Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Mare Bianco di mezzo: valorizzazione dei network dei migranti per la circolazione delle conoscenze, delle capacità e delle trasformazioni sociali

Introduzione.

Il nesso tra migrazione e sviluppo è stato oggetto di interesse di parecchi studi appartenenti a diversi correnti di pensiero. Soggetti e luoghi di indagini variano a seconda del punto di vista e del bagaglio stesso dello studioso interessato al fenomeno. Il migrante come attore economico, come attore sociale o come insieme di tutti due, è stato il soggetto di questa indagine, nella quale si presenta come singolo che compie una scelta individuale, o in concerto con i famigliari e, in certi casi, anche con la comunità di appartenenza. . Luoghi di arrivo e luoghi di origine, se fisicamente distanti, hanno una concezione diversa per l’osservatore. In un’ottica meramente utilitaristica (esaminando cioè il fenomeno in modo olistico e facendo ricorso a teorie economiche) si guarda al migrante in una prospettiva socio-antropologica per poi riconsiderarlo come attore socio-economico con interessi, economici ed affettivi, situati contemporaneamente in spazi fisici distanti. Distanze e frontiere attraversate in un senso o nell’altro, in modo definitivo o temporaneo, con una permeabilità alle persone e alle idee che, in teoria, dovrebbe portare ed un equilibrio o almeno attenuare e diluire le concentrazioni di ricchezze e miserie. Ma lo stare bene della gente, sebbene sia un concetto non del tutto facile e di scontata definizione, può implicare che sotto una certa soglia di una dotazione economica (condizione necessaria ma non sufficiente) sia difficile parlare di benessere, e quindi anche di buona politica (assumendo che la differenza tra buona e cattiva politica si misuri attraverso il benessere degli individui). Politica è anche quella strategia scelta per lo sviluppo (sia esso il risultato dell’iniziativa pubblica o della società civile) che nasce dai bisogni della gente, e il cui germoglio è dentro di loro. Politiche migratorie inerenti alla valorizzazione del loro potenziale di sviluppo (nei paesi di arrivo come in quelli di origine) risentono delle influenze di teorie e dibattiti che intendiamo discutere nel corso di questa ricerca, senza avere la presunzione di essere esaustivi; vorremmo almeno sfiorare pensieri che ci aiuteranno ad avere una visione dei tratti salienti del fenomeno e ci torneranno utili come background per l’idea di sviluppo connessa alla diaspora che intendiamo presentare nel caso di studio come esperienze di vita.
Il nesso tra migrazione e sviluppo sarà trattato nel primo capitolo con una breve carrellata sulle determinanti della migrazione e della migrazione di ritorno (non coatta), alla luce della visione neoclassica, della new Economics of Labor Migration e secondo un approccio socio-antropologico; si ricorderanno in particolare i cicli del fenomeno e i canali di interazione tra migrazione e sviluppo. La considerazione dell’esistenza di una continuità, anche se non fisica, tra locale e globale nei diversi periodi della vita delle persone ci obbliga ad introdurre, nel secondo capitolo, il concetto di transnazionalismo, concetto introdotto nella letteratura sulle migrazioni per la prima volta negli anni novanta. In un’ottica sempre di ricerca del potenziale di sviluppo connesso alla migrazione prenderemo in considerazione le nuove caratteristiche del processo migratorio ed i legami sociali ed economici istaurati da una parte e dall’altra delle frontiere tramite un nuovo attore: le reti che gli immigrati tessono per assicurare una continuità culturale, economica e affettiva con il paese di origine. Il capitolo che analizza tali reti termina con l’analisi della migrazione di ritorno ed i progetti per il ritorno pensati e pianificati lungo l’esperienza migratoria (o qualche volta anche pensati sin dall’inizio come obiettivo specifico dell’esperienza migratoria).
Questo approdo apre la strada alla seconda parte di questo lavoro relativo a un caso pratico realizzato per valorizzare le ricchezze economiche e sociali dell’immigrato tunisino in un contesto di co-sviluppo italo-tunisino. Per spiegare meglio questa esperienza il terzo capitolo passa in rassegna l’economia della Tunisia ed il ruolo dell’Italia nelle relazioni economiche fra i due paesi; si tratta di una breve presentazione geografica e politica per rendere un po’ famigliare il teatro e il luogo del nostro interesse. Inoltre, essendo comune convinzione che la vita degli uomini ha bisogne di organizzazione onde generare beneficio dalle interazioni, anche il potenziale di sviluppo insito nella diaspora tunisina, se organizzato, può essere valorizzato al meglio. Il quarto capitolo sviluppando una nostra convinzione secondo cui le organizzazioni sorte in modo spontaneo dalla società civile progrediscono e rispondono meglio ai bisogni degli individui, presenta esperienze di vita,

Mostra/Nascondi contenuto.
i ABSTRACT The link between migration and development has been the object of several studies belonging to different ideologies. The subjects and research fields change depending on the view and the cultural background of the person interested in the phenomenon. The emigrant as an economical actor, as a social actor or as a mix between both of these roles, has been the research subject as a single person with an individual choice who interacts with his/her relatives and, in some cases, with his/her original community. The destination land and the own homeland, although physically distant among each other, acquire a different conception according to the observer. From a pure utility vision; examining the phenomenon in a holistic way and using at the same time some economic theories, we take a look into the phenomenon with a socio-anthropological view to consider afterwards the migrant as a socio-economical actor, with both economic and emotional interests at the same time in physical spaces which are far away one from the other. The migration policies dealing with evaluating and providing value to the emigrant’s development potential either in the origin countries and in the arrival ones are influenced by theories and debates that we intend to explain throughout this research, without pretending to be exhaustive but to explain different thoughts that will help you to have a vision on some important factors that will be useful as a background of the development idea linked to the diaspora that we will try to present in our analysis centred on life stories. In the first chapter we will start with some determinant characteristics of migration and return migration; according to the Neoclassical vision, the New Economics of Labour Migration and according to a socio-anthropological approach by stating the cycles of the phenomenon and the interaction channels between migration and development. The consideration of the existence of a continuity, although it is not a physical one, between local and global in people’s lives, will make us introduce in the second chapter the concept of trans-nationalism, which started to be used as a part of the migration literature for the first time in the 1990’s. According to the new characteristics of the migration process and of the social and economical links developed in both sides of the borders through a new actor: the nets that the immigrants create to ensure themselves a cultural, economical and emotional continuity

Tesi di Dottorato

Dipartimento: Agraria

Autore: Hedi Ammari Contatta »

Composta da 218 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1333 click dal 22/07/2008.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.