Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Model Driven Development di Applicazioni Web - Trasformazione di Modelli Concettuali UWA in Modelli Logici UML

Il lavoro di tesi si inquadra nell’ambito dell’attività di ricerca condotta presso il Centro di Eccellenza sulle Tecnologie del Software (RCOST) dell’Università degli Studi del Sannio finalizzata alla definizione di una metodologia per lo sviluppo Model-Driven di applicazioni Web come evoluzione della metodologia di design UWA. L’approccio UWA alla progettazione è quello di descrivere un’applicazione Web così come sarà percepita dalle diverse categorie di utenti per essa previste indipendentemente da qualsiasi aspetto di tipo implementativo, come l’architettura o le tecnologie adoperate. UWA segue, dunque, un approccio “user centered” in cui il punto di vista utilizzato per la realizzazione dei modelli è quello degli utenti dell’applicazione. In tal senso quello prodotto viene detto schema concettuale dell’applicazione. Questo fa sì che la progettazione di un’applicazione Web realizzata mediante UWA risulta essere ad un livello di astrazione troppo alto per poter fornire le necessarie specifiche di implementazione allo sviluppatore. D’altronde, questo alto livello di astrazione fa sì che UWA si presti alla progettazione e modellazione di una qualsiasi applicazione Web, quali che siano l’architettura e le tecnologie di implementazione impiegate.
L’obiettivo ultimo di questo progetto è quello di sfruttare i vantaggi offerti dai processi di sviluppo Model-Driven da un lato per rendere più agevole l’impiego della metodologia UWA/UWAT+ e dall’altro per ottenere applicazioni Web più fedeli alle specifiche di progetto concettuale e quindi meglio rispondenti ai requisiti utente e più facilmente manutenibili ed evolvibili.
Nell’ambito di questo progetto di ricerca, in particolare, il lavoro di tesi si propone di definire e strutturare un livello di progettazione intermedio, detto livello logico, tra la progettazione concettuale UWA e l’implementazione, nonché di definire un processo e un tool di supporto per la traduzione semi-automatica di modelli concettuali UWA nei corrispondenti modelli logici.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 - Introduzione ___________________________________________________________________________________________________ 1. Introduzione 1.1 Contesto Nel settore dei servizi informatici si continua ad assistere alla crescente produzione di applicazioni software orientate allo sfruttamento delle risorse di Internet, che forniscono agli utenti della stessa servizi nuovi e sempre più innovativi. Il fenomeno porta alla nascita di applicazioni Web sempre più complesse e sofisticate, in grado di integrare funzionalità diverse, ed è oggetto di investimenti sempre più ingenti da parte di società ed aziende. In questo contesto, risulta di fondamentale importanza affrontare la progettazione e la costruzione di queste applicazioni avvalendosi dell’ausilio di metodologie, modelli e strumenti di sviluppo idonei, capaci di assicurare livelli qualitativi elevati, mantenendo i costi di sviluppo contenuti. Un’azienda di sviluppo software, ha nell’attività di analisi e progettazione uno dei suoi punti cardine. La disponibilità di metodologie di progettazione abili nel considerare e trattare tutti gli aspetti che caratterizzano un’applicazione Web e di strumenti di supporto adeguati, è di fondamentale importanza nella realizzazione di applicazioni di qualità. Da un lato l’impiego di una metodologia di sviluppo adeguata permette all’azienda produttrice di regolare opportunamente i vari processi interni, in modo tale da fornire un prodotto che effettivamente corrisponda alle esigenze del committente. Dall’altro l’impiego stesso della metodologia fornisce indirettamente a quest’ultimo la garanzia di avere un prodotto solido, funzionale e flessibile. Solido perché, se l’applicazione è progettata opportunamente, sarà meno vulnerabile agli attacchi sferrati da altri programmi; funzionale perché sarà in grado di fornire servizi con una qualità maggiore e in modo più rapido; flessibile perché potrà essere facilmente estesa con nuove funzionalità o mediante barriere che contribuiscano a renderla ancora meno vulnerabile. Di pari passo con il fenomeno dello sviluppo del Web e delle sue applicazioni, si sta facendo strada l’esigenza di rendere queste applicazioni uniformi sulla base di standard che permettano lo scambio di informazioni e la loro integrabilità.

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Francesco Mazzone Contatta »

Composta da 269 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1689 click dal 19/06/2008.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.