Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Donne e rappresentanza politica

La rappresentanza oggi, non più del tutto capace di esprimere una sintesi di tutti gli interessi e di promuovere un’azione collettiva, sembra assumere i caratteri della rappresentanza di interessi. I membri del Parlamento dovrebbero individuare, e rielaborare in vista di una sintesi generale, gli orientamenti del popolo. Per questo è importante che i rappresentati abbiano i requisiti della responsabilità e rappresentatività-responsività, cioè siano in grado di rispondere al maggior numero di domande possibili derivanti dall’intera società. Tra queste, anche quelle delle donne, le quali, nei luoghi decisionali, sono in netta minoranza.
Nell’ambito della rappresentanza politica l’applicazione di azioni positive trova difficoltà soprattutto quando si vuole utilizzare la versione “forte” delle quote. Tra il 1993 e il 1995, una serie di riforme elettorali, volte a favorire una maggior presenza di donne nelle Assemblee elettive, è stata censurata da una sentenza della Corte costituzionale. Oggetto dell’impugnazione era la legge n. 81/93 che, per le elezioni regionali e comunali prescriveva che «nelle liste di candidati nessuno dei due sessi [poteva] essere di norma rappresentato in misura superiore ai 2/3». Questa disposizione, così come tutte le altre colpite da illegittimità consequenziale, erano, secondo la Corte in contrasto con: l’art. 3, co. 1, Cost.; l’art. 51, co. 1, Cost.; l’art. 49 Cost. Tuttavia la Corte lascia uno spiraglio: si dichiara a favore di misure a sostegno del sesso sottorappresentato, ma solo «ove liberamente adottate dai partiti politici», avviando quell’intensa azione di crescita culturale di cui si avrebbe bisogno. Diversi sono stati i rilievi mossi dalla dottrina a tale pronuncia: la sua applicazione anche a norme non analoghe; le mancate distinzioni tra candidabilità ed eleggibilità e tra una legislazione capace di determinare i risultati elettorali e una che si limita a rimuovere gli ostacoli alla possibilità di essere eletti. La Corte avrebbe adottato un’interpretazione troppo restrittiva dell’art. 51 Cost., dimenticandosi del concetto di eguaglianza sostanziale (art 3, co. 2). Il Giudice delle leggi, insomma, avrebbe dovuto prestare maggiore attenzione al necessario bilanciamento tra i diritti costituzionali.
Per superare l’ostacolo posto dalla Corte all’utilizzo di quote di riserva nelle liste elettorali, sono stati necessari degli interventi legislativi. Nel 2001, le leggi costituzionali nn. 2 e 3 hanno interessato, nella promozione delle pari opportunità, le Regioni a Statuto speciale e di diritto comune.
In questo contesto si inserisce la sent. 49/03, in occasione dell’impugnazione, da parte del Governo, di una legge della Regione Valle d’Aosta secondo la quale, a pena di invalidità, le liste devono essere formate da rappresentanti di entrambi i sessi. L’avvocatura dello Stato ritiene le norme in contrasto con gli artt. 3, co. 1, e 51, co. 1, Cost. perché limitano il diritto di elettorato passivo. La Corte, però, dichiara la questione infondata, modificando così la propria giurisprudenza. Quelle disposizioni non pongono l’appartenenza ad uno dei sessi come requisito di eleggibilità, né di candidabilità, incidendo solo sull’accesso alla competizione elettorale e non sulla parità di chances dei partecipanti; non sarebbero qualificabili neppure come vere azioni positive, perché non prevedono misure di diritto diseguale. Si tratterebbe solo di un vincolo limitato al momento della formazione delle liste spettante ai partiti politici che non inciderebbe neppure sul carattere unitario della rappresentanza elettiva.
La sentenza si inserisce in un contesto diverso da quello del 1995, anche dal più ampio piano europeo (risoluzione del Parlamento europeo del 2000; art. 23 della Carta di Nizza).
Ulteriore passo avanti è stato fatto dalla riforma dell’art. 51 Cost., aggiungendo al comma 1, il periodo: «A tal fine la Repubblica promuove con appositi provvedimenti le pari opportunità tra uomini e donne» (Legge cost. n. 1/2003). La riforma si pone come una specificazione del principio di eguaglianza sostanziale e rappresenta una copertura costituzionale per le azioni positive, anche se parla solo di “appositi provvedimenti” e non di leggi, di “promozione” e non di diritto, lasciando dei dubbi in relazione alle misure che troverebbero riparo sotto il nuovo “ombrello costituzionale”, da qualcuno ritenuto inutile e pericoloso.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Capitolo I – La rappresentanza politica 1. Definizione La rappresentanza giuspubblicistica è un elemento che sta alla base dei sistemi politico-costituzionali dell’Occidente. Tali sistemi democratici sono definiti “rappresentativi” in quanto caratterizzati «dalla presenza di un’assemblea quale istituzione permanente elettiva su basi competitive, includente stabilmente accanto alla maggioranza una opposizione, talché ne deriva quello specifico tipo di controllo politico che è assicurato dalla interazione tra maggioranza e opposizione» 1 . Nonostante tali sistemi si basino tutti sul principio rappresentativo, non è stato possibile formulare una definizione univoca di “rappresentanza” a causa soprattutto della capacità, del concetto stesso, di adattarsi ai diversi regimi e alle molteplici forme di organizzazione politica dei quali ne è stato il fondamento. Tentando comunque di definirla, in modo da semplificarne l’analisi, la “rappresentanza politica” può dirsi «la formula politico-istuituzionale in forza della quale alcuni organi collegiali, o monocratici, dell’ordinamento costituzionale e amministrativo, sono personificati da soggetti investiti di mandato politico mediante designazione elettorale» 2 . Non si tratta di un atto ma di un insieme di atti, di «un rapporto rinnovato a scadenze periodiche mediante la ripetizione delle procedure elettorali, di regola, ma non di necessità, senza possibilità di revoca durante la durata del mandato» 3 . E’ un rapporto: “collettivo” perché l’“organo” costituito dai governati è di tipo collegiale; «asimmetrico a favore del mandatario per l’assenza, (…) di vincoli di mandato imperativo» 4 , sia nel caso in cui il titolare della sovranità è la Nazione, sia quando, a seguito dell’affermazione del principio democratico, la sovranità diventa popolare. 1 FISICHELLA D., Premessa in, ID., La rappresentanza politica, Editori Laterza, Bari, 1996, VI. 2 FERRARI G.F., Rappresentanza Istituzionale, in Enc. Giur. Treccani, XXV, Roma, 1991, 2. 3 FERRARI G.F., Rappresentanza Istituzionale, cit., 2. 4 FERRARI G.F., Rappresentanza Istituzionale, cit., 2.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Romina Gallo Contatta »

Composta da 143 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5932 click dal 02/07/2008.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.