Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il mercato dei secondary buy out in Italia

Superano ormai il migliaio le aziende italiane nel cui azionariato sono entrati i fondi di private equity e molte sono le evidenze delle conseguenze positive in termini di sviluppo del fatturato, dei margini e dell'occupazione.
A livello italiano e internazionale, infatti, le analisi quantitative hanno più volte fatto toccare con mano come gli investitori in capitale di rischio possano contribuire ad accelerare i processi di crescita dimensionale delle imprese, di ricambio generazionale, d’internazionalizzazione, di miglioramento della governance e d’innovazione tecnologica.
Lo scopo di questo elaborato consiste, nel definire il concetto di secondary buy-out, sottolineando le motivazioni e le ragioni della scelta di questa tipologia di operazione e della crescita subita da questo processo negli ultimi anni.
Attraverso una breve introduzione al concetto di Venture capital e Private Equity, si analizzano le operazioni di buy out, evidenziando in particolare il trend di quest’ultime nel tempo.
L’arco temporale preso in considerazione va dall’anno 2000 al primo semestre 2007. Grazie al Private Equity Monitor, si è potuto analizzare la crescita avvenuta in questo periodo sia sotto l’aspetto di numero d’ investimenti fatti, sia sotto altri aspetti qualitativi d’investimento.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Superano ormai il migliaio le aziende italiane nel cui azionariato sono entrati i fondi di private equity e molte sono le evidenze delle conseguenze positive in termini di sviluppo del fatturato, dei margini e dell'occupazione. A livello italiano e internazionale, infatti, le analisi quantitative hanno più volte fatto toccare con mano come gli investitori in capitale di rischio possano contribuire ad accelerare i processi di crescita dimensionale delle imprese, di ricambio generazionale, d’internazionalizzazione, di miglioramento della governance e d’innovazione tecnologica. Lo scopo di questo elaborato consiste, nel definire il concetto di secondary buy-out, sottolineando le motivazioni e le ragioni della scelta di questa tipologia di operazione e della crescita subita da questo processo negli ultimi anni. Attraverso una breve introduzione al concetto di Venture capital e Private Equity, si analizzano le operazioni di buy out, evidenziando in particolare il trend di quest’ultime nel tempo. L’arco temporale preso in considerazione va dall’anno 2000 al primo semestre 2007. Grazie al Private Equity Monitor, si è potuto analizzare la crescita avvenuta in questo periodo sia sotto l’aspetto di numero d’ investimenti fatti, sia sotto altri aspetti qualitativi d’investimento.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Bandera Contatta »

Composta da 34 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1566 click dal 26/06/2008.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.