Skip to content

Simulazione ed analisi della combustione HPLI in motori Diesel con codici tridimensionali

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Bianco
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Politecnico di Torino
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria dell'Autoveicolo
  Relatore: Andrea Emilio Catania
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 331

La tesi tratta il tema delle simulazioni fluidodinamiche di combustione nell'ambito dei motori Diesel per automobili.
La combustione analizzata è una combustione innovativa denominata HPLI (highly premixed late injection) la quale consente, in un motore Diesel, di ottenere una riduzione simultanea degli ossidi di azoto e del particolato risultate dalla reazione. Questa combustione è considerata propedeutica al raggiungimento dei limiti anti-inquinamento imposti dalla normativa Euro 6 per i veicoli a motore. Il suo studio, di conseguenza, può chiarirne alcune caratteristiche che rendano la soluzione HPLI utilizzabile nei motori di futura concenzione.

Basandosi su dati sperimentali acquisiti da un motore monocilindrico Diesel (ricavato dal 1.9 JTD Fiat normale produzione) sono stati impostati i parametri necessari all’esecuzione delle simulazioni fluidodinamiche. Questo sono state eseguite utilizzando il programma Star-Cd ed Es-Ice.

Le simulazioni sono state svolte avvalendosi di due modelli di combustione:
- il modello di Magnussen
- il nuovo modello Extended Coherent Flame Model 3 Zones (ECFM3Z)

Nel testo vengono descritti estensivamente i modelli utilizzati, con le equazioni specifiche, ed inoltre viene fornita la panoramica teorica necessaria all'utilizzo di un codice CFD per lo studio dei fluidi nell'ambito dei motori a combustione interna.

Vengono inoltre valutati i modelli di combustione utilizzati, comparando i risultati ottenuti ed eseguendo un'analisi di sensitività di ogni modello ai propri parametri caratteristici. Di tali parametri sono indicati, nel capitolo finale, gli effetti ai fini della simulazione della combustione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE I motori a combustione interna hanno subito negli anni una notevole evoluzione dal punto di vista tecnologico. I motori Diesel, in particolare, hanno mostrato uno sviluppo molto ampio grazie alla tecnologia Common Rail ad iniezione diretta introdotta nell’anno 1997. A partire da allora, il volume di vendite delle vetture con motorizzazione Diesel è costantemente incrementato nel tempo, fino a raggiungere una penetrazione del 50% nel mercato occidentale dell’auto. Tale successo è stato reso possibile da tre fattori, che costituiscono il “vantaggio” dei motori Diesel rispetto ai propulsori ad accensione comandata: minor consumo di combustibile, maggiore piacevolezza di guida ottenuta grazie alla sovralimentazione (ormai generalizzata), confort vibro-acustico migliorato simile a quello dei motori a benzina. Tali vantaggi sono stati ottenuti attraverso una costante attività di ricerca e sviluppo condotta dai tecnici motoristi. Gli studi sulle nuove evoluzioni dei motori Diesel, tuttavia, non sono certo ultimati. Le nuove normative europee anti-inquinamento EURO 5 ed EURO 6 impongono limiti stringenti al quantitativo di sostanze inquinanti che i motori Diesel dei prossimi anni potranno emettere. La tendenza verso una normativa “fuel neutral” richiede una sostanziale riduzione degli ossidi di azoto e del particolato prodotti dai motori Diesel. Tali risultati possono essere ottenuti soltanto agendo sul processo di combustione e sui gas di scarico, mediante opportuni sistemi di post-trattamento. Le tecnologie abilitanti al rispetto dei limiti imposti dalla normativa EURO 5 si focalizzano sull’utilizzo della “trappola del particolato” (Diesel Particulate Filter, DPF) per il motore Diesel, la quale consente un notevole decremento della quantità di particolato emessa allo scarico di una vettura. La riduzione del rapporto di compressione volumetrico, l’utilizzo di Exhaust Gas Recirculation (EGR) esterni in configurazione long-route e l’applicazione di sistemi di variazione della fasatura delle valvole, consentono inoltre di limitare il quantitativo di ossidi di azoto prodotti. Le soluzioni menzionate, attualmente, sono ritenute inadatte al raggiungimento dei limiti imposti dalla normativa EURO 6, la quale nel 2014 richiederà una netta diminuzione degli ossidi di azoto prodotti da un motore Diesel. Tale riduzione può essere ottenuta mediante sistemi di post-trattamento dei gas di scarico (catalizzatori De-

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

3d
analisi
autoveicolo
cfd
codici
combustione
crf
diesel
ecfm
es-ice
fiat
fluidodinamica
gasolio
ifp
ingegneria
iniettore
inquinante
inquinanti
motore
motori a combustione interna
simulazione
star
star-cd

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi