Skip to content

Maldición eterna a quien lea estas páginas: un caso di autotraduzione

Informazioni tesi

  Autore: Alice Storani
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e letterature straniere
  Relatore: Andrea Briganti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 68

Questa tesi si incentra sul fenomeno dell'autotraduzione ed in particolare sulla figura di Manuel Puig. Vengono affrontate tutte le principali questioni sul fenomeno linguistico-traduttologico, cercando di afferare lo status attuale della questione attraverso numerosi documenti. E' doveroso segnalare che ad oggi l'autotraduzione viene considerata a tutti gli effetti un metodo traduttivo e non soltanto uno sterile ed automatico frutto prodotto dagli autori/traduttori bilingue. Di seguito si è fatto riferimento al profilo biografico dell'autore argentino concentrando però l'attenzione sulla suo opera di autotraduzione, per l'appunto: Maldición eterna a quien lea estas páginas. Diversamente da come si potrebbe pensare, questo testo è stato scritto prima di tutto in inglese e poi in spagnolo. Detto questo il cuore del lavoro è stato nell'effettuare l'analisi comparativa dei due testi, quello inglese e quello spagnolo, segnalando poi tutte le variazioni a livello lessicale, sintattico e culturale. L'analisi è divisa in 3 capitoli, il primo analizza il riscontro di matrice su tutto il testo, il secondo il riscontro di matrice su un solo capitolo, il dodicesimo, e l'ultimo espone approfonditamente tutte le questioni lessicali e sintattiche che differiscono tra la versione inglese e quella spagnola presenti nel capitolo dodicesimo. Infine sono state tratte conclusioni su come si può affrontare un'analisi comparativa di questo tipo e sui mille perchè che stanno dietro a questa pratica traduttiva.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione L’impulso che ci ha spinto ad affrontare in sede di tesi triennale il tema dell’“autotraduzione” si è manifestato in noi diverso tempo fa, quando per la prima volta abbiamo sentito toccare l’argomento in ambito letterario spagnolo. In precedenza (e ci riferiamo sia al nostro precedente percorso scolastico in lingue, sia al percorso universitario che ci avviamo a concludere) avevamo sentito ricordare al più i soli casi “classici” di Joyce e Beckett: forse perché l’argomento non riceve ancora grande attenzione in Italia o forse perché semplicemente usciva dagli specifici interessi di ricerca dei docenti che abbiamo in questi anni avuto. E non c’è da sorprendersi. In effetti, l’autotraduzione, almeno fino a qualche tempo fa, è stata considerata come una categoria marginale o un fenomeno del tutto sporadico nell’ambito della traduttologia: diversi studiosi 1 sono stati d’accordo nell’affermare che pochi sono gli scrittori annoverabili che si sono occupati di autotradurre parti della propria opera. Ma ci sono invece altri studiosi, ormai (“capeggiati” da Julio-César Santoyo) 2 che stanno cercando, attraverso i propri studi, di dimostrare che l’autotraduzione esiste come fatto traduttologico in sé, che è sempre esistita come pratica e che per di più non è affatto un fenomeno così occasionale: oggi come oggi, il numero delle autotraduzioni, di vario genere testuale e di varia combinazione linguistica, starebbe addirittura crescendo, in maniera esponenziale. Dopo aver considerato il panorama degli autori d’area ispanofona che hanno praticato l’autotraduzione, la nostra scelta (anche perché la combinazione linguistica interessata coincideva con le lingue da noi studiate) è caduta sullo scrittore argentino Manuel Puig. E il proposito di questo lavoro è appunto quello di cercare, nel nostro piccolo, di chiarire quale strategia abbia guidato Puig – consciamente o inconsciamente – nel corso dell’autotraduzione (dall’inglese allo spagnolo) di un suo romanzo: Eternal curse on the reader of these pages / Maldición eterna a quien lea estas páginas. 3 1 Ad esempio Richard S. Sylvester, Antoine Berman, Grady Miller, Christian Balliu, ed altri. 2 J.C. Santoyo, “Autotraducciones: Una perspectiva Histórica”, Quimera, 210, 2001/2002, pp. 27-32. 3 Per questo lavoro sono state utilizzate le prime edizioni pubblicate dalla casa editrice americana Random House (1983), e da quella spagnola Seix Barral (1980): per l’apparente stranezza nell’ordine delle date qui ricordate si veda quanto esponiamo nel paragrafo 2.2.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi comparativa
argentina
autotrad
autotraducción
autotraduzione
bilinguismo
helena tanqueiro
lingua e traduzione spagnola
manuel puig
self-translation
traduttologia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi