Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il nesso causale tra abuso di potere e induzione alla dazione concussiva

Dopo una breve analisi degli elementi del delitto di concussione, l'elaborato ci concentra sul nesso causale tra l'abuso di potere o qualità e l'induzione/costrizione alla dazione da parte del soggetto passivo, specie in quei casi in cui più "impalpabile" appare la condotta del pubblico agente (casi di concussione c.d. ambientale)

Mostra/Nascondi contenuto.
2 IL NESSO CAUSALE TRA ABUSO DI POTERE E INDUZIONE ALLA DAZIONE CONCUSSIVA Il delitto di concussione, previsto dall’art. 317 c.p., è il più grave tra quelli realizzabili dai soggetti pubblici contro la p.a., e, più in generale, dell’intero Titolo II 1 . La ragione del particolare rigore sanzionatorio, se nello Stato fascista andava propriamente colta in relazione alla posizione di supremazia di cui erano dotati i pubblici funzionari rispetto ai singoli cittadini, nell’attuale Stato liberal-democratico si giustifica alla luce dell’esigenza di impedire illegittime strumentalizzazioni della posizione o delle attribuzioni riferibili in senso lato all’ufficio di pubblico ufficiale o di incaricato di pubblico servizio 2 . Quali beni giuridici tutelati dalla norma vengono, infatti, identificati, in via principale, i valori costituzionali enunciati dall’art. 97 della Carta Fondamentale: l’interesse al buon andamento della p.a., inteso, in particolare, come esercizio dei pubblici poteri in vista del perseguimento delle finalità sue proprie, alla stregua della regole di efficienza, semplicità, tempestività, economicità, efficacia e pubblicità dell’azione 1 La pena è, infatti, quella della reclusione da 4 a 12 anni. L’art. 317-bis c.p. prevede, inoltre che la condanna per concussione importa la sanzione accessoria della interdizione perpetua dai pubblici uffici (interdizione temporanea, invece, laddove, per le circostanze attenuanti, venga inflitta la reclusione per un tempo inferiore a tre anni). La novella del 1990 ha eliminato la pena pecuniaria, in precedenza stabilita in aggiunta a quella detentiva. 2 FIANDACA-MUSCO, 205.

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Marco Pucci Contatta »

Composta da 24 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 836 click dal 26/06/2008.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.