Skip to content

Autorità locali e integrazione europea: il ruolo della cooperazione transfrontaliera e dell'associazionismo dei poteri locali

Informazioni tesi

  Autore: Filippo Facco
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Marco Mascia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 53

Lo scopo di questa trattazione è quello di fornire una documentazione sul ruolo delle collettività locali in Europa, in particolare ponendo l’attenzione sul ruolo che l’integrazione europea ha giocato nel processo di ridistribuzione del potere a favore delle autonomie locali: in sostanza comprendere quale sia stato e qual è l’atteggiamento delle istituzioni dell’Unione Europea e del Consiglio d’Europa verso l’emergere delle autorità locali. Ci si chiede se sia possibile costruire un’Unione Europea forte, trasparente, democratica e vicina ai cittadini senza un pieno coinvolgimento delle Regioni e degli enti locali e si chiarisce quale contributo abbia dato, e continui a dare, il fenomeno dell’integrazione europea. Si cerca di capire la funzione e gli obiettivi della cooperazione transfrontaliera e il comportamento delle istituzioni europee verso questo ambito tematico.
Una volta chiarito che il “fenomeno Europa” opera verso una ridefinizione degli equilibri di potere in favore di una decentralizzazione del potere statale, si esaminano i contributi concreti e i messaggi lanciati dall’Unione Europea e dal Consiglio d’Europa. In particolare viene chiarito il ruolo e l’importanza del Comitato delle Regioni e il suo contributo a vantaggio di una maggiore visibilità politico-istituzionale dei poteri locali in Europa, nonché i suoi limiti; si chiarisce il famoso principio di sussidiarietà e; ci si sofferma anche sull’aspetto della governabilità: con l’emergere delle autonomie locali e con il processo di regionalizzazione, ci si domanda se in Europa esista una sorta di terzo livello di governo, in che modo è mutato il concetto di policy making e quali sono allora i limiti della multilevel governance. Il penultimo paragrafo definisce qual è l’approccio del Consiglio d’Europa verso le autonomie locali, mettendo in risalto gli interventi e gli strumenti adottati a favore delle collettività locali.
Il secondo capitolo tratta la cooperazione interregionale transfrontaliera. Si ricostruisce l’evoluzione della sensibilità delle istituzioni europee verso questo tema, ripercorrendone i passati storici e richiamando le più importanti risoluzioni adottate. Il secondo paragrafo descrive una delle più importanti iniziative di cooperazione interregionale adottate dalla Commissione Europea: il programma Interreg. Il penultimo paragrafo invece affronta la cooperazione transfrontaliera dal punto di vista del Consiglio d’Europa.Infine viene trattata l’Assemblea delle Regioni d’Europa; descrivendo quali sono i suoi obiettivi, la sua struttura e l’approccio comportamentale verso l’Unione Europea e il Consiglio d’Europa. In merito alla cooperazione interregionale, vengono considerati i tre maggiori programmi adottati nel 1985, 1994 e 1996.
L’ultimo capitolo si occupa delle forme di associazionismo dei poteri locali. Si descrivono il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa (CCRE) e la sua sezione italiana, l’AICCRE (l’Associazione Italiana per il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa); si chiariscono i loro obiettivi e il loro contributo per una maggiore visibilità politica degli enti locali in Europa, ripercorrendone le fasi salienti della storia. Il terzo paragrafo affronta un fenomeno che riguarda migliaia di Comuni in Europa: il gemellaggio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Lo scopo di questa trattazione è quello di fornire una documentazione e spunti di riflessione sul ruolo delle collettività locali in Europa, in particolare ponendo l’attenzione sul ruolo che l’integrazione europea ha giocato nel processo di ridistribuzione del potere a favore delle autonomie locali: in sostanza comprendere quale sia stato e qual è l’atteggiamento delle istituzioni dell’Unione Europea e del Consiglio d’Europa verso l’emergere delle autorità locali. Ci si chiede se sia possibile costruire un’Unione Europea forte, trasparente, democratica e vicina ai cittadini senza un pieno coinvolgimento delle Regioni e degli enti locali e si chiarisce quale contributo abbia dato, e continui a dare, il fenomeno dell’integrazione europea. Si cerca di capire la funzione e gli obiettivi della cooperazione transfrontaliera e il comportamento delle istituzioni europee verso questo ambito tematico. In che modo la cooperazione transfrontaliera e l’associazionismo tra i poteri locali permette una diminuzione delle disparità economiche regionali e una maggiore visibilità delle autorità locali? Quali sono i programmi concreti finora adottati? Quali risultati sono stati finora raggiunti? Quali difficoltà si incontrano nel riconoscere alle autonomie locali una competenza internazionalmente attiva? Una volta chiarito che il “fenomeno Europa” opera verso una ridefinizione degli equilibri di potere in favore di una decentralizzazione del potere statale, nel primo capitolo si esaminano i contributi concreti e i messaggi lanciati dall’Unione Europea e dal Consiglio d’Europa. In particolare viene chiarito il ruolo e l’importanza del Comitato delle Regioni e il suo contributo a vantaggio di una maggiore visibilità politico-istituzionale dei poteri locali in Europa, nonché i suoi limiti; si chiarisce il famoso principio di sussidiarietà e il contributo che ha dato nel garantire agli enti subnazionali non solo una partecipazione attiva nel processo di ripartizione delle competenze per la definizione delle politiche ma anche una sorta di tutela verso eventuali atteggiamenti di eccessiva pretesa di armonizzazione; ci si sofferma anche sull’aspetto della governabilità: con l’emergere delle autonomie locali e con il processo di regionalizzazione, ci si domanda se in Europa esista una sorta di terzo livello di governo, in che modo è mutato il concetto di policy making e quali sono allora i limiti della multilevel governance. Il penultimo paragrafo definisce qual è l’approccio del Consiglio d’Europa verso le autonomie locali, mettendo in risalto gli interventi e gli strumenti adottati a favore delle collettività locali. L’ultimo paragrafo invece si sofferma in specifico sul ruolo e le caratteristiche delle città quale ente territorialmente più vicino ai cittadini, e da qui la necessità di adottare un ulteriore strumento di garanzia per i Diritti Umani. 2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

autonomia locale
autorità locali
comitato delle regioni
comuni
consiglio d'europa
cooperazione
gemellaggio
integrazione europea
interreg
multilevel governance
principio di sussidiarietà
unione europea

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi