Skip to content

Arbitrato e procedure concorsuali

Informazioni tesi

  Autore: Giorgio Saracino
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Elena Frascaroli Santi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 134

Ultimata la redazione del presente saggio, il Governo, usufruendo della delega conferitagli dall’art. 5-bis, L. 14 maggio 2005, n. 80, ha varato un decreto legislativo recante disposizioni integrative e correttive al R.D. 16 marzo 1942, n. 267, nonché al decreto legislativo n. 5 del 2006 in materia di fallimento, concordato preventivo e liquidazione coatta amministrativa. Detto decreto entrerà in vigore dal 1° gennaio 2008.
Quanto al tema che più da vicino ci riguarda, e cioè i rapporti tra arbitrato e procedure concorsuali, occorre dire che nulla, o quasi, è cambiato anche a seguito di quest’ulteriore riforma della legge fallimentare.
Invariato è rimasto, infatti, l’art. 83-bis l.fall. che tratta del destino dell’arbitrato pendente a seguito dello scioglimento del contratto in cui è contenuta la clausola compromissoria.
All’art. 35 l.fall., che conferisce al curatore il potere di stipulare compromessi dietro l’autorizzazione del comitato dei creditori, è aggiunto un nuovo comma dopo il primo che recita «Nel richiedere l'autorizzazione del comitato dei creditori, il curatore formula le proprie conclusioni anche sulla convenienza della proposta».
All’art. 24 l.fall., sulla competenza del tribunale fallimentare a conoscere tutte le azioni che derivano dal fallimento, è abrogato il secondo comma che richiama le disposizioni del codice di procedura civile sui procedimenti in camera di consiglio.
Infine, all’art. 25, primo comma, n. 6, l.fall. le parole «agli avvocati» sono sostituite da «ai difensori»; così che il curatore, che sia subentrato o abbia dato vita ad un procedimento arbitrale, avrà il potere, riconosciuto espressamente dalla norma in questione, di nominare qualsiasi persona, che sia un avvocato, un commercialista, un ingegnere oppure un medico, idonea ad assumere la difesa nel giudizio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 PREMESSA Ultimata la redazione del presente saggio, il Governo, usufruendo della delega conferitagli dall’art. 5-bis, L. 14 maggio 2005, n. 80, ha varato un decreto legislativo recante disposizioni integrative e correttive al R.D. 16 marzo 1942, n. 267, nonché al decreto legislativo n. 5 del 2006 in mate- ria di fallimento, concordato preventivo e liquidazione coatta amministrati- va. Detto decreto entrerà in vigore dal 1° gennaio 2008. La delega, di cui all’art. 5-bis citato, aveva la scopo di consentire al legislatore, ad un anno dalle modifiche apportate alla legge fallimentare dal d.lgs. 5/2006, di correggere le eventuali imperfezioni emerse dalla concreta applicazione della nuova disciplina; correzioni che, in ogni caso, sono state subordinate al rispetto delle direttive a suo tempo adottate con la legge de- lega del 2005. Dunque, ristretto nell'alveo della legge delega, il decreto cor- rettivo si è limitato a chiarire interrogativi, eliminare palesi contraddizioni, ed evitare scollamenti tra diversi istituti emersi in questo primo anno di ap- plicazione. Analizzandone il contenuto, si nota come le modifiche apportate al testo attualmente in vigore siano tante; la principale riguarda le cosiddette soglie di fallibilità. I limiti attualmente previsti, superati i quali non si è più considerati piccolo imprenditore, e si ricade dunque nelle procedure del fallimento so- no: capitale investito superiore a trecentomila euro, e ricavi non inferiori a duecentomila euro nella media degli ultimi tre anni. L’introduzione di que- sti due parametri ha, tuttavia, prodotto nell’ultimo anno un crollo, superiore

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

amministrazione straordinaria
arbitrato
arbitro
clausola compromissoria
commissario giudiziale
compromesso
concordato
credito
curatore
fallimento
legge fallimentare
liquidazione
lodo
materie compromettibili
procedimento arbitrale
procedure concorsuali
rapporti giuridici pendenti
verificazione del passivo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi