Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Consumo biologico ed evoluzione del settore alimentare

Nel primo capitolo, sono stati analizzati l’evoluzione dei consumi e i trends.
Nel secondo capitolo, vengono approfonditi i concetti di corpo e identità, utili per analizzare la dimensione simbolica del consumo e, in particolare, del cibo.
Nel terzo capitolo,si analizzano l’industria alimentare e l’alimentazione. Negli ultimi anni il settore è stato sottoposto nel nostro Paese a sconvolgimenti di grande portata che ne hanno modificato profondamente la natura.
Nel quarto capitolo vengono analizzati i consumi alimentari.
In Italia, l’attuale modello di consumo alimentare è considerato maturo. Infatti, essendo svincolati dai bisogni primari, i loro stili di consumo alimentare si differenziano in base alle preferenze individuali, dettate dai gusti più che dalle necessità. È in atto un processo di convergenza, che avvicina la dieta italiana a quella dei Paesi avanzati e, all’interno del contesto nazionale, riduce le differenze fra regioni diverse.
In definitiva, si assiste ad una marcata evoluzione dei modelli e delle tendenze di consumo, molto simile a quanto era avvenuto in altri Paesi avanzati. Questi cambiamenti del consumo alimentare della popolazione sono causati dai rilevanti cambiamenti strutturali avvenuti nella società. I fenomeni caratteristici di tale sviluppo sono, innanzitutto, di natura economica e nell’organizzazione sociale: le trasformazioni di reddito; la diffusione dell’orario di lavoro continuato; il maggior numero di donne presenti sul mercato del lavoro. In secondo luogo, vi sono i fattori di natura demografica: la diminuzione del numero medio dei componenti per famiglia e del numero di figli; l’invecchiamento della popolazione; la crescita delle famiglie monocomponenti (single o anziani soli). Tutti questi cambiamenti hanno portato a rilevanti modificazioni nei consumi alimentari sia nella struttura economica dei consumi, che nella modalità del consumo stesso. Infine, bisogna tenere in considerazione i rischi. Del resto, la percezione dei rischi in tema di sicurezza sanitaria degli alimenti è amplificata dalla crisi dell’agricoltura tradizionale e dalla complessità del sistema agro-alimentare. In un contesto simile, una strategia perseguita per ricostruire la fiducia nella relazione con l’alimento è la via all’alimento naturale, che consiste nel riallacciare il legame dell’alimento con la natura. Quindi, il suo principio guida è la tutela dell’ambiente.
Nel quinto capitolo si affronta la crescita e lo sviluppo del biologico. I prodotti biologici sono più sani e hanno un minore impatto ambientale. Oltre al minor inquinamento del terreno, è stato calcolato anche un minor inquinamento delle falde acquifere e dell’aria. Dunque,chi fa una scelta bio ha un’attenzione particolare alla sua salute e a quella delle generazioni future; è un consumatore critico e coscienzioso che vuole capire cosa mette nel piatto; sceglie un consumo sostenibile e stili di vita responsabili verso le generazioni future e le risorse del pianeta. In Italia, come nella maggior parte dei Paesi europei, l’attenzione dei consumatori verso i prodotti da agricoltura biologica, sia freschi che trasformati, è cresciuta rapidamente negli ultimi anni. Sebbene il consumo abituale di prodotti biologici interessi appena il 5% dei consumatori italiani, circa un consumatore su tre ha acquistato almeno una volta un prodotto venduto con marchio biologico.
Un riconoscimento dell’importanza del biologico è la sua presenza nel paniere Istat. È una conferma del cambiamento dello stile di vita nazionale proiettato sul vivere bene, ma anche un riconoscimento per l’agricoltura italiana che è leader nella produzione biologica in Europa.
Nel sesto capitolo viene analizzata la filiera corta nel biologico. Tale filiera oltre a saltare i passaggi della distribuzione, implica il servizio personalizzato al consumatore, maggior guadagno alle imprese e arriva direttamente al consumatore finale. La filiera corta è un canale distributivo che sta acquisendo notevole interesse e per il quale ci si attende un progressivo sviluppo negli anni a venire, in quanto consente un’offerta moderna e personalizzata, gestita attraverso forme d’abbonamento, ordini flessibili e prezzi che sono interessanti, perché frutto di una gestione commerciale efficiente e in grado di contenere notevolmente i costi distributivi. La promozione della filiera corta è di grande interesse, in particolare, nelle aree urbane e determina un maggior dinamismo all’interno dei mercati regionali.



Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Il consumo si basa sullo scambio di beni e, già nel Vecchio e nel Nuovo Testamento, è possibile rintracciare una significativa presenza di tale concetto. Il consumo è l’espressione di scelte alla cui determinazione concorrono fattori economici, sociali e demografici che si combinano in maniera diversa e con pesi differenti. È indiscutibile che il reddito abbia costituito e costituisca ancora oggi uno dei fattori più importanti nell’orientare le scelte di consumo. Tuttavia, daremo la precedenza ad altri fattori. Nel primo capitolo, sono stati analizzati l’evoluzione dei consumi e i trends. Infatti, le attuali società complesse si sviluppano molto spesso secondo direzioni molteplici, divergenti e non riconducibili ad una logica lineare. Fornire delle indicazioni sull’evoluzione del sociale è estremamente difficile. Può venirci però in aiuto l’analisi dei trends, uno strumento di ricerca che si basa sull’individuazione di concetti che permettono di mettere a fuoco le maggiori tendenze in atto nella società. Nel secondo capitolo, vengono approfonditi i concetti di corpo e identità, perché si riveleranno utili per analizzare la dimensione simbolica del consumo e, in particolare, del cibo. Si è consapevoli che, in Italia, il cibo è un fenomeno che va ben oltre la semplice alimentazione, poiché ricopre una gamma di significati e di valori assai ampia. Nel terzo capitolo, si analizzano l’industria alimentare e l’alimentazione. L’industria alimentare è sempre stata ritenuta uno dei settori più tradizionali e statici del campo dei beni di largo consumo. In realtà, negli ultimi anni esso è stato sottoposto nel nostro Paese a sconvolgimenti di grande portata che ne hanno modificato profondamente la natura. La funzione nutritiva e la preparazione dei pasti sono sempre state considerate molto importanti dagli italiani. Ciò ha permesso il formarsi e il consolidarsi nei secoli di un sistema alimentare rigidamente regolato da norme,

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Stefano Carta Contatta »

Composta da 184 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6113 click dal 09/07/2008.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.