Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ''Nuovo Stile'' a Lucca - Gli artigiani del cemento tra fine ottocento ed inizi novecento

Questa ricerca nasce con l’intento di approfondire lo studio della cultura artiginale lucchese sul finire del diciannovesimo secolo e l’ inizio del ventesimo, prendendo in esame alcuni oggetti di “arte minore”, come le mattonelle di graniglia di marmo e le decorazioni in cemento.
E’ importante sottolineare come tali elementi appartengono ad un settore delle arti applicate poco studiato, ma che caratterizza gran parte dell’architettura italiana ed europea dell’epoca. Quest’ultima, definita attraverso il linguaggio stilistico conosciuto comunemente col nome di “Liberty”, oppure con quello più appropriato, specie nel caso italiano, di “storicismo architettonico”. Tale periodo si può collocare all’incirca tra il 1885 ed il 1915 (1).
I due materiali-guida di quegli anni possono essere considerati il ferro ed il cemento. Il ferro battuto servì per costruire eccellenti cancelli ed eleganti pensiline(con l’aggiunta del vetro), e come scheletro per le strutture architettoniche in cemento. Infatti l’unione tra questo malleabile materiale ed il ferro permettevano la realizzazione di elementi decorativi in aggetto, cari al gusto dell’epoca. Il repertorio era vario, partendo dalle semplici mensoline e dalle fasce marcapiano fino ad arrivare alle protomi di calcestruzzo(2), che decoravano le facciate delle palazzine ed i villini edificate dalla nascente borghesia lucchese. Questa, definita sia “di ritorno” (cioè di coloro che erano andati a far fortuna all’estero ……e ci erano riusciti), sia quella “nuova” (formata dagli abili commercianti ed imprenditori locali), volle fare sfoggio delle proprie possibilità economiche e distinguersi dalla massa, facendo costruire la propria abitazione signorile appena fuori le antiche mura di Lucca, precisamente lungo il viale di circonvallazione e sulle strade che vi convergono.

Mostra/Nascondi contenuto.
“Il Nuovo Stile” a Lucca 3 Introduzione: Questa ricerca nasce con l’intento di approfondire lo studio della cultura artiginale lucchese sul finire del diciannovesimo secolo e l’ inizio del ventesimo, prendendo in esame alcuni oggetti di “arte minore”, come le mattonelle di graniglia di marmo e le decorazioni in cemento. E’ importante sottolineare come tali elementi appartengono ad un settore delle arti applicate poco studiato, ma che caratterizza gran parte dell’architettura italiana ed europea dell’epoca. Quest’ultima, definita attraverso il linguaggio stilistico conosciuto comunemente col nome di “Liberty”, oppure con quello più appropriato, specie nel caso italiano, di “storicismo architettonico”. Tale periodo si può collocare all’incirca tra il 1885 ed il 1915 (1). I due materiali-guida di quegli anni possono essere considerati il ferro ed il cemento. Il ferro battuto servì per costruire eccellenti cancelli ed eleganti pensiline(con l’aggiunta del vetro), e come scheletro per le strutture architettoniche in cemento. Infatti l’unione tra questo malleabile materiale ed il ferro permettevano la realizzazione di elementi decorativi in aggetto, cari al gusto dell’epoca. Il repertorio era vario, partendo dalle semplici mensoline e dalle fasce marcapiano fino ad arrivare alle protomi di calcestruzzo(2), che decoravano le facciate delle palazzine ed i villini edificate dalla nascente borghesia lucchese. Questa, definita sia “di ritorno” (cioè di coloro che erano andati a far fortuna all’estero ……e ci erano riusciti), sia quella “nuova” (formata dagli abili commercianti ed imprenditori locali), volle fare sfoggio delle proprie possibilità economiche e distinguersi dalla massa, facendo costruire la propria abitazione signorile appena fuori le antiche mura di Lucca, precisamente lungo il viale di circonvallazione e sulle strade che vi convergono. Determiniamo così ________________________________________________________________________________ 1 “….la vicenda del modernismo si svolge lungo l’arco di circa un trentennio dal 1885 al 1915…”. Rossana Boscaglia, “Liberty, storia e fortuna del Liberty italiano”- Ed. Sansoni, 1974 (pag.8). 2 Calcestruzzo: impasto formato da sabbia, ghiaia, pietrisco, cemento ed acqua, che una volta indurito crea una massa monolitica (sinonimo di calcestruzzo è Beton);

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Stefania Reina Contatta »

Composta da 199 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 961 click dal 05/12/2008.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.