Skip to content

La security aziendale

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Pescuma
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università Telematica Guglielmo Marconi
  Facoltà: Scienze economiche
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Pasquale Dell'Aversana
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 97

L'argomento "sicurezza aziendale " è quantomai attuale in considerazione della globalizzazione dei mercati e di conseguenza degli attacchi al sistema azienda che ciò comporta.
Il riferimento storico fatto nel corso dell'elaborato, i cenni agli attacchi subiti dall'imprenditore, sia singolarmente che come gruppo organizzato o come sistema sociale, nel corso della storia vengono citati a supporto dell’assunto che un sistema di sicurezza deve necessariamente adeguarsi al "nuovo" che si rinnova per abbattere le barriere di sicurezza cui ricorre l'imprenditore-azienda.
La sensazione di sicurezza è l'obiettivo che si persegue nel corso di tutto l'elaborato. Un congruo spazio trova la "safety" in contrapposizione con la "security" che da questa si distingue non solo per i destinatari dell'una o dell'altra ma anche per le modalità, i mezzi, le condizioni,....... con cui vengono attuate e valorizzate.
La distinzione tra i due concetti viene sviluppata e sviscerata con un approfondimento ed una angolazione propendente verso la security che ad oggi poco o nulla trova giustificazione e tutela normativa salvo qualche sporadico specifico caso contemplato nel codice penale ed in poche leggi speciali.
Molto è affidato alle risorse dell'imprenditore più o meno lungimirante, più o meno amante del rischio( nella cultura partenopea " ropp arrubbat 'e porte e fierro" la cui traduzione non letterale è " dopo aver subito un furto ci si preoccupa di farsi costruire porte blindate).
Una sicura scossa ha prodotto nel mondo della "security aziendale" il terrorismo internazionale, dopo l'11 settembre 2001 "niente è uguale a prima" tanto più nella sicurezza.
Attacchi di terroristi via aerea, avvelenamento di acque minerali, merci che viaggiano in un sistema globalizzato esposte ai concorrenti, ai balordi, agli estremisti o a "chi ce l'ha" con l'azienda X o l'imprenditore Y sempre più deboli e sempre meno preparati.
La figura del “security manager” completa l'analisi nell'elaborato ponendo in evidenza la quasi completa assenza di tale profilo professionale qualificato e qualificante per la azienda, la quale grazie a managers opportunamente preparati può far valere il "core difference" riguardo ai suoi concorrenti, può tutelarsi dalla infedeltà dei propri dipendenti, dagli attacchi all'azienda perpetrati da agenti sia esterni che interni, fronteggiando il momento di una eventuale "crisi" con la opportuna esperienza e preparazione.
La conclusione dell'elaborato auspica una maggiore attenzione al problema "sicurezza" sia da parte del legislatore nazionale e/o comunitario nonchè da chi è parte interessata "l'imprenditore" singolo o associato il quale non può vivere alla giornata ma nello spirito dei principi aziendali, preoccuparsi della vita dell'azienda nel medio/lungo termine adottando tutte le cautele possibili. La difficile coniugazione con cui combatte la legislazione nazionale tra la coesistenza della privacy e della security aziendale nonchè la sempre più pressante esigenza di rilevamenti biometrici a protezione di dati e luoghi di interesse sensibile è situazione ancora oggi sul tavolo e...............BUONA CONSULTAZIONE

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 1. LA SICUREZZA, IN GENERALE “L’uomo della strada, sollecitato dai giornalisti, e’ sempre preoccupato per la sua sicurezza pero’ poi si comporta come se non lo fosse. Installa il sistema d’allarme, ma non lo usa. Compra una porta corazzata, ma lascia le chiavi in giro. Ha la cassaforte, ma tiene i gioielli nel primo cassetto del como’. Conserva il PIN insieme alla carta di credito. Scrive la password sul telaio del monitor. Compra costosissimi telefoni cifranti, ma parla al bar, al ristorante ed al telefono di affari riservatissimi, addirittura dei reati che sta commettendo, o che vuole commettere. Possiamo davvero affermare che e’ preoccupato per la propria sicurezza? No davvero!” Giovanni MANUNTA Presidente del SRSI (Security and Risk Studies Institute) La scala di bisogni, suddivisa in cinque differenti livelli, dai più elementari (necessari alla sopravvivenza e alla sicurezza dell'individuo) ai più complessi (di carattere sociale), consente la realizzazione dell'individuo. Tale realizzazione, secondo lo psicologo statunitense Abraham Maslow nella "Hierachy of Needs" (gerarchia dei bisogni o necessità), la si ha passando per i vari stadi che se non soddisfatti non consentono progressione allo stadio successivo. La scala dei bisogni così intesa è internazionalmente conosciuta come "La piramide di Maslow", divulgata dallo psicologo statunitense nel libro Motivation and Personality del 1954. I livelli di bisogno concepiti sono: - Bisogni fisiologici (fame, sete, ecc.); - Bisogni di salvezza, sicurezza e protezione; - Bisogni di appartenenza (affetto, identificazione); - Bisogni di stima, (prestigio, successo); - Bisogni di realizzazione di sé (realizzare la propria identità; portare a compimento le proprie aspettative; occupare una posizione soddisfacente nel gruppo di appartenenza ; ……….).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

11 settembre 2001
analisi dei rischi
attacchi terroristici
biometria
bisogni maslow
core difference
crisi
crisis management
gestione dei rischi
infedeltà dei dipendenti
marchi contraffatti
privacy
problem solving
risk management
ropp arrubbat 'e porte e fierro
safety
security
security manager
sicurezza
sicurezza bancaria
sicurezza endogena e esogena
sicurezza industriale
sicurezza prodotti
torri gemelle

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi