Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La difficile collocazione internazionale della Cuba di Fidel Castro

Lo scopo di questo lavoro è quello di poter offrire in un’ottica imparziale quello che è successo, a Cuba negli ultimi quarant’anni e quello che in futuro potrà succedere se e quando i Castro non saranno più al potere.
Il lavoro è strutturato in due parti : una storica riguardante il colonialismo subito da Cuba fino alla rivoluzione castrista e l’altra conclusiva relativa agli attuali rapporti esteri .
L’analisi storica si è resa necessaria per meglio comprendere le scelte della attuale politica cubana.
Dopo la conquista dell’indipendenza politica per Cuba si è aperta una seconda fase di lotta che questa volta non ha solo nemici esterni, ma anche interni.
La questione sociale interferisce con i rapporti internazionali che diventano di difficile realizzazione.
Cuba è una piccola repubblica che non possiede né fonti energetiche, né può vantare una economia propria, essa dipende per gli approvvigionamenti dall’estero.
Questi sono resi difficoltosi dall’embargo occidentale.
Per sottrarsi a tale giogo Cuba sta tentando approcci diversi, specie con la Cina, ansiosa di penetrare nei mercati del subcontinente e quindi di estendere la propria egemonia su questi paesi.
Ma una domanda sorge spontanea, riuscirà Cuba, se e quando avverrà questo nuovo abbraccio , a risolvere i suoi attuali problemi, primi fra tutti quelli interni?.
L’attuale sistema politico non sembra favorire una prossima riconciliazione tra esuli e regime.
L’accusa di non rispettare i diritti umani limita molto i rapporti internazionali che Cuba potrebbe stabilire con le democrazie occidentali.
Sembra tuttavia che la scarsa coesione politica di quest’ultime, più disposte a favorire propri egoismi, stia agevolando la nazione cubana ad uscire dal forzato isolamento internazionale. Certo molto dipende dall’affidabilità dei governi che si succederanno a Cuba.
La transazione cubana, iniziata recentemente nel febbraio 2008, con la rinunzia di Fidel a favore del fratello Raul è già storia, e sono molti i paesi occidentali- specie la Spagna – i quali sia che il processo avvenga all’insegna della continuità o della rottura politico-istituzionale con l’attuale regime, vorranno ricontattare Cuba con l’obiettivo di garantirsi le migliori condizioni alle proprie imprese nell’inevitabile opera di modernizzazione e ristrutturazione territoriale che si spera sarà avviata o da Raul stesso o alla morte di Castro.
In questo possibile scenario però permane minaccioso il fantasma di un neocolonialismo che adattando il concetto di solidarietà che dovrebbe essere l’imperativo dei popoli, ai propri egoismi nazionali, sembra perpetrare i vecchi mali di un mondo ingiusto.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Lo scopo di questo lavoro è quello di poter offrire in un’ottica imparziale quello che è successo, a Cuba negli ultimi quarant’anni e quello che in futuro potrà succedere se e quando i Castro non saranno più al potere. Il lavoro è strutturato in due parti : una storica riguardante il colonialismo subito da Cuba fino alla rivoluzione castrista e l’altra conclusiva relativa agli attuali rapporti esteri . L’analisi storica si è resa necessaria per meglio comprendere le scelte della attuale politica cubana. Dopo la conquista dell’indipendenza politica per Cuba si è aperta una seconda fase di lotta che questa volta non ha solo nemici esterni, ma anche interni. La questione sociale interferisce con i rapporti internazionali che diventano di difficile realizzazione. Cuba è una piccola repubblica che non possiede né fonti energetiche, né può vantare una economia propria, essa dipende per gli approvvigionamenti dall’estero. Questi sono resi difficoltosi dall’embargo occidentale.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Valentina Minervino Contatta »

Composta da 140 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6918 click dal 25/07/2008.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.