Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gestione delle qualificazioni ICT: l'approccio ontologico e il caso ICT Lane

L'importanza delle competenze dei professionisti ICT (e-competence) ha ottenuto, negli ultimi anni, una posizione di crescente rilievo tra le politiche della Comunità Europea per lo sviluppo e la competitività. Tra le maggiori criticità che caratterizzano la gestione delle competenze ICT (e-competence management) a livello europeo si trovano l'eterogeneità delle definizioni di competenze e qualifiche e dei linguaggi utilizzati per esprimerle (competence e qualification framework).

Il progetto ICT Lane, promosso dalla Commissione Europea, si è sviluppato con lo scopo di definire un linguaggio comune per la rappresentazione delle qualifiche ICT, al fine di favorire la trasparenza e la mobilità del lavoro tra Paesi della Comunità Europea. Obiettivi del progetto sono la creazione di un ICT Qualification Framework e lo sviluppo di un tool di ricerca delle qualifiche che individui un idoneo insieme di percorsi formativi in risposta a un elenco di competenze obiettivo inserito dall'utente.

Questo lavoro, che comprende un'analisi dell'evoluzione degli strumenti ontologici nelle scienze informatiche, propone l'applicazione di un sistema ontologico al tool di ricerca ICT Lane. L'utilizzo di un'ontologia, permettendo una rappresentazione del significato dei concetti del dominio (qualifiche ICT) comprensibile da parte di un calcolatore, ha lo scopo di superare i limiti caratteristici dei sistemi di ricerca di informazione basati su matching sintattico, offrendo migliori risultati in termini di precisione e completezza.

Il sistema ontologico proposto ha, quindi, due componenti: del dominio delle qualifiche ICT è data una rappresentazione assiomatica basata sul formalismo delle logiche descrittive (description logics), mentre la funzionalità di ricerca è realizzata per mezzo di un sistema di matching semantico che utilizza uno strumento di ragionamento automatico (reasoning).

I tool software utilizzati per implementare il sistema ontologico progettato sono Protégé (sviluppato alla Stanford University), relativamente alla rappresentazione ontologica di qualifiche e competenze ICT, e il reasoner Pellet.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione 1.1 Importanza delle competenze ICT L’importanza del settore delle ICT (Information and Communications Technologies) a livello europeo e il suo impatto sulla crescita economica e della produttività sono, ad oggi, fatti ampiamente riconosciuti. Allo stesso modo, è stato rilevato come gli investimenti in ICT contribuiscano positivamente all’aumento della produttività e come l’utilizzo delle tecnologie digitali abbia un impatto positivo sulla competitività delle imprese. Sono numerose le indicazioni quantitative a sostegno di questa tesi. In primo luogo, secondo i dati statistici forniti dalla Commissione Europea 1 , il contributo del settore ICT in Europa è stimato nel 8,5% del valore aggiunto totale generato dalle imprese e nel 3% del valore dell’occupazione complessivamente imputabile alle stesse. Agli investimenti in ICT è attribuito un contributo di quasi un quarto del totale alla crescita del PIL europeo tra il 1995 e il 2004. Inoltre, si stima che, relativamente alla UE 15, nel periodo 1995-2003, l’aumento della produttività del lavoro nella produzione manifatturiera ICT (18%) e nei servizi ICT (5,1%), abbiano contribuito per 0,4 punti percentuali ad un aumento della produttività complessiva del 1,6%. Utili indicazioni di alto livello sull’andamento del settore delle tecnologie digitali nella UE 25 possono essere ricavate dall’analisi del ICT Activity Index, indicatore calcolato dalla Commissione Europea riunendo indici di domanda e offerta relative a produzione manifatturiera e servizi ICT. Nel primo semestre del 2006, relativamente alle imprese produttrici di ICT, la crescita dell’ICT Activity Index è stata del 6,8%, ottenuta pesando i valori delle variazioni di produzione (10,5%), esportazioni (10,3%), ore lavorate (-0,6%), fatturato (6,3%), salari (-0,1%), nuovi ordini (3,5%) e occupazione (-1,1%). Dalle cifre si 1 Fonte: sito Web http://ec.europa.eu/enterprise/ict/policy/ict/index.htm.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Francesco Sanesi Contatta »

Composta da 214 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 743 click dal 18/07/2008.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.