Skip to content

Funzioni cognitive ed apprendimento in matematica

Informazioni tesi

  Autore: Gianluca Lo Presti
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: UKE - Università Kore di Enna
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Psicologia
  Relatore: Serafino Buono
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 75

Questo lavoro intende individuare alcune delle principali funzioni cognitive che possono essere implicate durante l’esecuzione delle attività di calcolo matematico.
Nello specifico, sono studiate le relazioni fra: l’abilità visuo-motoria e le abilità astratte dei processi cognitivi superiori con le seguenti abilità di calcolo: a) capacità di applicare le procedure di calcolo; b) abilità con le quattro operazioni (anche combinate insieme) e la conoscenza di applicare importanti regole procedurali; c) rappresentazione semantica e lessicale dei numeri; d) abilità nell’elaborare la struttura sintattica del numero; e) ragionamento logico sulla serie di numeri; f) errori d’origine sintattica e lessicale; g) capacità di calcolo approssimativo; h) automatizzazione delle procedure e dei principi basilari.
Altro scopo della ricerca è quello di analizzare il rapporto fra convinzioni sulla propria intelligenza (teoria incrementale vs teoria entitaria) ed i risultati totali ottenute nelle prove in matematica. Ciò per arricchire questo lavoro con informazioni utili sotto l’aspetto motivazionale del campione in esame.
Gli strumenti utilizzati sono: a) Matrici di Raven PM38 (Raven, 1954). Le funzioni cognitive misurate riguardano, in generale, abilità astratte e processi cognitivi superiori, nello specifico abbiamo l’insieme delle seguenti funzioni: capacità di fare confronti, pensiero analogico, uso di un metodo logico di pensiero, pensiero inferenziale, capacità di problem solving;
b) Figura complessa di Rey (1959). Le funzioni cognitive coinvolte riguardano generali abilità visuo-motorie e di organizzazione percettiva, nello specifico abbiamo: abilità di integrazione, abilità di organizzazione di stimoli, memoria visiva, competenze visuo-spaziali;
c) AC-MT 11-14, parte collettiva (Cornoldi e Cazzola, 2003). Le abilità matematiche valutate sono: la capacità di applicare le procedure di calcolo nelle quattro operazioni; capacità del soggetto di lavorare con tutte e quattro le operazioni e di conoscere ed applicare importanti regole procedurali; avere una corretta rappresentazione sia lessicale che semantica dei numeri; abilità nell’elaborare la struttura sintattica del numero; le capacità di compiere ragionamenti logici sulle proprietà dei numeri; specifici errori sintattici e letterari; abilità di saper fare delle stime di calcolo; conoscenze automatizzate di fatti, procedure e principi e/o se è in grado di applicarle secondo un ragionamento analogico.
d) QC1I, estratto dalla batteria AMOS 8-15 (Cornoldi, De Beni, Zamperlin e Meneghetti, 2005). Valuta le convinzioni del soggetto circa la propria intelligenza. Dunque, se il soggetto vede la sua intelligenza più verso una teoria entitaria o più verso una teoria incrementale.
Per il tipo di scala di misura presente (cfr. Di Nuovo, 2003), per il numero di individui e per lo scopo della ricerca, si è optato per il Coefficiente di correlazione rs per ranghi di Spearman. Questa è una misura che esprime il grado di relazione tra due variabili, ovvero, l’entità del coefficiente ci informa sulla maggiore o minore tendenza delle variabili ad essere tra loro in relazione monotona, valori positivi indicano una relazione crescente, valori negativi indicano una relazione decrescente, i dati si approssimeranno allo zero se non vi è relazione fra queste due variabili (Cristante, Lis e Sambin, 2001).
I risultati mostrano come le funzioni cognitive siano certamente un valido supporto per tute le attività di problem solving dell’individuo.
Il dato più chiaro è rappresentato dalle forti correlazioni tra le funzioni cognitive valutate, sia attraverso le matrici progressive di Raven che con il disegno della figura complessa di Rey, con i compiti di Calcolo approssimativo e Fatti, funzioni e procedure. Queste correlazioni ci mostrano come le suddette funzioni entrino in gioco con più rilevanza proprio quando il soggetto ha bisogno di un “aiuto” o un supporto. Evidentemente, è proprio durante l’esecuzione di un compito complesso, che risulta importante possedere delle funzioni cognitive che possano operare in ausilio ad altre componenti più specifiche del calcolo, come il conteggio e l’abilità nei compiti numerici (cfr. Butterworth, 1999).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Ma vano fu di salvare i compagni il desiderio pur grande: ne fece rovina la propria follia; insensati, che i buoi del Sole Iperone mangiarono, e quello il giorno a loro negò il ritorno Omero, Odissea, Libro I, Invocazione alla Musa, vv. 6-9 Omero fa emerge in Ulisse la figura di un eroe con la sua ricca esperienza, la brama di conoscenza e la forza di resistenza alle fatiche. In più dedica un certo spessore anche alle colpe che ebbero i suoi compagni. Questo è un concetto molto importante durante tutto il percorso del Poema. Ed oggi non possiamo nascondere che in molte situazioni problematiche servirebbe, non solo, non commettere certi sbagli, ma anche porsi in condizioni tali da affrontare le difficoltà che si incontrano. Per chi ha letto con attenzione l’Omero dell’Odissea 1 , sarà d’accordo nel pensare che nel Poema si trovano davvero molti versi in cui i personaggi riflettono sul loro stesso agire. Ciò con razionalità, esperienza, conoscenza delle strategie e prudenza che funzionino bene, così come faceva Ulisse. Oggi indichiamo tutte queste funzioni, ma non solo, sotto il termine: metacognizione. Come avremo modo di vedere nel primo capitolo premesse sulla metacognizione, essa ha un ruolo primario nei processi di apprendimento. Infatti, le difficoltà che incontra un bambino nella soluzione di compiti scolastici, nella maggior parte dei casi, potrebbero anche essere risolte mediante una didattica metacognitiva più efficace (per 1 Questa specificazione è necessaria in quanto negli ultimi anni è stato possibile datare vasi e sculture che solitamente venivano realizzate subito dopo il compimento di Opere come l’Iliade e l’Odissea. Ciò ha dato modo di costatare che le due opere sono state realizzate a più di 70 anni una dall’altra (forse anche 100 anni), senza considerare il tempo che è servito per poterle realizzare. In più, si è notato che la modalità, con cui sono scritte queste due Opere, è diversa. Questo, ma non solo, ha confermato l’idea che le due Opere siano state scritte da due persone diverse. Dunque, nelle letture classiche, recentemente si può leggere o “l’Omero dell’Illiade” o “l’Omero dell’Odissea”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi