociale, e sulla quale il legislatore è più volte intervenuto, riguarda la tutela del minore da ogni forma di aggressione sessuale che possa arrecare un pregiudizio irreparabile alla sua integrità psicofisica.
La presente tesi si propone di illustrare l’iter normativo seguito dal legislatore italiano nella lotta contro ogni forma di abuso sessuale nei confronti dei minori e, in particolare, contro il dilagante fenomeno della pedopornografia.
In primo luogo, si procederà ad esaminare l’evoluzione del fenomeno, impropriamente definito “pedofilia”, nel corso dei secoli, valutando la condizione del bambino in epoca greca, romana e medievale, sino a giungere ad analizzare l’attuale considerazione dell’infanzia e l’odierna concezione sociale, clinica e giuridica della pedofilia.
Si procederà, in secondo luogo, ad illustrare i principali interventi legislativi diretti a contrastare ogni tipo di aggressione all’integrità psicofisica del minore. Si avrà modo, in particolare, di porre in evidenza due diverse, seppur collegate, forme di aggressione recate al sano ed armonico sviluppo della personalità del minore, capaci di determinare danni gravi alla salute psichica e fisica delle vittime, non solo a breve termine, ma anche nella vita adulta, compromettendola, spesso, in maniera irreversibile: l’una si riferisce a coloro che non riescono a frenare le proprie deviate e perverse pulsioni sessuali che li portano ad abusare sessualmente dei minori; l’altra si riferisce a quelle organizzazioni criminali che sfruttano la fragilità dei fanciulli e le devianze sessuali dei pedofili per ricavarne ingenti profitti.
Ci si soffermerà, infine, ad esaminare una particolare e del tutto anomala figura criminosa che il legislatore del 2006 ha inteso introdurre nell’ordinamento al fine di anticipare ulteriormente la soglia della rilevanza penale delle condotte che risultino essere espressione di un interesse sessuale nei confronti dei fanciulli, tentando così di garantire loro una più ampia tutela.
Il riferimento è all’art. 600 quater 1 c.p., all’interno del quale è prevista l’incriminazione delle condotte aventi ad oggetto il materiale pornografico minorile virtuale.
L’obiettivo è, quindi, quello di verificare se effettivamente tale previsione risulti idonea a garantire maggiore protezione allo sviluppo della personalità del minore ovvero se, al contrario, si risolva nella incriminazione di condotte del tutto inoffensive, con conseguente violazione dei principi cardine del diritto penale .
Saranno, infine, proposti alcuni spunti di riflessione circa la necessità di un approccio multidisciplinare al fenomeno degli abusi sessuali sui minori, attraverso il necessario coordinamento di interventi di carattere giuridico, psicologico e sociale, affinché alla repressione delle condotte lesive dell’integrità psicofisica dei bambini, si affianchi una necessaria prevenzione finalizzata – attraverso un’adeguata assistenza e idonei trattamenti psicoterapeutici – a ridurre l’elevato tasso di recidiva che caratterizza tutti i reati sessuali commessi in danno ai minori.
Rimane da segnalare che soltanto attraverso un coordinato impegno delle famiglie, della società e delle istituzioni potrà essere consentito ai bambini di vivere degnamente la loro infanzia ed alla società di garantire un più elevato grado di civiltà, in quanto un Paese che non dedica un’adeguata attenzione alla salvaguardia dei minori è un Paese che rischia di compromettere il proprio futuro.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Una delle problematiche che sicuramente ha destato e continua a sollevare maggior allarme sociale, e sulla quale il legislatore è più volte intervenuto, riguarda la tutela del minore da ogni forma di aggressione sessuale che possa arrecare un pregiudizio irreparabile alla sua integrità psicofisica. La presente tesi si propone di illustrare l’iter normativo seguito dal legislatore italiano nella lotta contro ogni forma di abuso sessuale nei confronti dei minori e, in particolare, contro il dilagante fenomeno della pedopornografia. In primo luogo, si procederà ad esaminare l’evoluzione del fenomeno, impropriamente definito “pedofilia”, nel corso dei secoli, valutando la condizione del bambino in epoca greca, romana e medievale, sino a giungere ad analizzare l’attuale considerazione dell’infanzia e l’odierna concezione sociale, clinica e giuridica della pedofilia. Si procederà, in secondo luogo, ad illustrare i principali interventi legislativi diretti a contrastare ogni tipo di aggressione all’integrità psicofisica del minore. Si avrà modo, in particolare, di porre in evidenza due diverse, seppur collegate, forme di aggressione recate al sano ed armonico sviluppo della personalità del minore, capaci di determinare danni gravi alla salute psichica e fisica delle vittime, non solo a breve termine, ma anche nella vita adulta, compromettendola, spesso, in maniera irreversibile: l’una si riferisce 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Davide Di Ruzza Contatta »

Composta da 188 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5208 click dal 06/06/2008.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.