Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La responsabilità civile del magistrato

La responsabilità civile del magistrato alla luce di una recente sentenza della Cassazione a SU 2007 in ogni suo aspetto disciplinare e non.

Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa II PREMESSA Il presente lavoro intende analizzare, partendo dalla disamina del caso concreto, la responsabilità civile del magistrato. Essa consiste nella soggezione del giudice alle conseguenze giuridiche a seguito dell’espletamento della sua funzione giudiziaria. Ciò posto, in linea generale, il percorso logico sistematico che si intenderà nel corso della stesura seguire è suddiviso in tre parti. Innanzitutto verrà delineato l’istituto de quo nei suoi tratti generali in relazione alle problematiche che hanno destato maggiore interesse nell’ elaborazione dottrinale e giurisprudenziale formatasi negli anni; muovendo da un breve excursus storico giuridico per poi analizzare i modelli di responsabilità applicabile ai magistrati. In secondo luogo, verrà analizzato il nucleo centrale della questione prendendo le mosse dalle singole motivazioni dedotte in sentenza per risalire ai principi e fondamenti di diritto ad esse sottesi. Si discuterà principalmente, delle conseguenze giuridiche che possono scaturire da un comportamento contrario alle norme dell’Ordinamento Giudiziario posto in essere da un PM, esercente funzioni giudiziarie. Infine, verranno svolte alcune considerazioni conclusive, con riferimenti ad esperienze a confronto a livello comunitario, sulle prospettive de iure condendo alla luce della recente elaborazione legislativa ed in vista di un’ auspicabile riforma dell’attuale sistema giudiziario.

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Chiara Elena Ponti Contatta »

Composta da 37 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4601 click dal 10/07/2008.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.