Skip to content

Il contributo di minima importanza

Informazioni tesi

  Autore: Pierpaolo Mari
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Vincenzo Scordamaglia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 139

L’approfondimento dell’istituto oggetto del lavoro che si andrà a svolgere riguarderà il contributo della minima importanza previsto all’articolo 114 c.p..
Verranno analizzate volta per volta le scelte dottrinali, di politica criminale e quelle giurisprudenziali, per lo più come si avrà modo di constatare, contrarie all’applicazione dell’attenuante de qua.
Nella prima parte, al fine di porre in essere uno studio completo e lineare, verranno analizzati i due istituti del concorso e della cooperazione colposa, ove è costituzionalizzato in funzione di circostanza attenuante, facendo per prima cosa, un breve excursus sul concorso di persone, partendo dal codice Zanardelli sino ad arrivare a quello del 1930, mettendo in risalto l’elemento più importante: l’abbandono della differenziazione in sede sanzionatoria dell’apporto dato nella commissione del reato da ciascun concorrente. Verranno individuati anche tutti gli elementi di struttura caratterizzanti il concorso con le teorie che ne caratterizzano l’essenza.
In seconda battuta si esporranno le caratteristiche della norma e si cercherà di individuare quale è la ratio e la funzione, indicando allo stesso modo teorie e soluzioni riconosciute dalla dottrina più accreditata.
Una volta identificato l’ambito operativo dell’istituto in esame, nella seconda parte, avente ad oggetto l’analisi strutturale della norma, si andrà a prendere in considerazione l’attenuante, partendo dalla
funzione da questa ricoperta nel codice e i rapporti che ha con le altre circostanze e tutti i successivi problemi che riguardano la “definizione” che le si deve attribuire.
Essendo il 114 c.p. una circostanza del reato, si continuerà illustrando il regime della comunicabilità ed estensibilità delle circostanze.
Verranno dunque esposti i commenti e le scuole di pensiero relativi a quest’ambito.
Continuando sul punto, per poter meglio spiegare e far comprendere la portata e l’attività svolta dalla norma, -o che dovrebbe svolgere-, verrà presa in considerazione il ius dicere, in particolar modo la Suprema Corte, e si vedrà come la giurisprudenza maggioritaria sia per lo più contraria all’applicazione di tale norma, tant’è che si parla di interpretatio abrogans, arrivando quindi ad una sostanziale disapplicazione dell’attenuante.
Nell’ultima parte si prenderà in considerazione il punto di vista dogmatico, dove verrà posta in risalto l’attualità, nonostante il fatto che il codice penale sia risalente al 1930, della scelta e della funzione del dettato in questione, in quanto si va a prevedere ciò che con la Costituzione, all’art 27 comma I, verrà poi suffragato, vale a dire il principio secondo il quale la responsabilità è personale per fatto proprio colpevole. In quanto, come si avrà modo di appurare, dal momento che il concorso di persone va a comminare la medesima pena per tutti i concorrenti, è proprio in forza dell’individuazione del contributo di minima importanza che si consente il rispetto del dettato costituzionale (art.27 I comma).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3   PREMESSE L’approfondimento dell’istituto oggetto del lavoro che si andrà a svolgere riguarderà il contributo della minima importanza previsto all’articolo 114 c.p.. Verranno analizzate volta per volta le scelte dottrinali, di politica criminale e quelle giurisprudenziali, per lo più come si avrà modo di constatare, contrarie all’applicazione dell’attenuante de qua. Nella prima parte, al fine di porre in essere uno studio completo e lineare, verranno analizzati i due istituti del concorso e della cooperazione colposa, ove è costituzionalizzato in funzione di circostanza attenuante, facendo per prima cosa, un breve excursus sul concorso di persone, partendo dal codice Zanardelli sino ad arrivare a quello del 1930, mettendo in risalto l’elemento più importante: l’abbandono della differenziazione in sede sanzionatoria dell’apporto dato nella commissione del reato da ciascun concorrente. Verranno individuati anche tutti gli elementi di struttura caratterizzanti il concorso con le teorie che ne caratterizzano l’essenza. In seconda battuta si esporranno le caratteristiche della norma e si cercherà di individuare quale è la ratio e la funzione, indicando allo stesso modo teorie e soluzioni riconosciute dalla dottrina più accreditata. Una volta identificato l’ambito operativo dell’istituto in esame, nella seconda parte, avente ad oggetto l’analisi strutturale della norma, si andrà a prendere in considerazione l’attenuante, partendo dalla

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

art. 113 c.p.
art. 114 c.p.
art 27 cost
art. 110
circostanze
concorso di persone
contributo
minima importanza
penale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi