Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

A scuola di bulli: prepotenze e vittimizzazioni

Negli ultimi anni la scuola (sia in Italia sia in molti altri paesi) sembra investita da problematiche educative particolarmente urgenti: aumento dei disturbi della condotta e dell’aggressività anche nelle fasce d’età più giovani, diffusione del bullismo e dei comportamenti devianti, inibizione sociale ecc. Queste difficoltà evolutive hanno un impatto sempre più rilevante sia sul rendimento scolastico degli allievi, sia sulla possibilità, da parte dell’insegnante, di gestire in maniera efficace l’itinerario didattico della classe. In questo senso, allora, i disturbi della condotta:«[…]costituiscono una delle maggiori sfide per le politiche sociali, scolastiche e sanitarie del ventunesimo secolo […]» (Angold e Costello, 2001, p.157). Molte sperimentazioni condotte in Italia e all’estero, sottolineano l’opportunità di intervenire tempestivamente, attraverso specifici training d’abilità (Arvantis, Atkins, Mc Kay e Talbott e 1996). L’obiettivo è quello di trasmettere all’allievo una serie di competenze sociali, d’autocontrollo comportamentale e di problem solving interpersonale. In questa direzione si collocano i curricola per la promozione dei comportamenti prosociali, che rappresentano un fattore sempre più decisivo nella capacità dell’allievo di adattarsi con successo alla vita scolastica, soprattutto nelle fasi di transizione (dalla scuola elementare alla media e quindi alle superiori), che tradizionalmente rappresentano momenti critici per quanto riguarda il fenomeno dell’abbandono e della dispersione scolastica.
Non si è riusciti a dare una definizione unica del fenomeno BULLISMO. che un ragazzo subisce delle prepotenze quando un altro ragazzo, o un gruppo di ragazzi, gli dicono cose cattive e spiacevoli, quando riceve calci, pugni e minacce, riceve bigliettini con parolacce offensive, quando viene isolato in quanto nessuno gli rivolge la parola.Queste situazioni capitano spesso, al giorno d’oggi, e chi subisce non è in grado di difendersi..

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Negli ultimi anni la scuola (sia in Italia sia in molti altri paesi) sembra investita da problematiche educative particolarmente urgenti: aumento dei disturbi della condotta e dell’aggressività anche nelle fasce d’età più giovani, diffusione del bullismo e dei comportamenti devianti, inibizione sociale ecc. Queste difficoltà evolutive hanno un impatto sempre più rilevante sia sul rendimento scolastico degli allievi, sia sulla possibilità, da parte dell’insegnante, di gestire in maniera efficace l’itinerario didattico della classe. In questo senso, allora, i disturbi della condotta:«[…]costituiscono una delle maggiori sfide per le politiche sociali, scolastiche e sanitarie del ventunesimo secolo […]» (Angold e Costello, 2001, p.157). Molte sperimentazioni condotte in Italia e all’estero, sottolineano l’opportunità di intervenire tempestivamente, attraverso specifici training d’abilità (Arvantis, Atkins, Mc Kay e Talbott e 1996). L’obiettivo è quello di trasmettere all’allievo una serie di competenze sociali, d’autocontrollo comportamentale e di problem solving interpersonale. In questa direzione si collocano i curricola per la promozione dei comportamenti prosociali, che rappresentano un fattore sempre più decisivo nella capacità dell’allievo di adattarsi con successo alla vita scolastica, soprattutto nelle fasi di transizione (dalla scuola elementare alla media e quindi alle superiori), che tradizionalmente rappresentano momenti critici per quanto riguarda il fenomeno dell’abbandono e della dispersione scolastica. Non si è riusciti a dare una definizione unica del fenomeno BULLISMO. che un ragazzo subisce delle prepotenze quando un altro ragazzo, o un gruppo di ragazzi, gli dicono cose cattive e spiacevoli, quando riceve calci, pugni e minacce, riceve bigliettini con parolacce offensive, quando viene isolato in quanto nessuno gli rivolge la

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Marilena Masuri Contatta »

Composta da 45 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2199 click dal 03/09/2008.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.