Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sviluppo civile: per una critica simpatetica del paradigma dello sviluppo

L’economia contemporanea si trova oggi di fronte a due problemi fondamentali quello etico e quello ecologico. Questo lavoro vorrebbe esporre un’alternativa plausibile ai problemi che lo sviluppo deve affrontare: la scarsità delle risorse naturali e la marcata distinzione tra scienza economica mainstream ed etica. Lo sviluppo civile fondandosi sulle basi dell’economia civile e sullo sviluppo locale cerca di fornire una terza via che non sia né la crescita insensata né il rifiuto totale di una prospettiva di “sviluppo”.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Gli economisti e altri studiosi di scienze sociali generalmente si astengono dal proporre le proprie utopie, anche quando le hanno, perchØ temono di essere considerati ingenui sognatori; Ł bene vincere questo timore, naturalmente presentando le idee dopo una riflessione ancora maggiore di quella consueta . Paolo Sylos Labini Cos Ł lo sviluppo? La definizione sul dizionario Devoto-Oli recita cos : crescita, aumento progressivo, allargamento, espansione. In economia: aumento dell occupazione, della ricchezza, espansione, crescita . Se noi partissimo da questa definizione potremmo esclusivamente pensare allo sviluppo in termini quantitativi, ma non Ł cos . Lo sviluppo non Ł solamente l aumento di una data variabile nel tempo, bens l aumento della qualit della vita umana. La crescita, al contrario, non considera gli elementi qualitativi concentrandosi esclusivamente sugli elementi quantitativi. La crescita economica illimitata Ł razionale? La risposta sembra ovviamente negativa, ma se analizziamo il pensiero economico dominante degli ultimi decenni rischiamo di ritrovarci di fronte a un vero e proprio paradosso: la tecnica al servizio del mercato ha come unico obiettivo la crescita economica infinita in un mondo in cui per definizione le risorse sono finite. Il vulnus di ogni singolo ragionamento sullo sviluppo deve partire da questo problema. Questo lavoro, ripercorrendo la storia del concetto stesso di sviluppo economico, vorrebbe esporre un alternativa plausibile al problema dello sviluppo. Il sistema capitalistico Ł, per usare la metafora di Giorgio Ruffolo, un moderno Faust dannato alla crescita illimitata ed autodistruttiva.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Marco Cavallero Contatta »

Composta da 175 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1642 click dal 29/09/2008.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.