Skip to content

Veg-Economy. Fondamenti, realtà e prospettive dell'impresa "senza crudeltà"

Informazioni tesi

  Autore: Roberta Secli
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Gianfranco Pellegrino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 175

In seguito ad una rassegna sulle posizioni filosofiche principali circa il rapporto tra gli esseri umani e gli animali, espongo i risultati di un'indagine di mercato riguardante il mercato dei vegetariani e dei vegani in Italia, concentrata su casi aziendali di particolare interesse. Al termine, espongo quali sono le direzioni verso le quali i consumatori consapevoli delle problematiche morali connesse all'alimentazione stanno presumibilmente dirigendosi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione L’economia ‘senza crudeltà’ (più conosciuta come cruelty-free) raggruppa un insieme di attività economiche sostenute da consumatori e imprese (alimentari, cosmetiche, di abbigliamento, di accessori, ecc.) che propongono un peculiare approccio alla produzione e al consumo: i prodotti compravenduti non contengono ingredienti ricavati dall’uccisione o dallo sfruttamento degli animali (pelle, carne, latte, uova, lana, seta, ossa, sangue, altri sottoprodotti), non subiscono procedimenti che implicano l’utilizzo di sostanze generate da animali (come può accadere ad alcune sostanze alcoliche), non sono commercializzati previa sperimentazione su animali (è il caso di cosmetici, detersivi, vernici, ecc.). La motivazione che sta alla base di scelte simili è principalmente etica: gli animali hanno una dignità, proveniente dal loro essere senzienti, cioè consapevoli del piacere e del dolore al pari degli esseri umani, pertanto, come questi ultimi, non possono essere uccisi, sfruttati o anche solo costretti a un’esistenza innaturale per dei fini altrui. Le persone che modellano la propria vita sulla base di questa convinzione sono chiamate vegetaliane o, più comunemente, vegane (dall’inglese vegan, contrazione di vegetarian) e si rifiutano di acquistare prodotti con caratteristiche differenti da quelle suesposte per non alimentare l’industria dello sfruttamento animale. La maggior parte dei lacto-ovo- vegetariani condivide questi principi, ma si limita ad un rifiuto parziale dei prodotti derivati da animali, talvolta perché non ritiene necessariamente sbagliato uno “sfruttamento umano” che non implichi l’uccisione, più spesso per ragioni di comodità. Essi, pertanto, non sostengono le sole aziende cruelty-free: ciononostante, il fatto che i vegetariani siano molto più numerosi e conosciuti dei vegani li rende ugualmente protagonisti, seppure in tono minore, di questa analisi (si parlerà infatti di veg*ani per comprendere entrambe le categorie). La presenza e l’aumento di prodotti cruelty-free è stata resa possibile sia da nuove tecniche produttive che hanno consentito la sostituzione di materiali di ampio utilizzo tradizionalmente ricavati da animali (questo vale in particolare per sostanze di sintesi in grado di sostituire pelle e cuoio ed estratti animali utilizzati nella cosmetica e nella composizione dei farmaci), sia dall’utilizzo sempre più significativo di prodotti vegetali tipici dei paesi orientali (ciò è significativo soprattutto in ambito alimentare, in particolare per i prodotti a base di soia, sostitutivi di carne e latticini). Questo settore assiste a una progressiva crescita dei propri attori e profitti, nonostante i prodotti vengano per lo più commercializzati tramite canali dedicati, possano presentare un prezzo più alto, siano 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

abolizionismo
alimentazione
animal rights
animalismo
consumo critico
cruelty free
diritti animali
filosofia
gary francione
indagine di mercato
liberazione animale
marketing
muscolo di grano
peter singer
rist-ohsawa
roberta seclì
tom regan
veg economy
vegan
vegan home
veganismo
vegetariana
vegetariano
vegetarismo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi