Skip to content

La salvaguardia dell'ambiente attraverso la giurisprudenza della corte internazionale di giustizia

Informazioni tesi

  Autore: Carmela Lombardi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza
  Relatore: Luigi Sico
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 137

“La salute del pianeta terra è divenuto un compito che solo la comunità internazionale, agendo con il massimo spirito di collaborazione, può assumersi.” L’emergenza “ambiente” è attualmente una questione che non può essere più trascurata. La sua salvaguardia è necessaria per la sopravvivenza del globo terrestre e deve essere posta al centro di ogni ordinamento. La tutela della natura costituisce parte integrante dello sviluppo e non deve essere considerata separatamente da esso. Ma è anche bene che si comprenda l’assoluta priorità logica e politica dell’ambiente stesso. L’evoluzione progressiva del diritto internazionale in questo settore impone certamente l’ elaborazione di nuovi strumenti economici, politici e sociali, ma partendo da un’unica finalità prioritaria, la sostenibilità non dello sviluppo, ma della vita dell’ecosistema terrestre. Tale preoccupazione si legge anche nelle parole di una delle personalità più eminenti del nostro pianeta, Papa Giovanni Paolo II : “Questo mondo programmato unicamente secondo i nostri progetti, potrebbe diventare irrespirabile. Si è chiuso un secolo in cui la vita è stata disprezzata nel modo più brutale. L’uomo non s’illuda di dominare la Natura e la Storia. In questo inizio di millennio salviamo l’uomo, salviamolo tutti insieme.” Purtroppo la defaillance principale nell’effettività del sistema di tutela è data dall’assenza di autorità sovranazionali specifiche incaricate di accertare la violazione di obblighi internazionali degli Stati e di applicare eventuali sanzioni. Ciò comporta gravi inconvenienti come l’accelerazione della crisi ecologica, una disparità e disomogeneità della protezione ambientale, nonostante i singoli ordinamenti nazionali si sforzino di fornire risposte ai problemi ambientali, attraverso l’applicazione indiretta del diritto internazionale. Per questa ragione esiste una tendenza dei governi nazionali ad adottare dei meccanismi collettivi di consultazione e controllo politico nel caso di accertata violazione degli obblighi di alcune parti (Non Complicance Procedure), in modo da poter gestire il conflitto all’interno del sistema convenzionale. Si tratta dei trattati ambientali multilaterali, caratterizzati da finalità comuni, interesse reciproco e completo adempimento per raggiungere gli scopi. Inoltre gli Stati hanno ormai accettato di dover rispondere giuridicamente per il danno ambientale cagionato dai loro organi o da altri soggetti sottoposti al controllo della propria giurisdizione. Si è affermato il concetto di ambiente come patrimonio comune dell’umanità al cui rispetto deve provvedere la Comunità Internazionale nel suo insieme, collaborando con i singoli governi nazionali e regionali. Gli obblighi degli Stati di controllare le attività svolte dai propri organi specialmente da persone giuridiche private al di fuori del territorio nazionale, diventano sempre più rilevanti. Le Nazioni sono collettivamente e individualmente interessati al godimento ed alla preservazione di spazi e risorse comuni. La protezione ambientale trascende i meri rapporti reciproci tra gli Stati e costituisce un’autentica politica internazionale pubblica che li vincola di fronte alla Comunità Internazionale in quanto tale. La Corte Internazionale di Giustizia ha sottolineato che deve riconoscersi l’esistenza di “obblighi di uno Stato nei confronti della Comunità Internazionale in quanto tale”, tali obblighi riguardano tutti gli Stati e sono erga omnes. Un ruolo deve essere riconosciuto alle ONG e altri vari organismi sociali che partecipano alla elaborazione dei Trattati e partecipano a meccanismi internazionali di risoluzione delle controversie tra Stati quale è quello previsto in ambito WTO, atteso che esse,a determinate condizioni, hanno diritto di inserirsi nel procedimento come soggetti qualificati depositando osservazioni scritte, sotto forma di un “amicus curiae brief”. Ciò comporta la possibilità per le ONG di aderire alle tesi di una piuttosto che dell’altra parte in causa e di influenzare, con le proprie argomentazioni, l’esito stesso della controversia. Inoltre, sono spesso le ONG, tramite strumenti loro propri (campagne di stampa, manifestazioni anche simboliche,etc.), a sottolineare il comportamento non irreprensibile di certi Stati i quali, anche per evitare il verificarsi di situazioni politicamente insidiose sul piano quantomeno della loro immagine internazionale, tenderanno, ove possibile, ad adempiere ai propri obblighi. A queste agenzie “universali” si aggiungono poi una serie di realtà di respiro regionale, che includono,ad esempio, il Consiglio d’Europa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
“La salvaguardia dell’ambiente nella più recente giurisprudenza Introduzione della Corte Internazionale di Giustizia “di Carmela LOMBARDI INTRODUZIONE  “La salute del pianeta terra è divenuto un compito che solo la comunità internazionale, agendo con il massimo spirito di collaborazione, può assumersi.” 1 . L’emergenza “ambiente” 2 è attualmente una questione che non può essere più trascurata. La sua salvaguardia è necessaria per la sopravvivenza del globo terrestre e deve essere posta al centro di ogni ordinamento. La tutela della natura costituisce parte integrante dello sviluppo e non deve essere considerata separatamente da esso. Ma è anche bene che si comprenda l’assoluta priorità logica e politica dell’ambiente stesso. L’evoluzione progressiva del diritto internazionale in questo settore impone certamente l’ elaborazione di                                                             1 Azioni di diritto privato, a cura di T. Ballarino in Rivista di diritto internazionale 1990, pag 849. 2  Qualsiasi definizione del termine stesso presenta una serie di difficoltà che derivano sia dalla mancanza di una definizione concordata, sia dalla molteplicità di interpretazioni date dalle diverse scuole di pensiero. Un termine che tutti sembrano capire, ma nessuno è in grado di definire. Vedi “The Peaceful Settlement of International Enviromental Disputes” a cura di Cesare P.R. Romano edito da Kluwer Law International: the Hauge-London-Boston 1999, pag 15. I   

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ambiente
corfù
estai
gabckovo
nauru
princìpi
sentenze corte internazionale di giustizia
smelter trail
tutela

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi