Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'insegnamento della lingua e della cultura italiane attraverso il cinema d'autore

La tesi è articolata in tre capitoli e tratta l'insegnamento della lingua e della cultura italiane attraverso il cinema d'autore. Il primo capitolo si concentra sulle dimensione sociolinguistica, microlinguistica e neuropsicologica dell'insegnamento della lingua italiana come LS a giovani adulti. Il secondo capitolo tratta dell'insegnamento della lingua e della cultura italiane in una prospettiva interculturale. Il terzo capitolo, infine, analizza due film d'autore italiani e propone diversi esercizi sulla lingua e sulla cultura italiane.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 CAPITOLO UNO L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA ITALIANA COME LINGUA STRANIERA A GIOVANI ADULTI 1.1 La dimensione socio-linguistica Conoscere una lingua e riuscire a comunicare attraverso di essa implica non solo il conoscerne le strutture grammaticali o il lessico coi suoi significati, intesi in senso strettamente semantico, ma conoscere anche i significati sociali che una comunit di parlanti attribuisce a strutture e parole. Non Ł, infatti, importante solo ci che diciamo, ma anche il modo i n cui lo facciamo. La particolare sottocompetenza che Ł necessario possedere per impiegare la lingua in modo socialmente adeguato si definisce competenza socio-linguistica. Le norme di comportamento socio-linguistico sono fortemente convenzionali e strettamente legate ai diversi contesti. Proprio per questo la loro acquisizione Ł un processo che richiede molto tempo anche nell ambito della propria lingua materna. Proprio per l importanza che la componente socio-linguistica riveste nella comunicazione e per la difficolt che l acquisizion e delle norme che la regolano comporta, insegnare una lingua straniera senza tenere conto di questa dimensione significa non fornire agli apprendenti tutti gli strumenti per una comunicazione efficace sotto tutti i punti di vista. Punto di partenza per qualsiasi analisi socio-linguistica deve essere la definizione del repertorio linguistico oggetto della ricerca. Per repertorio intendiamo l insieme dei segni verbali condiviso dai membri di una certa comunit e rappresentanti la totalit delle variet e dei codici linguistici ad essa disponibili, includendo quindi anche differenti stili, dialetti, o addirittura lingue, nel caso di comunit plurilingui.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Alice Marchiorri Contatta »

Composta da 175 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4164 click dal 16/07/2008.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.