Skip to content

La previdenza complementare: un ritorno alla mutualità

Informazioni tesi

  Autore: Gabriele Casula
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Sassari
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Speranza Dettori
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 225

La funzione solidaristica e mutualistica che ha caratterizzato la previdenza sindacale e sociale fin dalle sue origini risiede oggi nella tutela del capitale previdenziale costituito dalle somme accantonate nel conto individuale di ciascun lavoratore e nel suo accrescimento grazie al rendimento che tali somme maturano nell'investimento finanziario.
E’ così che una parte della dottrina ha iniziato a farsi attenta alle esigenze del mercato e alla relazione che sussiste tra esso e la previdenza complementare a cui è sottesa la (nuova) funzione solidaristica che continua ad essere realizzata dalla previdenza complementare sindacale, anche se il regime a contribuzione definita, e cioè del regime a capitalizzazione individuale, adottato dalla riforma del 1993 (D.lgs 124/93) ne ha attenuato, senza escluderli i valori tradizionali la funzione mutualistica che aveva caratterizzato fin dalle sue origini la previdenza sociale,
Alcuni dei tratti caratteristici dell’attuale previdenza complementare, dei suoi aspetti strutturali e funzionali, corrispondono ai presupposti della previdenza organizzata dalle società del mutuo soccorso.
I principi della autonomia organizzativa e funzionale,dell’autofinanziamento, della corrispettività e della volontarietà - tratti caratteristici dell'attuale previdenza complementare - ci consentono di parlare di un ritorno alla mutualità.
L’ autonomia organizzativa e funzionale trova oggi nella gestione organizzativa ripartita tra datore e prestatore di lavoro uno dei suoi aspetti essenziali. Allo stesso modo Le società del Mutuo soccorso erano gestite direttamente dai rappresentanti dei lavoratori.
L’autofinanziamento è una delle altre caratteristiche essenziali dell’attuale previdenza complementare e delle previdenza sociale delle origini, che si basa sul contributo esclusivo del lavoratore, il contributo datoriale quando è previsto dalla contrattazione collettiva, con la esclusione del ricorso alla fiscalità generale e il contributo dello Stato come avviene nella previdenza pubblica.
Altro elemento che contraddistingue l’attuale previdenza complementare è la volontarietà , richiamata dal comma V dell’art. 38, che è sicuramente espressione di interessi privati dei soci lavoratori. Essa rappresentava uno degli aspetti fondamentali della Previdenza sociale delle origini.
Lo stato non si oppose alle società del mutuo soccorso e all’associazionismo operario: con una legge, alla fine dell’800 riconosceva la possibilità di organizzarsi liberamente.

Ma l’elemento che maggiormente indurrebbe a considerare la previdenza complementare ispirata al sistema della previdenza sociale delle origini è il ritorno al principio dell’automaticità delle prestazioni in ragione del contributo previdenziale versato dal lavoratore. Questo aspetto contraddistingue nettamente l'attuale previdenza complementare da quella pubblica che non accoglie tali regole.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE 1. Fino alla rivoluzione industriale a cui consegue, come è noto, una forte urbanizzazione e l’uso delle macchine non si ha un’idea di previdenza così come viene intesa nell’attualità, in quanto il problema della sicurezza ha una incidenza limitata e l’assistenza si fonda sulla beneficienza. Le prime forme di protezione che successivamente si attuano nascono pertanto dalla necessità di contrastare la diminuzione, talvolta l’inesistenza, della sicurezza nei luoghi di lavoro e la diminuzione della capacità di gua- dagno conseguente agli incidenti derivanti dai nuovi mezzi meccanizzati introdotti nella produzione. Tale disagio è immediatamente percepito dal prestatore di lavoro che autonomamente crea e finanzia le società del mutuo soccorso. La tutela previdenziale, che oggi guarda alla sicurezza sociale e ri- guarda il cittadino come tale, nel nostro paese nasce, quindi, pochi lustri prima del periodo corporativo, come strumento fortemente saldato al rap- porto di lavoro, destinata a realizzare una forma di solidarietà limitata ai datori di lavoro ed ai lavoratori subordinati e governata dalla cosiddetta corrispettività tra contributi prestati e prestazioni erogate.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

codice civile 2117 2123 art, 2, 3, 38, 47, cost.
complemetare
corporativismo
corte costituzionale 393/2000
covip
d. lgs. 124-1993
d.lgs 252/2005
espero
fondi aperti
fondi chiusi
fondi negoziali
fondi pensione
gabriele casula
giurisprudenza
inps
la previdenza complementare
mutualità
previdenza complementare
previdenza corporativa
previdenza sociale
sassari
società mutualistica
societa mutuo soccorso
un ritorno alla mutualità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi