Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La rinascita di un mito: strategie di marketing e posizionamento della Fiat 500

Fiat 500: “L’auto più amata dagli Italiani”; quale altra espressione più idonea di questa può definire l’amore di una generazione per la 500? La “Nuova 500”, cosi la chiamò e la presentò il suo creatore al popolo Italiano.
La storia della 500 è la storia d’Italia del secondo dopoguerra, caratterizzato da un paese stanco degli stenti di un conflitto mondiale in cui si era cacciato, e che retoricamente sognava “l’America”: una nuova vita. Era semplicemente l’inseguimento di un sogno, il benessere di una tranquillità sociale che in quegli anni finalmente faceva capolino. E’ in questo contesto che la 500 si affaccia sul mercato italiano, in un paese fatto di proletari che sognano di pensionare la ormai “vecchia” vespa, per una vera quattro ruote.
Un quadretto dalle tinte pastello, come le illustrazioni che riempivano le riviste di quel tempo dalle cui pagine, in quella estate del 1957, la nuova 500 si fece conoscere e amare dal grande pubblico. Un amore che non finisce, ma che si incrementerà con la rinascita della 500 del futuro.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione. Introduzione Obiettivo di questa prova finale è di analizzare le manovre e le scelte effettuate da Fiat Group Automobilies, in relazione al lancio della Nuova 500, ripercorrendo le tappe principali del suo sviluppo partendo dal primo lancio ufficiale del 1957. In particolare si cercherà di mettere in evidenza le scelte strategiche attuate dalla casa Torinese e, soprattutto, di sottolineare le sfaccettature delle diverse azioni comunicative utilizzate che hanno reso il consumatore, parte attiva di un largo panorama di iniziative. Al giorno d’oggi ci si trova davanti a continue azioni pubblicitarie che delineano la mente del consumatore, sia come degne di essere ricordate, sia come azioni di disturbo che vengono lasciate scorrere via. A casua di quest’ultimo aspetto, la strada principale da percorre è quella di riuscire ad oltrepassare l’ormai impermeabilità della mente del consumatore rispetto alle azioni pubblicitarie tradizionali, utilizzando pianificazioni diverse dal solito. Ed è da ciò che, alla fine, dipende l’immagine del prodotto. Quando si parla di un mercato così complesso è necessario analizzare tutte le componenti critiche e di successo che possono proiettare le aziende verso il raggiungimento dei propri obiettivi. Nello specifico, questa prova finale è strutturata in quattro capitoli.

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Laura Poleggi Contatta »

Composta da 134 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5850 click dal 12/09/2008.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.