Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'analisi del sistema di controllo interno relativamente ai cicli attivi e passivi. Il caso della ditta Cianciosi Dante

Gli scandali finanziari che hanno coinvolto alcune delle grandi imprese quotate sui più importanti e principali mercati borsistici del mondo ed i recenti fallimenti di noti grandi gruppi industriali italiani, che peraltro ostentavano sicurezza ed ottima salute, hanno avuto un notevole impatto sull’opinione pubblica e sugli stakeholders, vuoi per aver danneggiato una molteplicità di piccoli risparmiatori, vuoi per aver fatto emergere una crisi etica delle imprese e delle banche nei confronti del mercato.
Tali avvenimenti hanno evidenziato l’incapacità dei controlli «esterni» di individuare le situazioni critiche e meritevoli di maggiore attenzione, forse anche per un concorso di interessi delle parti atto ad evitare uno shock improvviso e per continuamente rinviare nel tempo il realizzarsi di tali situazioni; ma da tali avvenimenti si è riusciti a comprendere ancora una volta quanto importante possa risultare un efficace sistema di controllo interno che riesca ad arginare ed isolare fenomeni di illegalità e di corruzione a danno degli stakeholders che vedrebbero, in tal modo, pregiudicati i loro interessi.
Questa tesi si propone proprio di individuare ed analizzare l’importanza del controllo interno, descrivendo le dinamiche che riescono a condurre ad un efficace sistema di controllo interno capace di superare ed evitare situazioni di incertezza.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Il crescente sviluppo delle società italiane ed il rapido sviluppo dei mercati borsistici internazionali hanno posto serie problematiche in tema di controlli da eseguirsi rispetto a questi tipi di imprese; è indubbio che il ruolo svolto dalla Consob e dalle società di revisione, con la finalità di effettuare un’analisi relativa alla situazione dal punto di vista della correttezza contabile oltre che di comportamento, sia di grande interesse, ma soprattutto di estrema utilità, onde evitare situazioni scandalose e fallimenti con ripercussioni sui mercati borsistici. Proprio gli scandali finanziari che hanno coinvolto alcune delle grandi imprese quotate sui più importanti e principali mercati borsistici del mondo ed i recenti fallimenti di noti grandi gruppi industriali italiani, che peraltro ostentavano sicurezza ed ottima salute, hanno avuto un notevole impatto sull’opinione pubblica e sugli stakeholders, vuoi per aver danneggiato una molteplicità di piccoli risparmiatori, vuoi per aver fatto emergere una crisi etica delle imprese e delle banche nei confronti del mercato. Tali avvenimenti hanno evidenziato l’incapacità dei controlli «esterni» di individuare le situazioni critiche e meritevoli di maggiore attenzione, forse anche per un concorso di interessi delle parti atto ad evitare uno shock improvviso e per continuamente rinviare nel tempo il realizzarsi di tali situazioni; ma da tali avvenimenti si è riusciti a comprendere ancora una volta quanto importante possa risultare un efficace sistema di controllo interno che riesca ad arginare ed isolare fenomeni di illegalità e di corruzione a danno degli stakeholders che vedrebbero, in tal modo, pregiudicati i loro interessi. La presente relazione si propone proprio di individuare ed analizzare l’importanza del controllo interno, descrivendo le dinamiche che riescono a condurre ad un efficace sistema di controllo interno capace di superare ed evitare situazioni di incertezza. Ho articolato il lavoro attraverso tre diversi momenti: dapprima ho ritenuto interessante, se non necessario, effettuare una descrizione sintetica, ma compendiosa,

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Domenico Di Giampietro Contatta »

Composta da 32 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3853 click dal 19/06/2008.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.