Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La sottrazione internazionale di minori

Introduzione

CAPITOLO I
LA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI ASPETTI GENERALI

1.1 Il fenomeno della sottrazione internazionale di minori
1.2 Il procedimento per l’affidamento di minori : l’affidamento condiviso in Italia nella legge 54/2006
1.2.1 L’ affidamento dei figli minori in Europa : cenni relativi ad alcuni Paesi Europei che hanno scelto l’affidamento congiunto
1.2.2 Informazioni utili su alcuni ordinamenti giuridici stranieri
1.3 Principali strumenti giuridici vigenti in materia
1.4 Il ruolo dell’Autorità Centrale
1.4.1 Il ruolo del Ministero degli Affari Esteri e delle Rappresentanze diplomatiche e consolari

CAPITOLO II
LE CONVENZIONI INTERNAZIONALI A REGOLAMENTAZIONE DEL FENOMENO

2.1 La protezione dei minori nelle Convenzioni internazionali e la preminente tutela dell’interesse del fanciullo
2.2 Le Convenzioni de L’Aja e del Lussemburgo : aspetti civili e presupposti applicativi
2.2.1 segue : aspetti comuni e divergenze
2.3 La violazione del diritto di affidamento e del diritto di visita : definizioni e differenti modalità di tutela
2.4 La procedura per il rimpatrio del minore illecitamente sottratto
2.5 Le deroghe all’obbligo di ritorno del minore : la situazione di rischio di danno fisico e psichico ostativa al rientro del minore e le problematiche relative all’onere della prova del rischio e alla interpretazione della sua gravità
2.5.1 segue : l’opposizione del minore al rimpatrio e le questioni relative al suo ascolto

CAPITOLO III
LA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI NELLA COMUNITA’ EUROPEA

3.1 Le modifiche introdotte dal Regolamento CE 2201/2003 (Bruxelles II Bis) al trasferimento illecito di minori
3.2 Il problema del mutamento di residenza del minore alla luce del Regolamento CE 2201/2003 e della nuova legge sull’affido condiviso
3.3 Profili penalistici della sottrazione internazionale di minori
3.3.1 segue : sottrazione internazionale di minori e rilevanza penale: un caso specifico

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L’intensificarsi a livello globale di una serie di fenomeni quali l’aumento dei matrimoni misti, la crescente mobilità dei cittadini, l’aumento delle unioni libere, ha reso imperativa la necessità di ricercare e individuare forme di cooperazione ed assistenza in grado di offrire alla coppia genitoriale in conflitto, ed ai loro figli minorenni, percorsi ben definiti e certi nella risoluzione di controversie e problematiche proprie del diritto minorile. Queste controversie, o comunque le situazioni conflittuali, possono infatti dare luogo al fenomeno della sottrazione internazionale di minore, ovverosia al rapimento del bambino compiuto da uno dei genitori, con conseguente permanenza del minore, per effetto della sottrazione stessa, in uno Stato diverso da quello della sua abituale residenza. Tale fenomeno viene internazionalmente identificato mediante la locuzione legal kidnapping e sta ad indicare sia il trasferimento illecito del minore all’estero, sia la mancata restituzione dello stesso nel suo Paese di residenza abituale, a seguito di un temporaneo e legittimo trasferimento all’estero. Inoltre la fattispecie si caratterizza per il tipico atteggiamento del genitore che sottrae il proprio figlio ritenendo comunque di agire legittimamente al fine di esercitare un proprio diritto naturale (da qui l’aggettivo legal). Dalla necessità di tutelare integralmente il minore hanno avuto origine, nel corso di qualche decennio, alcuni strumenti pattizi specifici, in grado di proporre soluzioni concrete alle diverse problematiche attinenti al 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesca Salatiello Contatta »

Composta da 196 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6610 click dal 29/07/2008.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.