Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La costruzione discorsiva dell'identità europea: un'analisi comparativa del dibattito pubblico sull'ingresso della Turchia nell'UE in Germania e in Italia

L'obbiettivo della tesi è la ricostruzione del discorso sull'identità europea. Inizialmente vengono rintracciate varie correnti di questo discorso su diversi livelli discorsivi (politico, scientifico e mass mediale). L'analisi empirica si rivolge poi sul dibattito sull'ingresso della Turchia nell'Unione Europea svoltasi nei mass media tedeschi ed italiani. A questo scopo vengono analizzati articoli di respettivamente tre grandi quotidiani per ogni area discorsiva (Germania ed Italia) che trattano la questione dell'ingresso della Turchia nell'UE. Il quadro metodologico si rifa alla analisi del discorso foucaultiano.
La tesi è stata redatta nel quadro di una doppia laurea italiano-tedesca ed è stata valutata con il massimo del punteggio.

Mostra/Nascondi contenuto.
31 Introduzione Il processo d’unificazione europea è attualmente uno degli argomenti di maggiore rilevanza nel panorama delle scienze sociali e di quelle umanistiche (in primo luogo della sociologia, delle scienze politiche e della storia), a riprova di ciò basti considerare la gran quantità di corsi di master’s degree, d’istituti di ricerca e di cattedre specializzate nella ricerca sull’integrazione europea: nel contesto dei numerosi dibattiti sull’Europa e sul processo d’integrazione europea la questione dell’identità europea svolge un ruolo centrale. Mentre gli approcci di ricerca appartenenti all’ambito delle scienze politiche, della giurisprudenza o dell’economia si concentrano generalmente sugli aspetti tecnici del processo d’integrazione e si riferiscono quindi alla sfera dei “fatti duri”, la questione dell’identità europea tocca invece la sfera simbolica di questo processo ed è quindi in primo luogo di natura sociologica. Nonostante l’immensa mole di pubblicazioni che affrontano il tema dell’identità europea1, l’oggetto di queste riflessioni rimane però indefinito, vago e controverso: non vi è né consenso su come sia da intendere europeo, né esiste una definizione scientifica unitaria del termine identità nella sua dimensione collettiva. Quest’ultimo rappresenta attualmente “uno dei concetti più sfuggenti delle scienze sociali”2; dove gli uni lo interpretano come concetto chiave dell’analisi sociologica delle società contemporanee3, gli altri lo ritengono una formula priva di significato e senza nessun valore scientifico4. L’aggettivo europeo non è meno sfuggente e dai molti significati (ovvero senza significato) e produce una gran varietà d’interpretazioni e di definizioni, le quali si collocano spesso a cavallo tra il pamphlet politico e il saggio scientifico. 1 Vedi ad es. le seguenti compilazioni: Weidenfeld, W.: Die Identität Europas: Fragen, Positionen, Perspektiven, München, 1985; Dewandre, N./ Lenoble, J.: Projekt Europa. Postnationale Identität: Grundlage für eine europäische Demokratie?, Berlin, 1994; Viehoff, R./ Segers, R.T. (a cura di): Kultur, Identität, Europa, Frankfurt am Main, 1999; Andrew, J./ Cook, M./ Waller, M.: Why Europe?: Problems of Culture and Identity, New York, 2000 e Loth, W.: Das europäische Projekt zu Beginn des 21. Jahrhunderts, Opladen, 2001. 2 „einer der schillerndsten Begriffe in den Sozialwissenschaften“, Kohli, M.: Die Entstehung einer europäischen Identität: Konflikte und Potentiale, in: Kaelble, H./ Kirsch, M./ Schmidt-Gernig, A. (a cura di): Transnationale Öffentlichkeit und Identitäten im 20. Jahrhundert, Frankfurt am Main, 2002, p. 111, traduzione propria. 3 Questo vale innanzitutto nel senso di una svolta ‘culturalistica’ nelle scienze sociali, cioè in quanto i fattori culturali sostituiscono dinamiche sistemiche o compromessi strategici-razionali come forze trainanti dell’integrazione sociale. Questa posizione si trova, in una forma estremizzata, nella ipotesi di Huntington sullo “scontro di civiltà”, la quale considera identità come il principio centrale d’integrazione sociale a livello di civiltà differenti. 4 Vedi per es. Niethammer, L.: Kollektive Identität: heimliche Quellen einer unheimlichen Konjunktur, Reinbeck bei Hamburg, 2000.

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Katharina Ulbrich Contatta »

Composta da 136 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1611 click dal 19/06/2008.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.