Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La previdenza complementare: un ritorno alla mutualità

La funzione solidaristica e mutualistica che ha caratterizzato la previdenza sindacale e sociale fin dalle sue origini risiede oggi nella tutela del capitale previdenziale costituito dalle somme accantonate nel conto individuale di ciascun lavoratore e nel suo accrescimento grazie al rendimento che tali somme maturano nell'investimento finanziario.
E’ così che una parte della dottrina ha iniziato a farsi attenta alle esigenze del mercato e alla relazione che sussiste tra esso e la previdenza complementare a cui è sottesa la (nuova) funzione solidaristica che continua ad essere realizzata dalla previdenza complementare sindacale, anche se il regime a contribuzione definita, e cioè del regime a capitalizzazione individuale, adottato dalla riforma del 1993 (D.lgs 124/93) ne ha attenuato, senza escluderli i valori tradizionali la funzione mutualistica che aveva caratterizzato fin dalle sue origini la previdenza sociale,
Alcuni dei tratti caratteristici dell’attuale previdenza complementare, dei suoi aspetti strutturali e funzionali, corrispondono ai presupposti della previdenza organizzata dalle società del mutuo soccorso.
I principi della autonomia organizzativa e funzionale,dell’autofinanziamento, della corrispettività e della volontarietà - tratti caratteristici dell'attuale previdenza complementare - ci consentono di parlare di un ritorno alla mutualità.
L’ autonomia organizzativa e funzionale trova oggi nella gestione organizzativa ripartita tra datore e prestatore di lavoro uno dei suoi aspetti essenziali. Allo stesso modo Le società del Mutuo soccorso erano gestite direttamente dai rappresentanti dei lavoratori.
L’autofinanziamento è una delle altre caratteristiche essenziali dell’attuale previdenza complementare e delle previdenza sociale delle origini, che si basa sul contributo esclusivo del lavoratore, il contributo datoriale quando è previsto dalla contrattazione collettiva, con la esclusione del ricorso alla fiscalità generale e il contributo dello Stato come avviene nella previdenza pubblica.
Altro elemento che contraddistingue l’attuale previdenza complementare è la volontarietà , richiamata dal comma V dell’art. 38, che è sicuramente espressione di interessi privati dei soci lavoratori. Essa rappresentava uno degli aspetti fondamentali della Previdenza sociale delle origini.
Lo stato non si oppose alle società del mutuo soccorso e all’associazionismo operario: con una legge, alla fine dell’800 riconosceva la possibilità di organizzarsi liberamente.

Ma l’elemento che maggiormente indurrebbe a considerare la previdenza complementare ispirata al sistema della previdenza sociale delle origini è il ritorno al principio dell’automaticità delle prestazioni in ragione del contributo previdenziale versato dal lavoratore. Questo aspetto contraddistingue nettamente l'attuale previdenza complementare da quella pubblica che non accoglie tali regole.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE 1. Fino alla rivoluzione industriale a cui consegue, come è noto, una forte urbanizzazione e l’uso delle macchine non si ha un’idea di previdenza così come viene intesa nell’attualità, in quanto il problema della sicurezza ha una incidenza limitata e l’assistenza si fonda sulla beneficienza. Le prime forme di protezione che successivamente si attuano nascono pertanto dalla necessità di contrastare la diminuzione, talvolta l’inesistenza, della sicurezza nei luoghi di lavoro e la diminuzione della capacità di gua- dagno conseguente agli incidenti derivanti dai nuovi mezzi meccanizzati introdotti nella produzione. Tale disagio è immediatamente percepito dal prestatore di lavoro che autonomamente crea e finanzia le società del mutuo soccorso. La tutela previdenziale, che oggi guarda alla sicurezza sociale e ri- guarda il cittadino come tale, nel nostro paese nasce, quindi, pochi lustri prima del periodo corporativo, come strumento fortemente saldato al rap- porto di lavoro, destinata a realizzare una forma di solidarietà limitata ai datori di lavoro ed ai lavoratori subordinati e governata dalla cosiddetta corrispettività tra contributi prestati e prestazioni erogate.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Gabriele Casula Contatta »

Composta da 225 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3448 click dal 07/07/2008.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.