Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Studio sulle variabili metaboliche condizionanti la repeated sprint ability nei calciatori

Il calcio è uno sport di tipo intermittente, situazionale, nel corso del quale si alternano fasi ad alta intensità ad altre di bassa intensità, impiegate spesso come fase recupero (Reilly e coll. 2000). Nel calcio il massimo consumo di ossigeno (VO2max) e l’abilità di ripetere sprint (Repeated Sprint Ability, RSA), vengono annoverate tra le componenti più importanti per ottenere successo nel gioco (Reilly e coll. 2000). La RSA si può definire come l'abilità di mantenere invariata nel tempo la prestazione di sprint. Grazie ad essa, un giocatore riesce a scattare e a recuperare per poi riscattare nuovamente, e questa sequenza può essere ripetuta una o più volte. Lo scopo di questo studio è stato quello di indagare le relazioni tra VO2max ed RSA nonché tra capacità lattacida ed RSA in un gruppo di calciatori, nello specifico si è cercato di verificare l’eventuale correlazione tra il VO2max, indice dell’efficienza del metabolismo aerobico ed RSA nei calciatori, indice della capacità di recupero tra diversi sprint, ed infine capire quanto l’intervento del metabolismo lattacido contribuisce alla prestazione di sprint, attraverso lo studio del CO2excess, cercando un’eventuale correlazione tra il valore massimo individuale di CO2excess ed RSA individuale.

Mostra/Nascondi contenuto.
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI Facoltà di Medicina e Chirurgia, Corso di Laurea Specialistica in Scienze e Tecnica dello Sport Tesi di Laurea del Dott. Giuseppe Attene 4 [email protected] INTRODUZIONE Il calcio è uno sport di tipo intermittente, situazionale, nel corso del quale si alternano fasi ad alta intensità ad altre di bassa intensità, impiegate spesso come fase recupero (Reilly e coll. 2000). Nel calcio il massimo consumo di ossigeno (VO2max) e l’abilità di ripetere sprint (Repeated Sprint Ability, RSA), vengono annoverate tra le componenti più importanti per ottenere successo nel gioco (Reilly e coll. 2000). Data la natura del gioco, la cura della preparazione fisica viene considerata (Reilly e coll. 2000) come un elemento importante per condizionare il risultato finale. In questo ambito, particolare interesse riveste l’abilità di ripetere sprint. La RSA si può definire come l'abilità di mantenere invariata nel tempo la prestazione di sprint. Grazie ad essa, un giocatore riesce a scattare e a recuperare per poi riscattare nuovamente, e questa sequenza può essere ripetuta una o più volte. "I giocatori che sono in possesso di una buona RSA saranno in grado di ripetere azioni di sprint con un minimo scarto rispetto alla loro migliore prestazione, cosa che non riuscirà a coloro che sono in possesso di una scarsa RSA" (Bishop 2002). Questo in quanto si ritiene (Bishop e coll. 2001) che il giocatore in grado di mantenere un’elevata prestazione di sprint nel tempo, sia potenzialmente in grado di essere più efficace nel corso di una competizione. La RSA è stata da alcuni autori (Tomlin 2001) indicata come essere influenzata dalla massima potenza aerobica.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Giuseppe Attene Contatta »

Composta da 44 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3758 click dal 19/09/2008.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.