Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I luoghi delle Londra vittoriana

Luoghi e personaggi della letteratura inglese del 1800: da Oliver Twist a Jack The Ripper, da Dr. Jekyll e Mr. Hyde al vanesio Dorian Gray. Un viaggio attraverso Londra vista dai personaggi reali e immaginari del 1800.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Con l’ascesa al trono di Vittoria nel 1837 iniziò un’epoca nuova, l’età vittoriana. La Regina e il suo consorte Alberto diventarono il simbolo dell’integrità morale il cui mito si diffuse per tutto il regno. Londra crebbe e proliferò. Il cuore dell’impero britannico divorava sobborghi e villaggi. Dal 1802 si iniziarono a costruire i docks più grandi del mondo. Si introdusse l’illuminazione a gas. A Bart street e Covent Garden si insediarono le prime unità di polizia. Il nuovo palazzo di Westminster (House of Parliament) diventò il prototipo del neogotico vittoriano, un gusto per la decorazione sovrabbondante e un insieme di stili diversi. Il desiderio di originalità rimase confinato agli edifici di rappresentanza. Nell’epoca vittoriana si iniziò a dividere il luogo di lavoro da quello di abitazione. Nuovi sobborghi vennero inglobati nelle città, grazie anche alla nuova rete dei trasporti. Ciò rispose ai bisogni dei cittadini di sfuggire al luogo di perdizione identificabile col nucleo cittadino. Ovunque si allinearono edizioni in miniaura delle varie estates nella elegante Belgravia per i più fortunati; a Pimlico e Bloomsbury per la classe medio-alta; a Cubitt Town sulla Isle of the Dogs per le famiglie dei lavoratori dei cantieri navali. Il centro stesso di Londra era un cantiere edilizio: Trafalgar Square, l’apertura di New Oxford Street, l’anello di strade tra Charing Cross Road, Shaftesbury Avenue e Victoria Street, eliminano una gran parte degli “slums” dal centro cittadino. Nell’ambito della Great Exhibition, il West End, Oxford Street e Knightsbridge diventano i centri più alla moda. Dopo un’epidemia di colera nacque il Metropolitan Board of Works con cui si costruirà il sistema fognario della città. Migliorò così la situazione 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Caterina Maccagnani Contatta »

Composta da 189 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10645 click dal 28/08/2008.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.