Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L’enterprise risk management nelle imprese non finanziarie: aspetti teorici e studi di caso nel mercato italiano

La capacità di assumersi e di gestire i rischi è da sempre l’essenza fondamentale dell’attività imprenditoriale e una componente irrinunciabile del management d’impresa. Fino a pochi anni fa la gestione di tali rischi si è concentrata, tanto nella prassi quanto nella letteratura manageriale, su poche aree specialistiche funzionali o settoriali, quali la gestione dei rischi finanziari e la copertura dei rischi assicurabili.
Oggi, tuttavia, le aziende sono chiamate a dedicare una maggiore attenzione a tutti i rischi che incombono sui propri business per continuare a competere in un contesto economico e finanziario sempre più globale, turbolento e, pertanto, complesso. I collassi finanziari che hanno travolto alcune grandi imprese quotate negli ultimi anni, la crescente instabilità dei contesti economico-politico-sociali in cui operano le società, i nuovi modelli organizzativi adottati dalle imprese, gli impatti esercitati dalle evoluzioni tecnologiche sulle dinamiche competitive dei business, l’evoluzione della normativa e l’accresciuta sensibilità da parte degli stakeholder circa il raggiungimento degli obiettivi stabiliti dai vertici aziendali sono solo alcuni dei principali motivi che richiedono un’adeguata risposta da parte delle imprese. Da qui deriva l’attuale riconoscimento del risk management come un processo da affiancare e integrare agli altri processi presenti in azienda, da governare in modo continuativo e formalizzato mediante soluzioni organizzative riconosciute e condivise dall’intera organizzazione.
Fatta questa premessa, il seguente lavoro di tesi si focalizza sull’Enterprise Risk Management (ERM), che è, in sintesi, l’approccio metodologico strutturato e proattivo alla gestione dei rischi legati a tutti gli aspetti delle attività d’impresa: strategie, mercato, processi, risorse finanziarie, risorse umane, tecnologie. L’aggettivo «Enterprise» serve a enfatizzare la rimozione delle barriere di funzione, di divisione, di dipartimento e, più in generale, culturali che caratterizzano il risk management tradizionale, a favore di un approccio integrato, focalizzato sul futuro e orientato ai processi, che può aiutare le organizzazioni a gestire in modo organico tutti i rischi d’impresa e a identificarne le opportunità connesse.

Il lavoro ha l’obiettivo di approfondire il tema della gestione del rischio e comprendere quali siano le scelte strategiche, organizzative e operative portate avanti dalle aziende non finanziarie di medie e grandi dimensioni in Italia.
Si sostanzia, da una parte, in un’analisi critica e sistematica della letteratura in tema di gestione del rischio e, dall’altra, nella realizzazione di una prima indagine esplorativa sull’approccio alla gestione del rischio di otto significative realtà imprenditoriali operanti in Italia.

Mostra/Nascondi contenuto.
Sommario I SOMMARIO La capacità di assumersi e di gestire i rischi è da sempre l’essenza fondamentale dell’attività imprenditoriale e una componente irrinunciabile del management d’impresa. Fino a pochi anni fa la gestione di tali rischi si è concentrata, tanto nella prassi quanto nella letteratura manageriale, su poche aree specialistiche funzionali o settoriali, quali la gestione dei rischi finanziari e la copertura dei rischi assicurabili. Oggi, tuttavia, le aziende sono chiamate a dedicare una maggiore attenzione a tutti i rischi che incombono sui propri business per continuare a competere in un contesto economico e finanziario sempre più globale, turbolento e, pertanto, complesso. I collassi finanziari che hanno travolto alcune grandi imprese quotate negli ultimi anni, la crescente instabilità dei contesti economico-politico-sociali in cui operano le società, i nuovi modelli organizzativi adottati dalle imprese, gli impatti esercitati dalle evoluzioni tecnologiche sulle dinamiche competitive dei business, l’evoluzione della normativa e l’accresciuta sensibilità da parte degli stakeholder circa il raggiungimento degli obiettivi stabiliti dai vertici aziendali sono solo alcuni dei principali motivi che richiedono un’adeguata risposta da parte delle imprese. Da qui deriva l’attuale riconoscimento del risk management come un processo da affiancare e integrare agli altri processi presenti in azienda, da governare in modo continuativo e formalizzato mediante soluzioni organizzative riconosciute e condivise dall’intera organizzazione. Fatta questa premessa, il seguente lavoro di tesi si focalizza sull’Enterprise Risk Management (ERM), che è, in sintesi, l’approccio metodologico strutturato e proattivo alla gestione dei rischi legati a tutti gli aspetti delle attività d’impresa: strategie, mercato, processi, risorse finanziarie, risorse umane, tecnologie. L’aggettivo «Enterprise» serve a enfatizzare la rimozione delle barriere di funzione, di divisione, di dipartimento e, più in generale, culturali che caratterizzano il risk management tradizionale, a favore di un approccio integrato, focalizzato sul futuro e orientato ai processi, che può aiutare le organizzazioni a gestire in modo organico tutti i rischi d’impresa e a identificarne le opportunità connesse. La scelta di affrontare tale argomento è scaturita dalla crescente attenzione mostrata nei confronti del tema da parte del mondo industriale e accademico. In particolare, il lavoro di tesi si inserisce all’interno del progetto di ricerca «Enterprise Risk Management nelle imprese non finanziarie di medie e grandi dimensioni operanti in Italia», attivato recentemente dal gruppo di ricerca del Prof. Giorgino nelle attività condotte presso il Dipartimento di Ingegneria Gestionale del Politecnico di Milano con l’obiettivo di approfondire il tema della gestione del rischio e comprendere quali siano le scelte strategiche, organizzative e operative portate avanti dalle aziende non finanziarie di medie e grandi dimensioni in Italia. Il nostro sforzo si focalizza sulla prima fase di tale ricerca ed è finalizzato ad identificare le variabili rilevanti dell’ERM nelle imprese non finanziarie. Si sostanzia, da una parte, in un’analisi critica e sistematica della letteratura in tema di gestione del rischio e, dall’altra, nella realizzazione di una prima indagine esplorativa sull’approccio alla gestione del rischio di otto significative realtà imprenditoriali operanti in Italia. Lo studio, pertanto, si articolerà in 2 fasi, differenti per approccio e metodologia di ricerca, coerentemente con l’obiettivo del lavoro. Il lavoro si articola in 5 capitoli. La prima parte, costituita dai Capitoli 1 - 4, consiste nella redazione di uno stato dell’arte della letteratura manageriale e accademica, al fine di delineare un quadro generale

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Roberto Padovani Contatta »

Composta da 263 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5921 click dal 12/09/2008.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.