Skip to content

L'affidamento in prova al Servizio Sociale dei Colletti Bianchi

Informazioni tesi

  Autore: Sara Visentin
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Scienze Sociali
  Corso: Servizio Sociale
  Relatore: Simonetta Simoni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 95

Su chi siano e come agiscano i cosiddetti “colletti bianchi” nella realizzazione delle loro attività criminose esiste un’ampia bibliografia, in particolare statunitense, già a partire dalla metà del secolo scorso.
In Italia la questione emerge in modo dirompente solo nel 1992, anno d’inizio di Tangentopoli, anche se fin dagli anni ’80 la giurisprudenza comincia ad interrogarsi sul rapporto tra questa speciale categoria di soggetti criminali ed il sistema penale.
Il servizio sociale, invece, arriva a riflettere su questo argomento un pochino più tardi ed in modo, a mio avviso, mai specifico. Molte delle indicazioni in materia che si trovano nella letteratura professionale, infatti, non sono che affermazioni incidentali a margine di discorsi diversi, e per lo più si limitano a registrare il problema senza realmente enuclearlo, precludendosi perciò a priori qualsiasi possibilità di soluzione

Sia la giurisprudenza sia il servizio sociale, nel corso del tempo, si chiedono se la misura dell’affidamento in prova, inizialmente preclusa ma in seguito allargata anche ai colletti bianchi, sia adeguata a questo tipo di utenza, o se invece non sia più opportuno, per le caratteristiche tipiche della misura fin dal suo nascere, limitarne l’utilizzo a categorie di utenti classiche, in altre parole ai portatori di una serie di bisogni, dovuti per lo più a deprivazione (affettiva, culturale, sociale, economica), per i quali il processo di aiuto risulta realizzabile, quasi misurabile.
Nella bibliografia, però -al di là di indicazioni precise che vengono per lo più dalle sentenze dei diversi Tribunali di Sorveglianza o della Corte di Cassazione-, così come nella pratica quotidiana, il nodo non si scioglie. A fronte, infatti, di un dibattito ormai più che ventennale sul tema, non si è arrivati a sistematizzare la materia e a far luce sul dilemma: sono i colletti bianchi utenti legittimi per il servizio sociale? Ed ancora, è quella dell’affidamento in prova al servizio sociale una misura opportuna da applicare a questi condannati? Infine, cosa può fare l’assistente sociale per questi soggetti così particolari e diversi dallo standard d’utenza conosciuto e riconosciuto?

Scopo di questo lavoro è, alla luce del materiale bibliografico reperito e delle esperienze di alcuni assistenti sociali dei Centri di Servizio Sociale per Adulti , registrate tramite intervista, analizzare in maniera sistematica quelle che sono le caratteristiche del lavoro dell’assistente sociale della giustizia con questa tipologia di utenza ed i problemi che ne derivano, per provare a rispondere ai suddetti quesiti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Su chi siano e come agiscano i cosiddetti “colletti bianchi” nella realizzazione delle loro attività criminose esiste un’ampia bibliografia, in particolare statunitense, già a partire dalla metà del secolo scorso. In Italia la questione emerge in modo dirompente solo nel 1992, anno d’inizio di Tangentopoli, anche se fin dagli anni ’80 la giurisprudenza comincia ad interrogarsi sul rapporto tra questa speciale categoria di soggetti criminali ed il sistema penale. Il servizio sociale, invece, arriva a riflettere su questo argomento un pochino piø tardi ed in modo, a mio avviso, mai specifico. Molte delle indicazioni in materia che si trovano nella letteratura professionale, infatti, non sono che affermazioni incidentali a margine di discorsi diversi, e per lo piø si limitano a registrare il problema senza realmente enuclearlo, precludendosi perciò a priori qualsiasi possibilità di soluzione Sia la giurisprudenza sia il servizio sociale, nel corso del tempo, si chiedono se la misura dell’affidamento in prova, inizialmente preclusa ma in seguito allargata anche ai colletti bianchi, sia adeguata a questo tipo di utenza, o se invece non sia piø opportuno, per le caratteristiche tipiche della misura fin dal suo nascere, limitarne l’utilizzo a categorie di utenti classiche, in altre parole ai portatori di una serie di bisogni, dovuti per lo piø a deprivazione (affettiva, culturale, sociale, economica), per i quali il processo di aiuto risulta realizzabile, quasi misurabile. Nella bibliografia, però -al di là di indicazioni precise che vengono per lo piø dalle sentenze dei diversi Tribunali di Sorveglianza o della Corte di Cassazione-, così come nella pratica quotidiana, il nodo non si scioglie. A fronte, infatti, di un dibattito ormai piø che ventennale sul tema, non si è arrivati a sistematizzare la materia e a far luce sul dilemma: sono i colletti bianchi utenti legittimi per il servizio sociale? Ed ancora, è quella dell’affidamento in prova al servizio sociale una misura opportuna da applicare a questi condannati? Infine, cosa può fare l’assistente sociale per questi soggetti così particolari e diversi dallo standard d’utenza conosciuto e riconosciuto? Scopo di questo lavoro è, alla luce del materiale bibliografico reperito e delle esperienze di 2 alcuni assistenti sociali dei Centri di Servizio Sociale per Adulti, registrate tramite intervista, analizzare in maniera sistematica quelle che sono le caratteristiche del lavoro 2 D’ora in poi CSSA. 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

affidamento in prova
colletti bianchi
misure alternative alla detenzione
servizio sociale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi