Skip to content

Parco delle Gole della Breggia - La storia geologica, le trasformazioni antropiche ed il recupero ambientale nella Valle del torrente Breggia

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Balzaretti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze Umane dell’Ambiente, del Territorio e del Paesaggio
  Relatore: Luca Ottenziali
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 44

L’argomento che ho trattato nel mio elaborato è il Parco delle Gole della Breggia. Il comprensorio interessa la parte inferiore della Valle di Muggio, Canton Ticino, Svizzera, tra il ponte di Castel San Pietro e lo svincolo autostradale di Balerna/Chiasso. Corrisponde al solco scavato dal torrente Breggia e interessa i comuni di Castel San Pietro, Morbio Superiore, Morbio Inferiore e Balerna.

Il parco annovera fra le sue caratteristiche principali la presenza di una serie stratigrafica che, unanimemente, è riconosciuta di grande importanza e che offre significative informazioni sugli avvenimenti che si sono succeduti circa 200 milioni di anni fa; ma non solo: gli elementi naturalistici, in primis il torrente Breggia e di seguito il bosco con tutti gli esseri che lo popolano, contribuiscono ad avvalorare un’area che già di per sé ricopre un ruolo importante, non solo come oasi per la protezione ambientale, ma anche quale baluardo di un corridoio ecologico che mette in comunicazione le Alpi della Svizzera con i vari parchi italiani quali la Spina Verde di Como, l’area protetta della Brughiera Comasca, il Bosco delle Querce nei Comuni di Seveso e Meda, fino ad giungere al Parco Nord in territorio milanese.

Oltre agli elementi ambientali, che certamente focalizzano l’attenzione dell’osservatore, devono essere considerate le numerose presenze storiche di epoche più o meno lontane: legati a filo doppio al corso della Breggia, in particolare i numerosi mulini che un tempo rappresentavano un’importante fonte di guadagno per le popolazioni locali e che attualmente attraggono la curiosità dei turisti; i ponti costruiti in sasso e le antiche vie che attraversano il parco e la valle di Muggio che lo racchiude, testimoni del lavoro che da secoli l’uomo ha offerto in cambio della mera sopravvivenza.

Il parco è stato istituito con il principale scopo di proteggere un territorio di grande valore naturalistico ed antropico, ma col passare del tempo si è deciso di aprire le porte ad un turismo responsabile e rispettoso dei luoghi, a questo fine sono sorti punti di ristoro e altri servizi per i visitatori, così facendo si è creata un’area protetta per lo sviluppo della minuta fauna locale.

Oltre a quelli già accennati, un ulteriore motivo che mi ha spinta ad occuparmi del parco, riguarda il recupero di una zona industriale ormai dismessa che occupa una porzione considerevole dell’intero territorio protetto, comunemente chiamata ex-Saceba. Sull’area sorgono numerosi edifici che sino a pochi anni or sono, facevano parte del complesso per la produzione del cemento.

Da qualche tempo l’attività produttiva è cessata, così come l’estrazione in galleria della materia prima, si è quindi iniziato a discutere di un progetto che fosse rispettoso di tutti gli elementi endemici del parco, cercando di far convergere gli obiettivi di tutti gli attori coinvolti, verso un progetto finale che, come si vedrà in seguito, racchiuderà la protezione ambientale, la fruizione turistica e il rispetto per la memoria storica.

In conclusione, non credo di eccedere se definisco il Parco delle Gole della Breggia come un piccolo gioiello caratterizzato da numerose specificità, un luogo nel quale la protezione ambientale ed il rispetto per il passato si integrano egregiamente con l’attività turistica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Parco delle Gole della Breggia Valentina Balzaretti -7- 1. Introduzione. 1.1 Introduzione al Parco delle Gole della Breggia. Quando ho deciso di intraprendere il lavoro che mi accingo a presentare, non ero certa della bontà della mia scelta, dopotutto avrei dovuto parlare di un luogo sconosciuto ai più e che apparentemente offriva pochi stimoli di interesse, abituati come siamo a ricevere informazioni su larga scala, grandi numeri, grandi spazi, tempi medio lunghi. Mi sono chiesta quindi, se non fosse presunzione presentare un elaborato che trattasse di un parco che si percorre a piedi in due ore per tutta la sua lunghezza, oppure un atteggiamento nostalgico verso un luogo vicino a casa che, seppur superficialmente, conoscevo per esserci andata più volte a passeggiare anche prima di dedicarmi al presente lavoro. Si può quindi ben comprendere quale piacevole stupore nello scoprire, mano a mano che mi addentravo nella ricerca di elementi utili alla documentazione del mio scritto, tutte le significative peculiarità, naturali e antropiche, di questo piccolissimo lembo di territorio, non ultima la presenza di un cementificio che come vedremo, se sarà gestita con sagacia, potrà trasformarsi da realtà ingombrante a carta vincente per il futuro del parco. Il parco annovera fra le sue caratteristiche principali la presenza di una serie stratigrafica che, unanimemente, è riconosciuta di grande importanza e che offre significative informazioni sugli avvenimenti che si sono succeduti circa 200 milioni di anni fa; ma non solo: gli elementi naturalistici, in primis il torrente Breggia e di seguito il bosco con tutti gli esseri che lo popolano, contribuiscono ad avvalorare un’area che già di per sé ricopre un ruolo importante, non solo come oasi per la protezione ambientale, ma anche quale baluardo di un corridoio ecologico che mette

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

breggia
cementificio
geologico
gole
mulini
parco
recupero ambientale
salvaguardia
torrente

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi