Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La produzione della carta a Fabriano dal XIII al XVI secolo. Aspetti storici e studio delle caratteristiche chimico-fisiche del materiale scrittorio

La produzione della carta e il suo ingresso in Europa dal XI sec. danno un notevole slancio all'economia e ai commerci. Per Fabriano la carta diventa il fulcro primario della sua economia. L'analisi storica ci permette di analizzare tutti i suoi processi evolutivi e le migliorie in campo tecnologico.
Lo studio dei componenti principali del materiale scrittorio ci permette di conoscerne la caratterizzazione chimica al fine di produrre carta con impasti specifici all'uso destinato. Inoltre nel caso di carte antiche la conoscenza dei componenti ci permette di risalire al luogo di provenienza e alla tecnica utilizzata e per affrontare, se necessario un adeguato restauro.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Capitolo I Storia della produzione della carta L’invenzione della carta viene tradizionalmente attribuita ai cinesi su intuizione di un mandarino di nome Ts’ai Lun, nel 105 dopo Cristo. La leggenda narra che Ts’ai Lun osservando in uno stagno adibito a lavatoio il riunirsi sotto forma di tessuto delle fibrille staccatesi per azione della battitura e dello strofinio ad opera della lavandaia, ebbe l’idea di raccogliere il sottile velo che si era formato e di porlo ad essiccare. Si formò così un foglio biancastro, abbastanza consistente ed adatto a supportare la scrittura 1 . Un primo accenno in lingua italiana sul materiale utilizzato dai cinesi per la produzione della carta è fornito dal viaggiatore veneziano Marco Polo che ne Il Milione descrive il procedimento della produzione della carta valori Marco Polo scrive che l’imperatore “fa prendere scorza d’un albore ch’a nome gelso – è l’albore le cui foglie mangiano li vermi che fanno la seta – e colgono la buccia sottile che è tra la buccia grossa e legno dentro, e di quella buccia fa fare carta come di bambagia”. 2 (Fig. 1) Fig. 1 - Miniatura raffigurante la produzione della carta in Cina 1 Enrico Pedemonte, Elisabetta Princi, Silvia Vicini, Storia della produzione della carta, in “La chimica e l’industria”, anno 87, ottobre 2005, pag. 62 2 C. G. Castagnari, N. Lipparoni, U Manucci, L’arte della carta a Fabriano, pag. 17, Fabriano 1996

Laurea liv.I

Facoltà: Conservazione dei Beni Culturali

Autore: Federica Furfaro Contatta »

Composta da 57 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2640 click dal 27/08/2008.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.