Skip to content

Donne e rappresentanza politica

Informazioni tesi

  Autore: Romina Gallo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Carlo Colapietro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 143

La rappresentanza oggi, non più del tutto capace di esprimere una sintesi di tutti gli interessi e di promuovere un’azione collettiva, sembra assumere i caratteri della rappresentanza di interessi. I membri del Parlamento dovrebbero individuare, e rielaborare in vista di una sintesi generale, gli orientamenti del popolo. Per questo è importante che i rappresentati abbiano i requisiti della responsabilità e rappresentatività-responsività, cioè siano in grado di rispondere al maggior numero di domande possibili derivanti dall’intera società. Tra queste, anche quelle delle donne, le quali, nei luoghi decisionali, sono in netta minoranza.
Nell’ambito della rappresentanza politica l’applicazione di azioni positive trova difficoltà soprattutto quando si vuole utilizzare la versione “forte” delle quote. Tra il 1993 e il 1995, una serie di riforme elettorali, volte a favorire una maggior presenza di donne nelle Assemblee elettive, è stata censurata da una sentenza della Corte costituzionale. Oggetto dell’impugnazione era la legge n. 81/93 che, per le elezioni regionali e comunali prescriveva che «nelle liste di candidati nessuno dei due sessi [poteva] essere di norma rappresentato in misura superiore ai 2/3». Questa disposizione, così come tutte le altre colpite da illegittimità consequenziale, erano, secondo la Corte in contrasto con: l’art. 3, co. 1, Cost.; l’art. 51, co. 1, Cost.; l’art. 49 Cost. Tuttavia la Corte lascia uno spiraglio: si dichiara a favore di misure a sostegno del sesso sottorappresentato, ma solo «ove liberamente adottate dai partiti politici», avviando quell’intensa azione di crescita culturale di cui si avrebbe bisogno. Diversi sono stati i rilievi mossi dalla dottrina a tale pronuncia: la sua applicazione anche a norme non analoghe; le mancate distinzioni tra candidabilità ed eleggibilità e tra una legislazione capace di determinare i risultati elettorali e una che si limita a rimuovere gli ostacoli alla possibilità di essere eletti. La Corte avrebbe adottato un’interpretazione troppo restrittiva dell’art. 51 Cost., dimenticandosi del concetto di eguaglianza sostanziale (art 3, co. 2). Il Giudice delle leggi, insomma, avrebbe dovuto prestare maggiore attenzione al necessario bilanciamento tra i diritti costituzionali.
Per superare l’ostacolo posto dalla Corte all’utilizzo di quote di riserva nelle liste elettorali, sono stati necessari degli interventi legislativi. Nel 2001, le leggi costituzionali nn. 2 e 3 hanno interessato, nella promozione delle pari opportunità, le Regioni a Statuto speciale e di diritto comune.
In questo contesto si inserisce la sent. 49/03, in occasione dell’impugnazione, da parte del Governo, di una legge della Regione Valle d’Aosta secondo la quale, a pena di invalidità, le liste devono essere formate da rappresentanti di entrambi i sessi. L’avvocatura dello Stato ritiene le norme in contrasto con gli artt. 3, co. 1, e 51, co. 1, Cost. perché limitano il diritto di elettorato passivo. La Corte, però, dichiara la questione infondata, modificando così la propria giurisprudenza. Quelle disposizioni non pongono l’appartenenza ad uno dei sessi come requisito di eleggibilità, né di candidabilità, incidendo solo sull’accesso alla competizione elettorale e non sulla parità di chances dei partecipanti; non sarebbero qualificabili neppure come vere azioni positive, perché non prevedono misure di diritto diseguale. Si tratterebbe solo di un vincolo limitato al momento della formazione delle liste spettante ai partiti politici che non inciderebbe neppure sul carattere unitario della rappresentanza elettiva.
La sentenza si inserisce in un contesto diverso da quello del 1995, anche dal più ampio piano europeo (risoluzione del Parlamento europeo del 2000; art. 23 della Carta di Nizza).
Ulteriore passo avanti è stato fatto dalla riforma dell’art. 51 Cost., aggiungendo al comma 1, il periodo: «A tal fine la Repubblica promuove con appositi provvedimenti le pari opportunità tra uomini e donne» (Legge cost. n. 1/2003). La riforma si pone come una specificazione del principio di eguaglianza sostanziale e rappresenta una copertura costituzionale per le azioni positive, anche se parla solo di “appositi provvedimenti” e non di leggi, di “promozione” e non di diritto, lasciando dei dubbi in relazione alle misure che troverebbero riparo sotto il nuovo “ombrello costituzionale”, da qualcuno ritenuto inutile e pericoloso.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Capitolo I – La rappresentanza politica 1. Definizione La rappresentanza giuspubblicistica è un elemento che sta alla base dei sistemi politico-costituzionali dell’Occidente. Tali sistemi democratici sono definiti “rappresentativi” in quanto caratterizzati «dalla presenza di un’assemblea quale istituzione permanente elettiva su basi competitive, includente stabilmente accanto alla maggioranza una opposizione, talché ne deriva quello specifico tipo di controllo politico che è assicurato dalla interazione tra maggioranza e opposizione» 1 . Nonostante tali sistemi si basino tutti sul principio rappresentativo, non è stato possibile formulare una definizione univoca di “rappresentanza” a causa soprattutto della capacità, del concetto stesso, di adattarsi ai diversi regimi e alle molteplici forme di organizzazione politica dei quali ne è stato il fondamento. Tentando comunque di definirla, in modo da semplificarne l’analisi, la “rappresentanza politica” può dirsi «la formula politico-istuituzionale in forza della quale alcuni organi collegiali, o monocratici, dell’ordinamento costituzionale e amministrativo, sono personificati da soggetti investiti di mandato politico mediante designazione elettorale» 2 . Non si tratta di un atto ma di un insieme di atti, di «un rapporto rinnovato a scadenze periodiche mediante la ripetizione delle procedure elettorali, di regola, ma non di necessità, senza possibilità di revoca durante la durata del mandato» 3 . E’ un rapporto: “collettivo” perché l’“organo” costituito dai governati è di tipo collegiale; «asimmetrico a favore del mandatario per l’assenza, (…) di vincoli di mandato imperativo» 4 , sia nel caso in cui il titolare della sovranità è la Nazione, sia quando, a seguito dell’affermazione del principio democratico, la sovranità diventa popolare. 1 FISICHELLA D., Premessa in, ID., La rappresentanza politica, Editori Laterza, Bari, 1996, VI. 2 FERRARI G.F., Rappresentanza Istituzionale, in Enc. Giur. Treccani, XXV, Roma, 1991, 2. 3 FERRARI G.F., Rappresentanza Istituzionale, cit., 2. 4 FERRARI G.F., Rappresentanza Istituzionale, cit., 2.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

art. 3 costituzione
art. 49 costituzione
art. 51 costituzione
azioni positive
differenza
donne
eguaglianza
eguaglianza formale
eguaglianza sostanziale
elezioni
legge costituzionale n. 2/2001
legge costituzionale n. 3/2001
legge n. 81/1993
pari opportunità
parità dei sessi
quote rosa
rappresentanza politica
rappresentatività
sentenza n. 49/2003
sentenza n.422/1995

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi