Skip to content

Autorità e famiglia nella ''Repubblica dei Santi'' di Calvino

Informazioni tesi

  Autore: Elia Monfrecola
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Napoli "L'Orientale"
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Massimo Terni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 141

Il lettore in sintonia con la secolarizzazione della cultura occidentale moderna, e che abbia fatto proprio il monito di Alberico Gentili “silete theologi in munere alieno!”, potrebbe manifestare qualche perplessità dinanzi alla scelta dell’argomento proposto in questo lavoro. Potrebbe avere delle difficoltà a rapportarsi con un’ esperienza storica motivata essenzialmente da idee religiose. E’ opportuno quindi, fin d’ora, richiamare un concetto: fermo restando il contributo del pensiero greco e del diritto romano, la politica moderna è stata anche il frutto di un processo di secolarizzazione e razionalizzazione di teorie elaborate da filosofi e teologi cristiani (...) Entreremo nel vivo di questo nesso tra teologia e politica nel primo capitolo, tracciando sinteticamente l’evoluzione interpretativa che ha riguardato la formula paolino-agostiniana “nulla potestas nisi a Deo”. Una formula che per tutto il medioevo, fino all’età moderna, costituisce il “mito delle origini” in ogni concezione dell’autorità: da quella cristiano-medievale (che porta ad una teocrazia egemonizzata da un papa detentore della suprema “auctoritas”) al “divine right of kings” del XVII secolo, frutto, quest’ ultimo, dell’unione del moderno concetto di “sovranità assoluta” di Jean Bodin con l’interpretazione del “nulla potestas nisi a Deo” dei teologi della Riforma. Gli effetti politici della Riforma sono noti: l’autorità secolare, forte della nuova consacrazione datale da Lutero (attraverso l’affermazione della sua diretta ed esclusiva investitura divina e la teoria dei “due regni” ) acquista il carattere della sovranità assoluta del politico. Ma il contributo della Riforma alla modernità, pur essendo indiscutibile, risente dell’ambiguità tipica di un pensiero che si posiziona al crocevia tra due epoche. Nel corso di questo lavoro si paleseranno tutte le valenze anti-moderne del progetto ginevrino (...) esse sono la logica conseguenza di due nozioni centrali nel pensiero del riformatore:l’idea della “sovranità assoluta” di Dio (connessa al principio della
doppia predestinazione) ed il senso patriarcalistico dell’autorità (...)Dio, con un “sovrano” atto di volontà predetermina il destino di tutti, assegnando a ciascuno la propria “vocazione”, nella quale si ha il dovere di “rimanere”. La conseguenza è evidente: la “repubblica dei santi” non può che avere un tratto aristocratico-conservatore (...)Di qui il rapporto antinomico uguaglianza/ineguaglianza: tutti sono uguali davanti a Dio perché ugualmente peccatori e tenuti a prestargli la massima obbedienza; tutti sono disuguali nei loro rapporti perché il piano divino ha stabilito la superiorità di alcuni e la subordinazione di altri (...) Utilizzare la paternità come metafora per esprimere l’autorità non era certo un fatto nuovo, nel XVI secolo: Calvino però capovolge i termini, insistendo non tanto sul fatto che il sovrano (o il principe o il magistrato) devono essere “come padri” ma piuttosto sul concetto per cui l’essere padri è molto simile ad una magistratura civile (ed un sacerdozio). In un certo senso la paternità viene trasformata in una “sovranità politica”. Quest’ultima considerazione ci porta sul terreno del confronto con Jean Bodin. Il filosofo, con la sua concezione patriarcale, ha avuto la grande intuizione di mettere in relazione famiglia e Stato in base al concetto unificatore della “sovranità” e di individuare nel potere paterno il modello per il potere sovrano (...) Bodin “politicizza” la famiglia in funzione dello Stato assolutista, cercando un “sovrano” nella famiglia piuttosto che un “padre” nel sovrano; Calvino “politicizza” la famiglia in funzione dello Stato cristiano (la “repubblica dei santi”) trovando nel padre un sacerdote ed un magistrato. Abbiamo messo in luce l’aporia che viene a crearsi tra principio gerarchico ed egualitario allorché si utilizza l’analogia famiglia/Stato (...) La soluzione bodiniana di dividere la sfera privata da quella pubblica configura una società in cui vige l’eguaglianza tra i capi-famiglia; l’assenza di una simile soluzione in Calvino tradisce tutta l’anti-modernità del progetto politico di Ginevra. L’esigenza di moralizzare tutti gli ambiti della vita (ciò che abbiamo definito “secolarizzazione della santità”) è inconciliabile con una distinzione netta tra sfera pubblica e sfera privata; il padre, come garante della disciplina cristiana in seno alla famiglia ha un ruolo “pubblico” ed il Concistoro ha il diritto/dovere di penetrare, con la sua azione disciplinare, in tutto il sociale. In questa mancanza di una netta distinzione tra le due sfere vi sono tutti i prodromi di una forma di “totalitarismo”...

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa Il lettore in sintonia con la secolarizzazione della cultura occidentale moderna, e che abbia fatto proprio il monito di Alberico Gentili “silete theologi in munere alieno!”, potrebbe manifestare qualche perplessità dinanzi alla scelta dell’argomento proposto in questo lavoro. Potrebbe avere delle difficoltà a rapportarsi con un’esperienza storica motivata essenzialmente da idee religiose. E’ opportuno quindi, fin d’ora, richiamare un concetto: fermo restando il contributo del pensiero greco e del diritto romano, la politica moderna è stata anche il frutto di un processo di secolarizzazione e razionalizzazione di teorie elaborate da filosofi e teologi cristiani. Non ha dubbi, in proposito Carl Schmitt quando scrive: “tutti i concetti più pregnanti della moderna dottrina dello Stato sono concetti teologici secolarizzati”.1 Entreremo nel vivo di questo nesso tra teologia e politica nel primo capitolo, tracciando sinteticamente l’evoluzione interpretativa che ha riguardato la formula paolino-agostiniana “nulla potestas nisi a Deo”. Una formula che per tutto il medioevo, fino all’età moderna, costituisce 1 Cit. da Teologia politica (in C.Schmitt Le categorie del politico, a cura di G.Miglio e P.Schera, Bologna 1972). Al politologo si deve il termine “teologia politica”. Per il tema si veda anche: M.Terni-La pianta della sovranità-Laterza, Bari, 1995; “Cristianesimo e modernità’” (pp. 3-27) in R.Girard-G.Vattimo- Verità o fede debole? Dialogo su cristianesimo e relativismo-Massa, Transeuropa, 2006

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bodin
calvino
famiglia
ginevra
lutero
potere patriarcale
predestinazione
principe devoto
protestante
riforma
santi
secolarizzazione
sovranità assoluta
teocrazia
teoria delle due spade

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi