Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Una risposta alla sfida della globalizzazione: gestione della conoscenza

Il mio elaborato tratta qualcosa di innovativo, appunto la gestione della conoscenza (knowledge management).
A livello molto sintetico si può dire che la gestione della conoscenza è una disciplina gestionale che considera il capitale intellettuale come un asset (come risorsa gestibile).
in pratica il knowledge management promuove un approccio integrato per identificare, catturare, recuperare, distribuire, condividere e valutare l'intero patrimonio informativo presente in azienda (per patrimonio informativo si intende l'insieme di documenti, procedure e database ma anche l'insieme delle esperienze, delle competenze e delle conoscenze racchiuse nelle menti lavorative).
La gestione della conoscenza permette che ci siano le conoscenze giuste nelle persone giuste al posto giusto nel momento giusto per poter prendere le migliori decisioni possibile ad ogni livello aziendale.
La cosa più importante con questa nuova disciplina è non confondere l'informazione con la conoscenza, sarebbe come scambiare l'uva per il vino: abbondante e semplice materia prima l'uva mentre il vino è divino distillato frutto dell'umana passione per la sublimazione.
Se siete curiosi o interessati all'argomento il resto della mia ricerca potete leggerlo aprendo il file!

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La motivazione principale che mi ha spinto ad elaborare questo progetto è stata la curiosità, il desiderio di conoscere a fondo qualcosa a me ancora del tutto sconosciuto. Potrei dire che tale atteggiamento, tipico della mia personalità, è stato per me un catalizzatore. Ciò che mi ha portato a scegliere l’argomento trattato, però, è stata anche una motivazione più profonda, un interesse particolare verso le nuove frontiere della gestione e organizzazione delle imprese del futuro. Tale interesse si è sviluppato durante gli ultimi miei due anni di studi aziendali e soprattutto grazie alla partecipazione ad alcuni seminari organizzati dall’ASAM (Associazione per gli Studi Aziendali e Manageriali) presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, denominati Colloquia. Resta da chiarire perché ho scelto proprio un Professore di Informatica che mi aiutasse ad analizzare temi dal contenuto invece prettamente gestionale. La motivazione è da ricercare nella mia scoperta, avvenuta durante un corso integrativo dal titolo “Tecnologie Informatiche e Società dell’Informazione”, (organizzato dal Professor Bruno Lamborghini) del fatto che forse per la prima volta le tecnologie informatiche in azienda non risultano più essere delle pure tecnologie di supporto ma un qualcosa di più; tant’è che la nuova scienza del Knowledge Management si dice sia nata grazie alle nuove frontiere raggiunte dall’informatica, prima era del tutto impensabile realizzare ciò che viene oggi concettualizzato con il Knowledge Management. Grazie alle nuove tecnologie informatiche molte barriere spazio-temporali vengono abbattute, e ciò favorisce il diffondersi di pratiche legate al Knowledge Management. La caduta di queste barriere rappresenta a grandi linee il fenomeno della globalizzazione che viene trattato nel primo capitolo del seguente elaborato. In esso, in particolare, si cerca di descrivere il fenomeno della globalizzazione per capire quando e da dove questo nasce.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marco Bianchini Contatta »

Composta da 255 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8104 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 56 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.