Skip to content

Trasformazioni funzionali dello spazio museale dalle origini al Museo Guggenheim di Bilbao

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Marchetti
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Discipline semiotiche
  Relatore: Costantino Marmo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 125

Nel mio lavoro ho ripercorso le principali fasi evolutive dell’istituzione museale a partire dal Rinascimento fino all’epoca contemporanea, cercando di individuare le principali trasformazioni delle funzioni inscritte nello spazio museale. In questo percorso, le caratteristiche degli spazi museali sono state studiate nella loro dimensione comunicativa, cioè evidenziando le modalità in cui lo spazio museale mette in scena un discorso attraverso la disposizione di oggetti materiali in un allestimento. Riprendendo la prospettiva di analisi di M. Hammad, lo spazio museale è stato considerato come un discorso enunciato da un soggetto enunciatore per veicolare un determinato messaggio ad un soggetto enunciatario, vale a dire il pubblico. Le tappe principali analizzate sono state: lo studiolo umanistico, in quanto primo ambiente dove si riscontra una funzione collezionistica; la tipologia rinascimentale delle gallerie francesi e italiane; il fenomeno soprattutto nordeuropeo delle Wunderkammern, diffusosi nel ’500-600; fino ad arrivare ai musei moderni, ovvero i musei pubblici 800eschi, e infine all’analisi dello spazio museale contemporaneo. In questo excursus storico le trasformazioni evidenziate riguardano innanzitutto le funzioni inscritte nello spazio, mettendo in luce le relazioni tra le caratteristiche dello spazio e gli obiettivi che esso si propone di realizzare. Un altro aspetto riguarda i soggetti coinvolti, in particolare il passaggio dalla dimensione privata degli ambienti precursori del museo alla sempre più ampia dimensione pubblica, così come si è affermata dalla rivoluzione francese in poi; ancora, il tipo di relazione prevista tra opera e visitatore, notando come le caratteristiche spaziali regolano/influenzano questo rapporto tra oggetto e soggetto; infine ho individuato alcuni elementi del mondo esterno che lo spazio museale sembra in qualche modo rispecchiare: in quest’ottica, lo spazio può essere anche considerato come articolazione significante/un metalinguaggio in grado di raccontare alcune caratteristiche della società, del potere politico o della visione della storia dell’arte. A questo proposito, si possono mettere in connessione i percorsi spaziali dei musei tradizionali, che si caratterizzano per essere lineari e predeterminati, con una concezione della storia dell’arte cronologica e accumulativa, in cui ogni fase e ogni autore seguono inevitabilmente quelli precedenti. Il caso degli Uffizi è emblematico in quanto presenta una struttura suddivisa in sale ognuna dedicata ad un artista o ad una fase precisa della storia dell’arte, proponendo in questo modo al pubblico una sorta di “lezione visiva” di storia della pittura che va dal ’200 al ’700. Il punto di arrivo del mio percorso è stato l’analisi del Museo Guggenheim di Bilbao, che innanzitutto rappresenta un caso esemplare delle tendenze museologiche recenti, che ho trattato nella seconda parte della tesi. In questa nuova fase nuovi aspettati legati all’intrattenimento si sono affiancati alle tradizionali funzioni didattiche, andando nella direzione di una spettacolarizzazione dell’arte e di un coinvolgimento di un pubblico sempre più ampio. La caratteristica principale del Guggenheim spagnolo è la sua struttura architettonica, firmata dal canadese Frank Gehry, che genera un’articolazione spaziale assolutamente originale sia internamente che esternamente. Nel 1997, anno della sua apertura, era assolutamente d’avanguardia sia per i materiali atipici che per la morfologia particolarissima, addirittura progettata con software ideati per la costruzione di aerei militari; la struttura architettonica è stata determinante per il raggiungimento del suo successo di pubblico (10 milioni nel 2007, anno del decimo anniversario). Si può infatti affermare che in questo museo avviene un’operazione paradossale in quanto l’edificio museale da semplice contenitore di opere d’arte diventa esso stesso opera d’arte, un’enorme scultura che funziona da strumento di valorizzazione del suo contenuto; il contenuto, cioè le opere ospitate, non rappresentano il valore principale per il visitatore, ma spesso sono quasi ignorate e comunque sono sempre in trasformazione. L’identità del museo deriva invece dal contenitore, appunto lo straordinario edificio di Gehry. Soprattutto, l’articolazione spaziale è risultata fondamentale per determinare il senso dell’esperienza concreta della visita, interagendo con gli altri livelli discorsivi riscontrati: oggetti/allestimenti/città intorno. Sinteticamente, posso qui affermare che nel caso di Bilbao il museo non è più semplicemente il luogo di una visione finalizzata alla conoscenza, ma diventa un luogo di esperienza coinvolgente sul piano fisico ed emozionale. Il rischio di una tale concezione, in cui la funzione d'intrattenimento del pubblico diventa protagonista, può essere la svalutazione culturale, ma al contempo può essere positiva in vista di un avvicinamento del largo pubblico al mondo dell'arte.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 1 Con questo lavoro tenterò di indagare l’evoluzione dello spazio museale dal punto di vista della sua natura comunicativa. Nella prima parte intendo tracciare un excursus storico dell’istituzione del museo 2 a partire dallo studiolo umanistico fino al museo pubblico ottocentesco, evidenziando nelle varie tappe le caratteristiche e le funzioni principali dello spazio. Nella seconda parte introdurrò invece le maggiori linee di sviluppo della museologia nel ventesimo secolo, specialmente la cultura effimera e consumistica degli ultimi decenni, per dedicarmi infine all’analisi specifica di un caso limite di spazio museale contemporaneo, il Museo Guggenheim di Bilbao. Presupposto di base del mio lavoro è osservare che “lo spazio umano in genere è sempre stato significante” 3 e che si tratta “molto raramente” di “un semplice ‘circostante’ di azioni umane e sociali” 4 , giocando anzi ruoli attivi e determinanti sui rapporti che vi si svolgono. Nel caso in questione dello spazio museale, il rapporto essenziale che risulta influenzato dalla tipologia spaziale non è di tipo intersoggettivo ma si sviluppa tra un soggetto e un oggetto: si tratta infatti della relazione distintiva dell’ambiente museale, quella tra il visitatore e l’opera 1 L’anno dei testi in lingua straniera, citati nelle note, si riferisce all’edizione originale, mentre il numero di pagina è quello della traduzione italiana. 2 L’ICOM (International Council of Museums) definisce il museo come “un’istituzione permanente, senza scopo di lucro, al servizio della società e del suo sviluppo, aperta al pubblico, che compie ricerche sulle testimonianze materiali dell’uomo e del suo ambiente, le acquisisce, le conserva, le comunica e soprattutto le espone a fini di studio, di educazione e di diletto”. Definizione riportata in Biscottini (2004), pag 72. 3 Barthes (1985), pag. 49. Roland Barthes nel capitolo dedicato a “Semiologia e urbanistica”, dove analizza lo spazio urbano in quanto discorso, accenna al fatto che storicamente gli uomini hanno sempre riconosciuto un’attività di significazione svolta dallo spazio: addirittura, nell’antichità lo spazio geografico era visto come un discorso dotato di un’articolazione sintattica da decifrare. 4 Marrone (2001), pag. 326. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

arte
bilbao
comunicazione
enunciazione
galleria
guggenheim
museale
musei
museo
museum
opere
semiotica
spazio
studiolo
wunderkammern

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi