Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Rapporti tra architettura e forme spettacolari nelle nozze tra Annibale Bentivoglio e Lucrezia d' Este. Bologna 1487.

Considerando la generale "rinascita del paganesimo antico" come chiave di lettura per addentrarsi nel corso degli eventi l'argomento di questa tesi ha origine dalla profonda convinzione di ritrovare nella festa un luogo privilegiato in cui convergono differenti esperienze estetiche. Jacob Burckardt nel 1860 ha elaborato l' intenzione di parlare della festa rinascimentale come elemento costitutivo della vita artistica e culturale dell'epoca, seguendo questo atteggiamento metodologico ho affrontato lo studio delle nozze Bentivoglio-d'Este svoltesi a Bologna dal 27 gennaio al 2 febbraio del 1487. In questo contesto ho evidenzito le relazioni createsi tra l'architettura e le diverse forme spettacolari che hanno segnato le numerose giornate festive. Lo svolgimento di una festa di questo tipo implicava una preparazione dello spazio urbano adeguata alle esigenze del principe e dei partecipanti; l'allestimento di palchi, gli sfarzosi addobbi, gli apparati realizzati per orientare il percorso del corteo e gli intereventi permanenti effettuati sul tessuto urbano, al fine del celebrare il progetto politico del Bentivoglio, nel loro insieme sono il riflesso di un modello sociale e culturale proiettato dalle ambiziose volontà di un principe.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione Considerando la generale “rinascita del paganesimo antico” 1 come chiave di lettura per addentrarsi nel corso degli eventi la scelta dell’argomento di questa tesi ha origine dalla profonda convinzione di ritrovare nella festa un luogo privilegiato in cui convergono differenti esperienze estetiche. Seguendo i passi di colui che per primo ha introdotto l’intenzione di parlare della festa rinascimentale come elemento costitutivo della vita artistica e culturale dell’epoca, 2 ho affrontato lo studio delle nozze tra Annibale Bentivoglio e Lucrezia d’Este svoltesi a Bologna dal 27 gennaio al 2 febbraio del 1487. In questo contesto ho evidenziato le relazioni createsi tra l’architettura e le diverse forme spettacolari che hanno segnato le numerose giornate festive. Lo svolgimento di una festa di questo tipo implicava una preparazione dello spazio urbano adeguata alle esigenze del principe e dei partecipanti; l’allestimento di palchi, gli sfarzosi addobbi, gli apparati realizzati per orientare il percorso del corteo, e gli interventi permanenti effettuati sul tessuto urbano, nel loro insieme sono il riflesso di un modello sociale e culturale proiettato dalle ambiziose volontà di un principe. Tramite questo approccio storico-critico, illuminato dai fondamentali studi di 1 Warburg Aby, La rinascita del paganesimo antico. Contributi alla storia della cultura, a cura di G. Bing, Firenze, La nuova Italia, 1966; ed. orig., A. Warburg, Gesammelte Schriften, 1932. 2 Burckardt Jacob, Civiltà del Rinascimento in italia, a cura di G. Zippel, Firenze, Sansoni, 1927; ed. orig., Kultur der Renaissance, Basilea, 1860; nell’ambito della storiografia teatrale italiana è Fabrizio Cruciani che negli anni ’80 del secolo scorso ha integrato lo studio della festa nella sfera della cultura dello spettacolo.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Annalisa Maurizzi Contatta »

Composta da 163 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 866 click dal 04/02/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.