Skip to content

L'aspetto abbandonico e la difficoltà di separazione nell'adolescente deviante

Informazioni tesi

  Autore: Serena Rossi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Educatore Sociale
  Relatore: Roberta Biolcati
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 66

Durante gli anni del mio percorso di studio, nel quale già dalle scuole secondarie superiori è sbocciato il mio interesse per le materie umaniste ed in particolare per le discipline che si rivolgevano all’educazione, mi sono sempre chiesta se nelle materie che tanto mi appassionavano e mi motivavano sempre di più a proseguire i miei studi, ci fossero le risposte alle domande che avevo dentro di me su quella che veniva definita “adolescenza”. Adolescenza nella quale per altro mi ci trovavo per altro a vivere e combattere, tra le incoerenze ed i dubbi che la caratterizzavano, tra le difficoltà e le paure, tra i desideri di evadere e il bisogno di certezze. Il bisogno di rispondere a tanti perché sulla crescita e sull’educazione, era ancor più alimentato dall’indirizzo di studio che stavo intraprendendo, infatti giunta all’università ero abbastanza consapevole di voler proseguire i miei studi specializzandomi proprio in una facoltà che mi offrisse la possibilità di approcciarmi con l’educazione, ma in particolar modo con la ri-educazione in vari contesti di disagio e problematici, incrementati nella società moderna che appare sempre più bisognosa di figure professionali preparate ad operare in determinati contesti.
Da li poi nel proseguire del mio corso di Laurea ho rivolto particolarmente la mia attenzione e passione allo studio dell’infanzia e dell’adolescenza e della fondamentale correlazione che esiste fra queste due parti della vita dell’uomo soprattutto dell’influenza che può avere l’infanzia sulla costruzione dell’adolescenza.
In particolare ho cominciato ad orientarmi specificatamente all’approfondimento dell’adolescenza problematica, realtà sempre più evidente e presente nella società. Ecco perché ho scelto di svolgere il tirocinio previsto da questo corso di Laurea presso l’Associazione Comunità, specificatamente nell’Area rivolta ai Minori con differenti problematiche di devianza.
Durante lo svolgimento del mio tirocinio ho iniziato a riflettere in maniera più approfondita e delineare la tematica che ho deciso di affrontare in questa mia tesi di laurea, che rivolge l’attenzione alla modalità di attaccamento dei giovani adolescenti devianti, in maniera particolare nel legame che instaurano con la figura dell’educatore sociale, basandomi anche sull’osservazione diretta nell’esperienza che ho potuto vivere in comunità terapeutica.
In questa tesi ho cercato di approfondire la difficoltà relazionale dell’adolescente problematico, posta in rapporto al legame di attaccamento che ha costruito nell’infanzia con le figure di riferimento genitoriali, paragonabile al rapporto che costruisce con la figura di riferimento dell’educatore in un contesto problematico.
Nel primo capitolo ho esplicato l’ansia da separazione a caratteri generali, inserendola nel contesto del legame di attaccamento nell’infanzia in particolare nelle condizioni di disagio infantile come i bambini che crescono in istituto, i bambini che vivono la separazione dei genitori e i bambini che vivono un lutto.
Nel secondo capitolo ho delineato le caratteristiche generali dell’età adolescenziale, in particolare ho illustrato la ristrutturazione del legame di attaccamento rispetto all’infanzia con le principali differenze che lo contraddistinguono, soffermandomi sulle modalità relazionali con la famiglia anche in base allo stile genitoriale che assume una famiglia durante gli anni dello sviluppo dell’adolescente.
Nel terzo capitolo ho illustrato le principali problematiche dell’adolescenza deviante, in particolare ho approfondito l’adolescente violento, il furto, l’abuso di sostanze e l’abuso di alcol. Ho individuato ed analizzato poi la famiglia come principale fattore di rischio nella devianza e la sua influenza nella ristrutturazione della modalità di attaccamento nella personalità dell’adolescente.
Nell’ultimo capitolo ho delineato le caratteristiche principali della figura dell’educatore ed il rapporto che si instaura tra l’adolescente problematico e l’educatore nel percorso di rieducazione, in particolare ho descritto la mia esperienza di tirocinio esemplificando le relazioni che ho potuto osservare e vivere nell’adolescente problematico che si lega ad un educatore, figura di riferimento nella realtà della comunità terapeutica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Durante gli anni del mio percorso di studio, nel quale già dalle scuole secondarie superiori è sbocciato il mio interesse per le materie umaniste ed in particolare per le discipline che si rivolgevano all’educazione, mi sono sempre chiesta se nelle materie che tanto mi appassionavano e mi motivavano sempre di più a proseguire i miei studi, ci fossero le risposte alle domande che avevo dentro di me su quella che veniva definita “adolescenza”. Adolescenza nella quale mi ci trovavo per altro a vivere e combattere, tra le incoerenze ed i dubbi che la caratterizzavano, tra le difficoltà e le paure, tra i desideri di evadere e il bisogno di certezze. Il bisogno di rispondere a tanti perché sulla crescita e sull’educazione, era ancor più alimentato dall’indirizzo di studio che stavo intraprendendo, infatti, giunta all’università ero abbastanza consapevole di voler proseguire i miei studi specializzandomi proprio in una facoltà che mi offrisse la possibilità di approcciarmi con l’educazione, ma in particolar modo con la ri-educazione in vari contesti di disagio e problematici, così incrementati nella società moderna da apparire sempre più bisognosa di figure professionali preparate ad operare in determinati contesti. Da li poi, nel proseguire il mio corso di Laurea, ho rivolto particolarmente la mia attenzione e passione allo studio dell’infanzia e dell’adolescenza e della fondamentale correlazione che esiste fra queste due parti della vita dell’uomo e soprattutto l’influenza che può avere l’infanzia sulla costruzione dell’adolescenza. In particolare ho cominciato ad orientarmi specificatamente all’approfondimento dell’adolescenza problematica, realtà sempre più presente nella società. Ecco perché ho scelto di svolgere il tirocinio previsto da questo corso di Laurea presso l’Associazione Comunità San Maurizio di Borghi, specificatamente nell’Area rivolta ai Minori con differenti problematiche di devianza. Durante lo svolgimento del mio tirocinio ho iniziato a riflettere in maniera più approfondita e delineare la tematica che ho deciso di affrontare in questa mia tesi di laurea, che rivolge l’attenzione alla modalità di attaccamento dei giovani adolescenti

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adolescenti
adolescenti deviti
adolescenza
adolescenziali
attaccamento
comunità
devianza
disagi adolescenza
educatore
educazione
età dello sviluppo
problematiche adolescenza
problemi adolescenti
problemi adolescenza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi