Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Organizational Learning and Green Strategy in imprese multinazionali

Il lavoro di tesi, partendo da un framework teorico di riferimento in merito all’Organizational Learning, sviluppa il legame tra innovazione e sviluppo sostenibile, il concetto di responsabilità sociale d’impresa e i principali tools (bilancio sociale, bilancio ambientale, report di sostenibilità, supply chain management) utilizzati dalle imprese.
E’ stata condotta un’analisi empirica utilizzando la metodologia del Case Study (attraverso l’analisi dei bilanci e collaborando con i responsabili di CSR, Internal Auditing e Ethics Officer delle aziende del panel) su 10 imprese multinazionali (Enel, Eni, Ferrari, Granarolo, Indesit Company, Nike, Shell, Telecom Italia, Unicredit, Unilever) al fine di individuare processi e tools per una learning organization, green strategies, Key Performance Indicators e best practices aziendali

Mostra/Nascondi contenuto.
i Introduzione All’interno del mercato globale, le imprese sono enti che vivono in un tessuto sociale che comprende diversi soggetti e si trovano a dover rispondere della loro condotta, non solo di fronte agli azionisti e ai dipendenti, ma anche alla crescente richiesta di assunzione di responsabilità, trasparenza e correttezza da parte della società civile. In un contesto talmente dinamico segnato dall’incessante evoluzione dell’innovazione tecnologica e dall’ipercompetitività tra le imprese, chi fa la prima mossa vince, poiché ha la possibilità di controllare il gioco, perché acquisisce un vantaggio enorme sui concorrenti potenziali che devono rincorrere i first-movers. Primi non solo a realizzare l’applicazione commerciale di un’innovazione tecnologica, bensì a mettere in piedi un’organizzazione che sappia continuamente trasformare il sapere in valore, che impari ad imparare. Ma le risorse immateriali non sono reperibili sul mercato, occorre costruirsele da soli e per far ciò la capacità di apprendere ed auto-apprendere rappresenta una nuova risorsa da gestire. L’impresa diventa così una learning organization, ovvero un’organizzazione che apprende. Tale processo va focalizzato sui comportamenti delle persone, sulle loro capacità di vedere e comprendere la realtà nel suo insieme, sulle capacità di trasformare le intelligenze singole in intelligenza collettiva. Il presente lavoro, partendo da un’accurata analisi della Letteratura, fornisce in primo luogo un framework teorico di riferimento in merito all’Organizational Learning, definendo l’importanza della conoscenza nel processo di apprendimento organizzativo, il legame tra la strategia e la learning organization, la nuova figura del manager, i fattori che facilitano e che impediscono l’apprendimento organizzativo e il processo che conduce alla creazione di una learning organization. E’ ormai diffusa la considerazione che il vantaggio competitivo è oggi condizionato soprattutto dalla disponibilità e dalla capacità di gestire e creare la risorsa conoscenza. L’opinione sostenuta in questo lavoro è che la conoscenza costituisce la risorsa immateriale su cui l’impresa basa il suo funzionamento. L’obiettivo è quello di dimostrare che la conoscenza ha effetti diretti e misurabili sulla capacità di una organizzazione di perseguire i suoi obiettivi (in particolare quelli relativi alla Sostenibilità) e che influisce direttamente sulla sua competitività e sviluppo nel tempo. Indipendentemente dalla loro dimensione, tutte le aziende instaurano con l’ambiente che le circonda una serie di rapporti caratterizzati da elevati gradi di complessità.

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Salvatore Pino Contatta »

Composta da 182 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3447 click dal 02/07/2008.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.