Skip to content

Eventi e turismo religioso: fattori di sviluppo locale

Informazioni tesi

  Autore: Pina Armenante
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Ferrara
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Paolo Frignani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 105

Nel passaggio dalla società industriale a quella post-industriale, il processo di terziarizzazione, intrecciato con la delocalizzazione e lo smantellamento della grande industria, ha inciso profondamente sulle alternative di sviluppo di molte aree di antica industrializzazione. Le città si apprestano ad abbracciare nuovi modelli di sviluppo orientati alla cultura e al turismo che costituiscono uno dei fattori più rilevanti dell’attuale società consumistica e rappresentano un notevolissimo business globale, basato soprattutto sulla circolazione di informazioni.
Ponendo attenzione a obiettivi di recupero urbano e a nuove destinazioni d’uso, ma soprattutto alla ricerca di nuove fonti di benessere economico, culturale e sociale, la strada della riqualificazione culturale e turistica delle città deve fondarsi sul recupero delle radici e delle identità locali, su progetti che siano fondati sull’individuazione di valori condivisi e sulla valorizzazione dei simboli della comunità .
In questi ultimi anni assistiamo ad un andamento particolarmente positivo del turismo religioso per due ragioni fondamentali:
- ad oggi si stima siano 260 milioni le persone nel mondo che compiono pellegrinaggi, 35-40 milioni in Italia con 19 milioni di pernottamenti, per un business intorno ai 4 miliardi di Euro. Un fenomeno che nel 2005 ha conosciuto un incremento medio del 5,5% con picchi del 10% e con un fatturato pari al 6% dell’intero comparto turistico nazionale ;
- la mutata figura del pellegrino stesso. Il turismo religioso odierno infatti abbina sempre più spesso fede, storia e cultura in una nuova forma che nasce dall’incrocio tra spiritualità pura e una ricerca di benessere dal carattere più ampio e
trasversale. Il nuovo pellegrino si mette in viaggio non solo per motivi religiosi in senso stretto, ma confuse dall’incedere della quotidianità alla ricerca di radici condivise, di sé stesso, della sua interiorità a prescindere dalla fede.
La globalizzazione ha reso possibile ad ogni città di rendersi visibile, di mettersi in vetrina anzi, ne ha sollecitato l’esigenza e poiché tutti hanno, chi più chi meno, la stessa possibilità, ciascuna deve rendersi agli occhi di chi guarda, di chi acquista, come un luogo unico ed inimitabile. Sono quindi necessarie strategie di city-marketing affinché le città imparino a comunicare per promuovere se stesse.
Gli strumenti a disposizione per promuoversi sono svariati e ciascuno sceglie di utilizzare quelli più coerenti alle proprie esigenze e ai propri obiettivi. Sicuramente uno dei modi più immediati per mettersi in mostra è quello di ospitare o realizzare un “evento” attraverso lo “svelamento” del proprio patrimonio sia esso costituito da beni architettonici, artistici, storici o culturali come le “tradizioni”.
Gli eventi in tale contesto offrono un’importante occasione di rilancio e riposizionamento strategico di immagine, se ben organizzati e se fondati su elementi quali l’unicità e la qualità. Gli eventi costituiscono per la loro rilevanza una potenziale fonte di risorse per il territorio, in termini economici, occupazionali, turistici e socio-culturali.
Può una “festa popolare” cambiare il volto di una intera città?
Questa è la domanda che mi sono posta nell’analisi del mio campo di indagine. La risposta è si. Se poi si tratta di una città con una vocazione turistica ma poco abituata ad iniziative culturali di ampio respiro, il cambiamento può diventare addirittura una rivoluzione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Nel passaggio dalla società industriale a quella post-industriale, il processo di terziarizzazione, intrecciato con la delocalizzazione e lo smantellamento della grande industria, ha inciso profondamente sulle alternative di sviluppo di molte aree di antica industrializzazione. Le città si apprestano ad abbracciare nuovi modelli di sviluppo orientati alla cultura e al turismo che costituiscono uno dei fattori più rilevanti dell’attuale società consumistica e rappresentano un notevolissimo business globale, basato soprattutto sulla circolazione di informazioni. Ponendo attenzione ad obiettivi di recupero urbano e a nuove destinazioni d’uso, ma soprattutto alla ricerca di nuove fonti di benessere economico, culturale e sociale, la strada della riqualificazione culturale e turistica delle città deve fondarsi sul recupero delle radici e delle identità locali, su progetti che siano fondati sull’individuazione di valori condivisi e sulla valorizzazione dei simboli della comunità 1 . In questi ultimi anni assistiamo ad un andamento particolarmente positivo del turismo religioso per due ragioni fondamentali: - ad oggi si stima siano 260 milioni le persone nel mondo che compiono pellegrinaggi, 35-40 milioni in Italia con 19 milioni di pernottamenti, per un business intorno ai 4 miliardi di Euro. Un fenomeno che nel 2005 ha conosciuto un incremento medio del 5,5% con picchi del 10% e con un fatturato pari al 6% dell’intero comparto turistico nazionale 2 ; - la mutata figura del pellegrino stesso. Il turismo religioso odierno infatti abbina sempre più spesso fede, storia e cultura in una nuova forma che nasce dall’incrocio tra spiritualità pura e una ricerca di benessere dal carattere più ampio e trasversale. Il nuovo pellegrino si mette in viaggio non solo per motivi 1 Paoli, M. Marketing d'area per l'attrazione di investimenti esogeni. Milano: Guerini e Associati, 1999. 2 Editoriale Italiana. Itinerari. Guida-Annuario dell'ospitalità religiosa in Italia. V. 2005.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunicazine
eventi
immagini
marketing territoriale
pubbicità
turismo religioso

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi