Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I nuclei della base: prospettive recenti sulla loro funzione e sul trattamento di disturbi dovuti a neurodegenerazione

Breve percorso delle nuove ricerche in merito alle disfunzionalità dei nuclei della base

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Capitolo 1 STRUTTURA DEI NUCLEI DELLA BASE I nuclei della base sono formati da un gruppo di nuclei del prosencefalo collegati fra loro: il nucleo caudato, il putamen e il globus pallidus. Alcuni nuclei del mesencefalo sono strettamente associati a queste strutture: la sostanza nera e il nucleo subtalamico.Il nucleo caudato e il putamen formano il nucleo striato, mentre il putamen e il globo pallido il nucleo lenticolare. Le principali afferenze ai nuclei della base terminano a livello dello striato e provengono principalmente dalla corteccia cerebrale (area motoria, motoria supplementare, premotoria e somatosensoriale) e dal talamo. Le afferenze sono probabilmente tutte eccitatorie con il glutammato come neurotrasmettitore. Le connessioni fra le formazioni dei nuclei della base sono cospicue e organizzate topograficamente, per questo, regioni specifiche della corteccia agiscono, attraverso lo striato, su zone specifiche del globus pallido (segmento interno e esterno) e della sostanza nera (parte reticolata, parte compatta). Lo striato proietta al pallido, sia interno sia esterno, e sostanza nera parte reticolata;il segmento esterno del pallido proietta al nucleo subtalamico; quest’ultimo alla sostanza nera parte reticolata e segmento esterno del globo pallido. La sostanza nera proietta allo striato attraverso la via dopaminergica (la cui degenerazione è causa del Morbo di Parkinson) e anche al collicolo superiore. Le connessioni efferenti partono dal globo pallido parte interna (inibitoria) e sostanza nera verso il talamo e da qui alla corteccia premotoria del lobo frontale e all’area motrice supplementare.La via d’ingresso ai nuclei è doppia ed è stata categorizzata essenzialmente in: ξ Via diretta: putamen – g.p. interno – talamo – corteccia ξ Via indiretta: putamen – g.p. esterno – nucleo subtalamico – g.p.interno – talamo – corteccia

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Azzurra Amadei Contatta »

Composta da 32 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1216 click dal 22/09/2008.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.