Skip to content

Das Unheimliche: il cinema di David Lynch

Informazioni tesi

  Autore: Sabina Incardona
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Discipline dell'Arte, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Stefania Parigi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 119

In Lynch il desiderio di fare del cinema nasce innanzitutto dalla volontà di vedere animarsi i suoi quadri. La prima attività del regista è, per sua stessa ammissione, quella di pittore. Lynch approda al cinema quasi per caso, attraverso una serie di sperimentazioni che vedono all’origine la necessità di liberare dalla stasi le figure da lui dipinte sulla tela.
Il cinema è per lui un mezzo utile non tanto a veicolare un messaggio, quanto semmai a esaudire un bisogno che è strettamente legato alla pittura.
Nel suo cinema prevalgono i sensi e non i significati. Lynch si rivolge allo spettatore e lo vuole attivo nella percezione tattile e non razionale delle immagini che gli propone. Non vuole ingannarlo, confonderlo, fuorviarlo, ma desidera coinvolgerlo in una percezione “altra”, più diretta e immediata, che distrugge gli automatismi consolidati. Anche quando sceglie il look, le scenografie, i colori che rimandano con chiarezza al cinema degli anni Cinquanta, la sua scelta non è dettata da sofisticate nostalgie cinefile. In realtà a parte questi rimandi “di superficie” agli anni Cinquanta, il regista colloca le vicende dei suoi film in un tempo che sembra indefinito, rafforzando il loro senso di irrealtà e di mistero.
Lynch ancora molto giovane, seppur non a livello cosciente, percepisce il lavorio di qualcosa di sotterraneo e brulicante destinato ad esplodere rivelandosi al mondo in tutto il suo orrore.
Uno dei concetti più usati per definire il cinema di David Lynch è quello freudiano di “perturbante” o “inquietante”.
Nel saggio del 1919 dal titolo”Das Unheimliche” (tradotto in italiano con l’espressione “Il perturbante”) Freud ci avverte che si sta inoltrando nel territorio dell’estetica per analizzare quella qualità del sentimento che in tedesco viene tradotta col termine Unheimliche, locuzione che assume una serie di sfumature da approfondire. Queste sfumature riguardano in primo luogo l’ambiguità del termine heimlich. E infatti Freud scrive:«In generale vediamo che la parola heimlich non è priva di ambiguità: da una parte significa ciò che è familiare e piacevole e, dall’altra, ciò che è nascosto e tenuto celato.[…] Però rileviamo che Schelling dice una cosa che illumina il concetto di unheimlich, in un modo inaspettato. Secondo lui è unheimlich tutto ciò che doveva rimanere segreto ma è venuto alla luce». In seguito a una serie di riflessioni etimologiche, Freud arriva a concludere che Heimlich è «una parola che si sviluppa in modo ambivalente, sino a coincidere con il suo opposto Unheimlich».
In Lynch non c’è a priori alcuna intenzione consapevole di perseguire una traiettoria psicanalitica.
Nonostante i continui possibili rimandi ad una lettura di taglio freudiano
dei suoi film, ciò che è certo è che in lui non esiste alcuna volontà esplicita
di seguire questo tipo di percorso. Di più. In Lynch non esiste la necessità
di procedere ad una sinossi del proprio lavoro, a prova ulteriore del fatto
che sono i sensi e non la ragione la matrice e il fine ultimo dei suoi film, a
dimostrazione che non esiste “premeditazione” che non sia puramente
estetica.
Roy Menarini, nel suo libro di recente pubblicazione dal titolo «Il cinema di David Lynch», arriva a sostenere che ciò che interessa a Lynch è il mistero come: «stato di disorientamento percettivo e cognitivo che coglie lo spettatore - insieme al personaggio - di fronte ad eventi inspiegabili o in attesa di risoluzione. Il fatto che poi questo ”scioglimento” logico dei dubbi a volte non giunga mai, è uno dei motivi più ricorrenti di irritazione da parte dei detrattori[…] ».
Sembra quasi che Menarini metta in discussione il tradizionale schema
narrativo che, secondo gli studi di Vogler («Il viaggio dell’eroe»), soggiace
in ogni racconto. La quintessenza del misterioso secondo Lynch consisterebbe proprio in questo: sapere che qualcosa di tremendo è accaduto o dovrà forse accadere, qualcosa che non si sa cosa sia, da dove provenga né a che condurrà. Di qui il senso di angoscia, di onirismo, di indicibilità e di inquietudine.
Insomma nei suoi film c’è una sensazione diffusa di minaccia che pervade anche i luoghi in apparenza più sicuri, come la casa, il giardino, la camera da letto.
E`qui che l’inquietante viene alla luce nei suoi film. Esso non risiede semplicemente in tutto ciò che è bizzarro, strano, grottesco, ma è anzi l’opposto di tutte quelle cose che, in virtù della loro esagerazione, rifiutano per natura di provocare paura.
Per dirla con Freud: «L’inquietante è tale proprio in quanto fin troppo familiare, ed è questo il motivo per cui viene rimosso».
Ecco l’essenza del cinema di David Lynch.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I INTRODUZIONE In Lynch il desiderio di fare del cinema nasce innanzitutto dalla volontà di vedere animarsi i suoi quadri. La prima attività del regista è, per sua stessa ammissione, quella di pittore. Lynch approda al cinema quasi per caso, attraverso una serie di sperimentazioni che vedono all’origine la necessità di liberare dalla stasi le figure da lui dipinte sulla tela. Il cinema è per lui un mezzo utile non tanto a veicolare un messaggio, quanto semmai a esaudire un bisogno che è strettamente legato alla pittura. Nel suo cinema prevalgono i sensi e non i significati. Le inquadrature, la fotografia, la musica, tutto rimanda ai sensi prima ancora che all’intelletto. Lynch si rivolge allo spettatore e lo vuole attivo nella percezione tattile e non razionale delle immagini che gli propone. Non vuole ingannarlo, confonderlo, fuorviarlo, ma desidera coinvolgerlo in una percezione “altra”, più diretta e immediata, che distrugge gli automatismi consolidati. Il rapporto di Lynch con l’immagine si costituisce attraverso elementi intuitivi di derivazione pittorica e figurativa, prima che cinematografica. Anche quando sceglie il look, le scenografie, i colori che rimandano con chiarezza al cinema degli anni Cinquanta, la sua scelta non è dettata da sofisticate nostalgie cinefile. A lui interessa la sostanza figurativa di quell’epoca, l’epoca di splendidi oggetti di design domestico, di colori pastosi e forti, di poltrone in pelle, di case di provincia tutte uguali, perfette e misteriose. In realtà a parte questi rimandi “di superficie” agli anni Cinquanta, il regista colloca le vicende dei suoi film in un tempo che sembra indefinito, rafforzando il loro senso di irrealtà e di mistero. Quello che colpisce è il fatto che Lynch ancora molto giovane, seppur non a livello cosciente, sembri percepire il mondo di allora, raffigurato nelle

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

arnold boklin
arte astratta
arte figurativa
blue velvet
cinematizzare
cuore selvaggio
das unheilmliche
david grieco
david lynch
dipingere le sensazioni
e.t.a. hoffmann
edward hopper
eraserhead
francis bacon
freud
hans holbein
il perturbante
lacan
mulholland drive
strade perdute
trittico freudiano
twin peaks

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi