Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Assistere alla violenza in famiglia: conseguenze psicologiche e percorsi di intervento.

“Si intende per violenza assistita intrafamiliare: atti di violenza fisica, verbale, psicologica, sessuale ed economica compiuti su figure di riferimento o altre figure – adulte o minori – affettivamente significative di cui il/la bambino/a può fare esperienza direttamente (quando la violenza avviene nel suo campo percettivo), indirettamente (quando il/la bambino/a è a conoscenza della violenza) e/o percependone gli effetti.”
I bambini (ma anche le madri) vittime dirette o indirette della violenza familiare possono sviluppare il Disturbo Postraumatico da stress. Altre problematiche riguardano la sfera sociale, emotive e cognitiva. I bambini possono inoltre sviluppare un attaccamento di tipo disorganizzato. L'intervento può essere rivolto all'intero nucleo familiare ma principalmente alla diade madre-bambino. Sono coinvolti rispetto alla prevenzione e all'intervento i servizi sociali, lo psicologo e il tribunale.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 I . INTRODUZIONE La violenza intrafamiliare vede protagonisti tutti i membri del nucleo familiare, ognuno con il proprio ruolo. La violenza può essere esercitata da uno o entrambi i genitori verso il/i figlio/i, da parte di un coniuge nei confronti dell’altro o da qualsiasi altro membro. La violenza perpetrata all’interno della famiglia è marcata da profonde differenze di genere: nel 99% dei casi è l’uomo l’aggressore e la donna vittima. Quando si parla di violenza contro le donne ci si riferisce a più tipi di violenza: dalla violenza sessuale, alla violenza fisica, a quella economica, alla violenza psicologica e verbale. Giustificata in alcuni casi, ma molto più nascosta, la violenza intrafamiliare non ha ancora un adeguato riconoscimento sociale ed è pertanto pericolosamente sottovalutata. Le donne, vittime di violenza, sono portate a giustificare le condotte del marito e ad attribuire a loro stesse la causa di ogni violenza. I bambini che vivono in contesto familiare violento possono apprendere con il tempo che la violenza è l’unico mezzo per risolvere i problemi e a tendere, a loro volta, ad adottare comportamenti simili. Le vittime possono anche essere i bambini e le violenze subite riguardano i maltrattamenti fisici e/o psicologici, la trascuratezza e l’abuso sessuale. Diventa indispensabile approfondire le indagini su questo fenomeno, non solo per suscitare una sensibilizzazione crescente, ma anche per attivare interventi più

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Veronica Cangemi Contatta »

Composta da 60 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5974 click dal 29/07/2008.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.